Calcio, Gagliardi e Trocini: scommesse vincenti di Stefano Fiore

COSENZA – Scommesse vincenti. Stefano Fiore, direttore sportivo della Nuova Cosenza Calcio, è sempre di più l’uomo immagine del calcio cittadino. Non poteva essere diversamente, visto i tuoi trascorsi con le maglie di grandi club italiani ed esteri e con indosso anche la casacca della Nazionale. Da tempo, da quella sciagurata retrocessione in serie D, l’ex numero 10 della squadra rossoblù, ha appeso le scarpette al chiodo, ma non la voglia di rimanere nel pallone.

Ed è proprio con questa sua esperienza di regia e costruzione della squadra silana che, Fiore s’è fatto conoscere ed apprezzare anche dietro la scrivania. Anche lui con la tattica e l’eleganza di un fuoriclasse è riuscito, con abili dribbling, a scartare le critiche, confondere gli scettici e fare del suo Cosenza un bel trampolino di lancio per giovani calciatori in cerca di notorietà e allenatori motivati a costruirsi un futuro nel calcio che conta. Le sue due ultime scommesse vincenti, sono Gianluga Gagliardi e Brunello Trocini. Il primo, alla guidfa della prima squadra rossoblù, si sta ritagliando uno spazio privilegiato sulla stampa, con quel suo modo di vivere il calcio, quel suo perfezionismo tattico di disegnare la squadra in campo e quel suo stile di tecnico che, seppur emergente, ha il piglio del trainer dell’esperienza. Non è un caso che il Cosenza di gagliardi, vince, convince e conquista pubblico e primato in classifica. Anche la Juoniores di Brunello Trocini ha aperto il suo campionato nel segno del tutto liscio. Due gare, sei punti. Nella prima di campionato, sul campo di matera, contro i pari età lucani, la squadra di Trocini ha offerto una prestazione di alta scuola calcistica. Squadra aggressiva, pressing asfisiante, centrocampo dinamico, attacco micidiale. Un’organizzazione tattica che ha permesso ai lupacchiotti silani di tornare da Matera con tre punti in tasca, frutto di quell’1-0 finale. Sabato scorso il secondo boom, questa volta tra le mura amiche. A cadere sotto i colpi della Juniores di Trocini è stato il Potenza, disintegrato con un perentorio 4-0, firmato da Naccarato, Magarò, Volpe e Scanni.