Juniores, pari del Cosenza a Brindisi

COSENZA – Esame superato. La Juniores di Trocini supera a pieni voti il primo esame di maturità, tornando da Brindisi con un punto d’oro. Un punto che fa classifica e morale. La trasferta era particolarmente insidiosa per diversi motivi: la posta in palio,

la voglia di proseguire sul filotto di vittorie inanellato, il desiderio di rimanere in testa alla classifica e fare uno sgambetto alla comprimaria in prima posizione. Senza dimenticare che Brunello Trocini doveva fare a meno di Naccarato, autentico funambolo di centrocampo, con il vizio del gol. In campo, però, i Lupacchiotti hanno messo la grinta necessaria e la maturità tattica per gestire bene la partita e tornare a casa con il quinto risultato utile consecutivo. Sin dal fischio d’inizio, il Cosenza ha tenuto in mano le redini del gioco, controllando bene il cventrocampo e tenendo a debita distanza i padroni di casa. Con il passare dei minuti, i rossoblù hanno continuare a macinare gioco, facendo vedere un gran bel calcio: tocchi di prima, incursioni sulle fasce, tiri dalla distanza. Insomma un bel manuale di calcio messo in pratica. Il predominio rossoblù s’è concretizzato al 33′, quando i Lupacchiotti sfruttano alla perfezione un corner che il difensore Rocca, con il perfetto tempismo dell’ariete d’area, si libera dalla marcatura dei difensori brindisini ed insacca in rete. Il gol galvanizza l’undici di Trocini che, mantiene il pallino del gioco e produce azioni offensive. Quando ormai la vittoria sembrava cosa fatta e i tre punti in tasca, arriva la doccia fredda. Il cronometro segna il 79′, Ostuni conquista una punizione e si incarica della battuta. La traiettoria è vincente. La palla gonfia la retee fa esultare il pubblico di casa. da quel momento in poi, le due squadre non fanno più nulla, accontentandosi del punto che permette ad entrambe di rimanere lassù in vetta. Al triplice fischio finale, tutti negli spogliatoi. Il pareggio è lo specchio fedele di quello che si è visto in campo.