San Vito ‘stregato’. I rossoblu sprecano e con il Messina finisce 0 a 0

Il Cosenza gioca un’ottima gara, soprattutto nel primo tempo, ma i suoi attaccanti fanno a gara a chi sbaglia di più. Il Messina si difende strenuamente ed alla fine finisce 0 a 0. Nel primo tempo Ravaglia respinge un caclio di rigore a Corona.

 

COSENZA – È stato un buon Cosenza, occorre dirlo, soprattutto quello visto nel primo tempo che ha provato in tutti i modi a regalare il primo sorriso casalingo ai propri tifosi ed un esordio coi fiochi a Roselli. Ma alla fine il risultato ad occhiali sta bene solo al Messina, che ha pensato quasi esclusivamente a difendersi per tutta la partita. Per i rossoblu, invece, il SanVito resta tabù. La squadra di Roselli è riuscita nell’impresa di sbagliare sotto porta l’impossibile. Certo, Il portiere Iuliano ha sfoderato un paio di interventi straordinari, ma per una squadra che ha la necessità assoluta di vincere e fare punti, non si possono sbagliare tutte queste occasioni perché alla lunga i punti lasciati per strada peseranno. Alla fine il pubblico ha comunque applaudito la prova del Cosenza, con i tifosi che hanno visto la loro squadra lottare fino alla fine, ma per salvarsi occorre buttarla dentro ed essere più cattivi, che se lo mettano in testa i giocatori. Roselli, in settimana, avrà di che lavorare

La partita – Esordio casalingo per mister Roselli, che cerca contro il Messina la sua prima vittoria sulla panchina rossoblu. Cosenza che deve dare seguito alla bella prestazione di Lecce, ma che ha l’obbligo assoluto di smuovere la classifica. Cosenza con il 4 4 2 annunciato alla vigilia; Roselli rinuncia a Blondett, Zanini e Criaco, che vanno in panca a far compagnia al nuovo arrivato Cesca e lancia dal primo minuto Caccetta e Fornito a centrocampo, mentre in avanti confermata la coppia Cori Calderini supportati da Alessandro. Stesso modulo per il Messina dell’ex Grassadonia, che può contare sul rientro di Bucolo a centrocampo, mentre in avanti le speranze dei giallorossi sono affidate sull’esperienza del “vecchio” bomber Corona.

La porta del Messina è stregata, “Re “ Giorgio si divora un rigore – La partita inizia tra gli applausi dei tifosi del Cosenza, assiepatati in tribuna nel ricordo di Piero Romeo. I rossoblu partono subito pigiando il piede sull’acceleratore costringendo il Messina sulla difensiva. Ma dopo un paio di sortite sulla corsia di destra con Ciancio e Fornito, al minuto 11’ Sperotto commette un ingenuo fallo in area rossoblu strattonando Pepe. Il signor Strippoli dopo un attimo di esitazione concede il calcio di rigore. Dagli 11 metri va Corona ma Ravaglia intuisce il tiro e respinge tra il tripudio dei tifosi. Scampato il pericolo i lupi cercano di riorganizzarsi, mentre in panchina un tarantolato Roselli si sbraccia per dare indicazioni ai suoi. Al 21’ doppia occasione per il Cosenza: Fornito prova un tiro non irresistibile dal limite che Iuliano respinge con difficoltà, sulla ribattuta si avventa Cori ma il suo tiro viene ribattuto con i piedi ancora al portiere siciliano. Il Cosenza spinge ma ci mette anche del suo, evidenziando i soliti limiti sotto porta e non riuscendo a concretizzare neanche le occasioni più facili come al 22’ quando Caccetta, liberato da una punizione di Fornito, cicca incredibilmente la sfera a un metro dalla porta. Al 24’ si rifà vivo il Messina con una sventola di Bucolo che finisce alla sinistra di Ravaglia. Risponde il Cosenza ed è ancora una azione goal divorata: Calderini libera Cori in area, ma l’attaccante incredibilmente invece di tirare si allunga la sfera e Iuliano in disperata uscita riesce a respingere. Il copione si ripete al 38’ questa volta con Calderini che per ben tre volte si vede respingere la sfera dall’estremo giallorosso in versione “saracinesca”. Incredibile! Il Cosenza è una squadra rigenerata, gioca bene, produce finalmente azioni da goal, ma i suoi attaccanti fanno davvero a gare a chi sbaglia di più e il primo tempo si chiude sullo 0 a 0.

 

Co Me drop2

Nel secondo tempo i ritmi calano, la paura la fa da padrona e lo 0 a 0 è inevitabile – Seconda frazione che si apre con lo stesso canovaccio del primo tempo: Cosenza in avanti spinto dalle giocate di Calderini e Fornito, Messina rintanato nella propria difesa pronto a ripartire di rimessa. Dopo un paio di tentativi del Cosenza su calcio di punizione, nel giro di pochi minuti arriva una girandola di cambi: Roselli mette in campo Criaco e Arrigoni per Alessandro (in ombra per tutto il match) e Corsi. Nel Messina Grassadonia sostituisce Corona (fischiatissimo dai tifosi rossoblu) per Bjelanovic. Dopo una decina di minuti in cui le due squadre si affrontano per lo più a centrocampo, arriva un’occasione per parte. Prima al 67’ Ravaglia la combina grossa, svirgolando un pallone che finisce sui piedi di Bjelanovic, che da posizione decentrata prova il tiro, ma colpisce l’esterno del palo. Poi, sul capovolgimento di fonte, è Calderini a provarci raccogliendo un cross di Sperotto ma il suo tiro finisce al lato. Il ritmo cala, le due squadre cercano di non scoprirsi e inevitabilmente ne risente lo spettacolo. Il Cosenza non riesce più a proporsi con continuità in attacco ed allora i peloritani fanno capolino più insistentemente nella metà campo rossoblu, cercando il colpaccio. Al minuto 81’ ci prova Nigro con un gran tiro da fuori area che fa la barba al palo. Il Cosenza appare stanco dopo il forcing del primo tempo e il timore di subire anche la beffa, fa indietreggiare la squadra di Roselli che non crea praticamente più nulla, fatta eccezione per una plastica rovesciata di Cori al 90’ che finisce al lato. Dopo 6 minuti di recupero il fischio finale. Il Cosenza è sulla via giusta, la difesa ha retto bene, il centrocampo ha dato i giusti rifornimenti per le pounte, ma occorre segnare per vincere le partite, a iniziare da sabato prossimo contro La Vigor Lamezia.

