Didattica a distanza… Game Over della Scuola italiana

Il replicante di Blade Runner, Roy Butty, avrebbe detto: “ho visto scuole che voi umani non potete immaginare…”

 

Ho visto compiti che voi umani non potete immaginare… ho visto piattaforme, registri elettronici e collegamenti che voi umani non potete immaginare… ho visto mamme e papà coniugare i verbi e scomporre i numeri in fattori primi… tra un aggiustare un letto o cucinare gli spaghetti. Ho visto studenti in pigiama mettersi le dita nel naso… ho letto temi copiati da Wikipedia... ho visto tonnellate di compiti e verifiche che nessuno umano ha mai visto”.

Insomma, se mai fosse stato necessario, il virus ha scoperchiato il vaso di pandora della Scuola italiana abbandonato e dimenticato da anni, mostrando tutte le lacune che il mondo stesso della Scuola ha accumulato in questi anni. Una Scuola troppo lontana dal mondo dei giovani, non aggiornata, non evoluta e non al passo dei tempi… soprattutto quelli tecnologici! Al di là di piccole realtà o esempi positivi la Scuola nel periodo di emergenza ha espresso il suo totale Game Over!… la didattica a distanza è stato un fallimento totale ed il prezzo, altissimo, ricadrà sugli studenti di ogni ordine e grado per gli anni a seguire.

La pandemia ha messo a nudo tutto i limiti della Scuola, tracciando un segno indelebile in quello che per forza dovrà essere la Scuola di domani… perché quella di oggi non esiste. Apparati altamente burocratizzati senza qualità e quantità, ingessati su programmi vecchi con le mani legate dal business delle case editrici. Ecco la Scuola oggi… ecco il polso culturale del nostro Paese… ecco la nostra Scuola!…

Disco popopooooooò con chi ci ha fatto toccare con mano Game Over… il grande Claudio Bisio… il quale non immaginava fosse utilizzabile per la culla della Cultura… ahimeeahinoi.it!!!!!…