Il Cosenza a Ischia a caccia della matematica salvezza. Poi si progetterà il futuro ancora con Roselli

La squadra è partita questa mattina alla volta di Ischia, dove domani pomeriggio alle 16.00 cercherà di chiudere definitivamente il discorso salvezza ed iniziare a gettare le basi della prossima stagione. Roselli deve rinunciare a Criaco, Cesca e Tortolano infortunati, Blondett e Calderini squalificati

COSENZA – Messa momentaneamente da parte la finale di Coppa Italia, dopo la splendida prova di mercoledì e la grandinata di reti che si è abbattuta sul Como, il Cosenza cerca la giusta concentrazione in vista del match di campionato che vedrà i rossoblu di scena allo stadio “Enzo Mazzella” di Ischia domani pomeriggio alle 16.00, per la 34′ giornata. Il Cosenza vive un momento di forma straordinario, che ha consentito alla squadra di inanellare qualcosa come 8 risultati utili consecutivi (9 se consideriamo anche il match di Coppa di 3 giorni fa) subendo una sola rete. Di contro domani ci sarà una squadra in lotta per la salvezza, reduce dalla vittoria contro la Reggina al Granillo, che non perde da 4 gare, ma penalizzata di un punto dal Tribunale Federale Nazionale. Una squadra da non sottovalutare quella di mister Maurizi, sopratutto da affrontare con la giusta mentalità e concentrazione. Proprio per questo la società, di comune accordo con mister Roselli, ha preferito anticipare a questa mattina la partenza della squadra per l'”Isola Verde”. I rossoblu con una vittoria otterrebbero la matematica salvezza. Ma potrebbe bastare anche il pareggio, sempre che i “cugini” giallorossi battano al Ceravolo il Messina dell’ex Corona. Ma a decidere la corsa salvezza, alla fine, potrebbero essere le penalizzazione che stanno ghigliottinando diverse formazioni. Per la gara di domani sono 18 i calciatori convocati da mister Roselli che ritrova Corsi e Fornito assenti a Como, ma dovrà fare a meno di Marco Criaco affaticamento, Alessandro Cesca contusione ed Emiliano Tortolano febbre, che non sono partiti con i compagni, così come gli squalificati Blondett e Calderini.

Guarascio entusiasta progetta il futuro. Roselli verso la riconferma – La vittoria a Como ha risvegliato l’entusiasmo dei tifosi e di una città che ha fame di calcio. Le foto, i messaggi sui social network e il calore con il quale sono stati accolti i calciatori e il mister al ritorno in città dopo la vittoria in terra lombarda, ne sono la più lampante dimostrazione. Il tifo rossoblu è una polveriera che attende solo di essere incendiata. Lo sa bene il presidente Guarascio che sia in occasione del Centenario festeggiato un anno fa, che nel derby contro il Catanzaro dello scorso Settembre, ha visto di cosa sia capace questa città con la sua provincia per la propria squadra del cuore. Per questo serve chiarezza e programmazione sin da subito. Con molta probabilità dopo il ritorno di Coppa Italia, il presidente incontrerà mister Roselli per offrirgli il rinnovo del contratto. Poi sarà la volta dei calciatori: il numero 1 di via Degli Stadi cercherà di trattenere i pezzi pregiati, mantenendo intatta l’ossatura della squadra e rinforzandola con elementi di spessore. Ieri pomeriggio era la Marca dove ha fatto i complimenti alla squadra, intrattenendosi con il DS Meluso e mister Roselli. Che abbia già cominciato a parlare del Cosenza edizione 2015/2016?

      Il presidente del Cosenza con Roselli e Meluso durante l’allenamento di ieri pomeriggio