Cosenza – Messina: 0 -0

Cosenza Calcio: Ravaglia, Magli, Ciancio, Sperotto, Tedeschi, Fornito, Caccetta (72’ De Angelis), Corsi (53’ Arrgoni), Alessandro (52’Criaco), Calderini, Cori
Panchina: Saracco, Zanini, Blondett, Arrigoni, Criaro, De angelis, Cesca
Allenatore: Giorgio Roselli

 

Messina: Iuliano, Bencivenga, Donnarumma, Bucolo, Silvestri, Stefani, Orlando, Pepe, Izzillo (71’Nigro), Diamonte, Corona (54’ Bjelanovic)
Panchina: Lagomarsini, Marin, Bortoli, Nigro, Paez, De Bode Bjelanovic
Allenatore: Gianluca Grassadonia

Arbitro: Signor Strippoli di Bari

Ammoniti: Diamonte (M), Bucolo(M), Stefani (M)

Esplusi:

Angoli: 5 – 5

Note: Giornata nuvolosa, terreno appesantito dalle piogge degli ultimi giorni. Spettatori presenti 1.877 (paganti+ quota abbonati) con 200 di supporters provenienti da Messina. I tifosi della Curva Sud hanno assistito alla gara dalla Tribuna A aderendo all’iniziativa “Tifosi Tra i Tifosi” insieme ai disabili. Al 12′ del primo tempo Corona sbaglia un calcio di rigore facendosi respingere la sfera da Ravaglia.

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Ballottaggio a Montalto Uffugo, alle 19 affluenza al 25,2%. Al primo turno aveva votato...

MONTALTO UFFUGO (CS) - Resta inferiore rispetto alla precedente tornata, l'affluenza alle urne a Montalto Uffugo dove sono in corsa, al turno di ballottaggio...
Vaccarizzo albanese panorama

Vaccarizzo Albanese, partono i lavori di ammodernamento sulla Provinciale 180

VACCARIZZO ALBANESE (CS) - La SP 180 sarà chiusa al traffico veicolare da lunedì 24 giugno fino al 2 agosto, per consentire in massima...

Cosenza: al via il concorso letterario di narrativa breve ‘Riccardo Sicilia’

COSENZA - E' stato bandito dall’Associazione Biblioteca delle donne Fata Morgana e dall’Associazione culturale Il Filo di Sophia, la seconda edizione del concorso letterario...

Praia a Mare: Italia Nostra «a rischio un altro platano monumentale su viale della...

PRAIA A MARE (CS) - Italia Nostra - sezione Alto Tirreno Cosentino - lancia l'allarme su un altro grande platano monumentale del Viale della...

Autonomia differenziata, Ciacco «la battaglia di Rosaria Succurro è ipocrita propaganda»

COSENZA - "Evidentemente la sconfitta che qui, a Cosenza, quindici giorni fa, in occasione delle elezioni per il parlamento europeo, ha sonoramente subito Forza...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Con Ursino e Delvecchio il Cosenza può davvero puntare al salto...

COSENZA - Sono bastate le parole, nette, chiare e dirette, di un professionista, ma anche di un vecchio volpone del calcio come Beppe Ursino,...

Cosenza Calcio: Ursino «voglio vincere, ma non dobbiamo sbagliare». Delvecchio «voglia...

COSENZA - C'era Entusiasmo, ambizione e tantissima voglia di mettersi subito al lavoro e fare bene nelle parole dei due nuovi protagonisti del futuro...

Il Cosenza riscatta Gennaro Tutino, l’annuncio di Guarascio

COSENZA - Il giorno delle presentazioni in casa Cosenza, ma anche delle risposte. Questa mattina, nella sala 'Bergamini' dello stadio San Vito - Marulla,...

Inizia l’era di Gennaro Delvecchio al Cosenza. Ufficializzato il nuovo DS,...

COSENZA - Dopo il direttore generale Ursino, ecco l'ufficializzazione anche di Gennaro Delvecchio, nuovo DS del Cosenza Calcio con un contratto di due anni....

BHICA, la maison di benessere luxury tutta calabrese che sta conquistando...

COSENZA - Si chiama BHICA, acronimo di Biological Healthy Italian Calabria Attitude, ed è la startup del benessere "Made in Calabria" che si posiziona...

Cosenza: la Villa Vecchia tornerà all’antico splendore: oltre 2 milioni per...

COSENZA – La Villa Vecchia di Cosenza, uno dei luoghi simboli della città, con il suo polmone verde risalente al 1600, è pronta a...