Cosenza è notte fonda: alla Casertana basta un eurogoal di Bianco - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Cosenza è notte fonda: alla Casertana basta un eurogoal di Bianco

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Terza sconfitta consecutiva per i rossoblu che precipitano all’ultimo posto in classifica. Squadra senza gioco e senza anima. Decide un super goal di Bianco al 8’ del primo tempo. E domenica arriva il Catanzaro in un derby che si annuncia infuocato

Il Solito Cosenza verrebbe da dire. Inguardabile per lunghi tratti della partita, a volte anche irritante, la squadra di Cappellacci entra in una crisi che sembra irreversibile. Con la terza sconfitta consecutiva e la seconda peggior difesa del campionato, i lupi scivolano all’ultimo posto in classifica in compagnia del Martina con due miseri punticini. La squadra ha evidentissime lacune in tutti i reparti di gioco, non crea praticamente nulla, non si vede una verticalizzazione, mai una giocata di prima… il nulla e non si capisce come se ne possa uscire. Non è bastata la grinta (quella si) messa in campo al Pinto stasera, non è bastato mettere Fornito dal primo minuto per dare una scossa ad una situazione che è diventata imbarazzante. Alla Casertana è bastato il “gollazzo” di Bianco per incamerare i 3 punti senza soffrire mai e controllare l’incontro praticamente per tutti e 90 i minuti. La settimana che porta la derby con il Catanzaro si preannuncia infuocata in campo e fuori.

Cosenza grintoso ma povero di idee, Casertana cinica. Bianco che goal!

La Casertana si presenta con un offensivo 4 3 3 con Mancino in cabina di regia affiancato dal promettente Mancosu, pronti a innescare le incursioni dei due “colored” Diakitè e Cisse. Nel Cosenza, invece, Cappellacci cambia ancora. Dentro Tedeschi al centro della difesa con Blondett terzino, ma soprattutto in campo per la prima volta c’è Fornito che prende il posto di Criaco che si accomoda in panchina insieme a Manolo Mosciaro al quale gli viene preferito Cori. Alessandro torna titolare al posto di Sassano. In porta Saracco sostituisce Ravaglia rimasto a Cosenza dopo il colpo alla testa subito in allenamento. La partita inizia con ben 30 minuti di ritardo a causa di un black out elettrico sull’impianto di illuminazione del Pinto. Alla ripresa è subito doccia fredda per il Cosenza. La Casertana batte il primo angolo della partita; la difesa silana respinge la sfera che viene raccolta da Bianco. Bellissimo tiro al volo di sinistro da 25 metri e palla che si insacca alla sinistra di Saracco proteso vanamente in tuffo. Un eurogol che porta in vantaggio i falchetti e fa incassare al Cosenza la nona rete in sole 5 partite. Al 13 ci prova Corsi che raccoglie un errato disimpegno della Casertana e tira dal limite con pallone che esce di poco al lato. Al 17 si fa vedere la Casertana con un incursione di Mancino sventato in angolo dalla difesa del Cosenza. Al 23 arriva l’immancabile erroraccio del Cosenza, con il portiere Saracco che esce dalla sua aera in modo a dir poco avventato e per poco non regala il raddoppio ai falchetti. I lupi denotano le solite difficoltà a verticalizzare il gioco anche se mostrano sicuramente più grinta rispetto alle ultime uscite, ma si crea con il contagocce e soprattutto su calcio da fermo. Su uno di questi Fornito per poco non trova il pareggio, ma la sua punizione (deviata) fa la barba al palo. Dopo 2 minuti di recupero finisce il primo tempo.

Secondo tempo. Il Cosenza ci prova, i falchetti gestiscono

Il Cosenza ritorna in campo cercando subito di spingere sull’acceleratore alla ricerca del pareggio. Al 52 Calderini sfonda a sinistra e mette dentro per Cori che si allunga ma non riesce ad impattare la sfera da buona posizione. Al 58 il primo cambio è dei falchetti. Esce Antonazzo per far posto a Chiavazzo. Il pressing della Casertana è asfissiante e il Cosenza è costretto spesso a rinculare e cercare le punte solo con lanci lunghi che sono quasi sempre preda della difesa di casa. Al 61 finisce la partita di Mancino che lascia il campo per noie muscolari. Il Cosenza ci prova più con la forza dei nervi che con azioni manovrate, ma la Casertana difende senza affanni e cerca di affondare in contropiede con Chiavazzo che calcia alto da buona posizione. Eloquente, poi, quel che succede al 69, quando a scaldare le mani a Fumagalli è addirittura il difensore Blodett con un tiro da fuori. Alla mezzora il terzo e ultimo cambio per la Casertana. Esce Cisse per far posto a Ricciardo. Al 75 Cappellacci finalmente capisce che è il momento di cambiare qualcosa ed effettua una doppia sostituzione. Escono Alessandro e Cori per Mosciaro e Tortolano, con l’intento di dare più vivacità al gioco d’attacco ma con scarsi risultati. Succede davvero poco, la Casertana si limita a controllare e il Cosenza non si rende quasi mai pericoloso. Al 81 l’ultimo cambio in casa Cosenza. Criaco rileva Fornito. Senza infamia e senza lode la prova del giovane centrocampista. Il Cosenza non ne ha più e i falchetti portano a casa la prima vittoria tra le mura amica e la seconda consecutiva. Per il Cosenza invece è notte fonda.

 

Casertana – Cosenza: 1 – 0

Maracatori: 8’ Bianco

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA

Casertana: Fumagalli, Bruno, Idda, Murolo, Bianco, Antonazzo (58 Chiavazzo), De Marco, Cisse (73 Riccardo), Mancosu, Mancino (61 Cunzi), Diakitè

Panchina: D’Agostino, D’Alterio, Tito, Rajicic, Chiavazzo, Cunzi, Ricciardo.

Allenatore: Gregucci

 

Cosenza Calcio: Saracco, Blondett, Magli, Ciancio, Tedeschi, Arrigoni, Corsi, Fornito, Alessandro (75 Mosciaro), Calderini, Cori (75 Tortolano)

Panchina: Puterio, Bertolucci, Zanini, Criaco, Sassano, Tortolano, Mosciaro

Allenatore:Cappellacci

 

Arbitro: Rasia di Bassano Del Grappa

Ammoniti: Calderini (CS), Ciancio (CS), Corsi(CS), Murolo (CA), Carrus (CA), Mancosu(CA), De Marco(CA), Blondett (CS)

Note: Serata tipicamente autunnale, terreno in ottime condizioni. Partita iniziata con 30 minuti di ritardo per un guasto all’impianto di illminazione. Spettatori 2.600 circa con un centinaio di tifosi del Cosenza. Rinnovato il gemellaggio storico tra le due tifoserie

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza