ASCOLTA RLB LIVE
Search
e135599ea2b24a561dad87a77fc50921

Cappellacci:’ora serve continuità di risultati. La Juve Stabia? Squadra difficile e pericolosa’

Cosenza – Così l’allenatore silano in conferenza stampa: “la vittoria di Matera ha rasserenato l’ambiente ma il momento difficile non è passato. Le assenze a centrocampo? Mi preoccupano come normale che sia, perché la Juve Stabia è squadra di qualità, ma a noi servono punti”.

Dopo aver ritrovato la via del successo dopo un digiuno durato quasi 8 mesi, grazie alla caparbia prestazione di Matera, il Cosenza è chiamato a confermarsi contro la Juve Stabia nel difficile incontro di domani al San Vito (fischio di inizio alle ore 14.30). E non sarà sicuramente semplice, sia per la qualità dell’avversario, sia perché i rossoblu sono in piena emergenza a causa delle squalifiche, compreso lo stesso Cappellacci, che guarderà la sua squadra dalla tribuna. Il tecnico ha il suo bel da fare per mettere in campo un 11 titolare che possa offrire buone garanzie. In settimana ha provato diverse soluzioni, adattando anche giocatori in altri ruoli e provando vari moduli di gioco. Le riserve verranno sciolte solo domani, quando l’abruzzese deciderà chi giocherà e anche se rischiare Caccetta dal primo minuto o a partita in corso, come più probabile. Questa è quanto ha lasciato intendere Cappellacci nella conferenza stampa di questa mattina, dove ha anche analizzato la gara di domani senza fasciarsi la testa per i giocatori che mancheranno ”non è la prima volta che scendiamo in campo con una formazione rimaneggiata. Anche nelle partite precedenti, seppur per situazioni diverse, siamo stati alle prese con diverse assenze. Sicuramente quelle di domani sono più pesanti, perché colpiscono calciatori che erano in un ottimo momento forma, quindi qualche difficoltà l’abbiamo, ma faremo anche questa volta di necessità virtù e non ci lamentiamo, visto che la colpa è nostra trattandosi di squalifiche e non di infortuni”.

Sulla partita di domani –Veniamo da una settimana più serena dove abbiamo lavorato senza quel clima pesante che si era venuto a creare nelle ultime settimane. Ma questo non cambia nulla, perché non siamo certo salvi o primi in classifica. Siamo sempre la stessa squadra di prima con le nostre difficoltà, quella di 20 giorni fa che faceva una fatica tremenda, ma anche quella che sabato ha vinto a Matera. Dobbiamo dimostrare tanto per dire che il momento critico sia passato o che aver vinto sabato è stato solo un episodio. Domani abbiamo la possibilità di dare continuità, pur sapendo che giochiamo ancora contro squadre che hanno qualcosa in più di noi e la Juve Stabia è una di queste. Una squadra di prima fascia che verrà a Cosenza per cercare di vincere, ma noi abbiamo la necessità di dare continuità alla vittoria di Matera dopo due mesi di lavoro, oltre a poter finalmente trovare la via dei tre punti anche al San Vito”.

Bene per la vittoria ma gli episodi… –Non c’è dubbio che la vittoria ci abbia fatto bene e questa è la migliore medicina, a patto che non sia un episodio isolato. Certo Matera ci ha aiutato e ci ha dato una boccata di ossigeno. Ma io resto comunque dell’idea che questa squadra ha delle difficoltà e sta facendo fatica in questo campionato. Deve sempre superarsi per fare una prestazione di livello e quando questo succede spesso non basta, perché devi sempre sperare che anche gli episodi ti diano una mano. In fondo la prestazione di Matera non era tanto diverse da altre in cui magari nonostante la buona prova hai perso ed hai anche preso tre goal”.

Il centrocampo di domani –Ho provato diverse soluzioni, anche adattando giocatori ad un ruolo non proprio loro come feci lo scorso anno con Bigoni a centrocampo ma li fu diverso, perché poi cambiammo modulo. Ma sicuramente non posso snaturare la squadra, un terzino non può fare il centrocampista né posso rischiare giocatori che non sono ancora in forma, visto che comunque i giocatori in quel ruolo bene o male ci sono. Devo pensare non solo all’inizio della partita ma a tutti i 90 minuti, ragionando anche che a partita in corso posso avere un’alternativa da buttare dentro (Caccetta ndr.). Questa è una partita particolare visto che molte assenze sono a proprio centrocampo, ma passata questa partita poi riavremo Cori e Fornito. Speriamo di reggere botta, perché dall’altra parte ci saranno giocatori con esperienza e un po’ mi preoccupa, ma nonostante le difficoltà a fare la partita sono convinto che ci saremo e ce la metteremo tutta”.