Calano contagi e ricoveri. Ma aumentano i decessi (+5) - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Senza categoria

Calano contagi e ricoveri. Ma aumentano i decessi (+5)

In area medica ci sono 13 uscite ma aumentano due unità nei reparti di terapia intensiva. Ci sono 3 vittime a Cosenza, a Reggio Calabria e Crotone

Avatar

Pubblicato

il

CATANZARO – Calano i contagi e i ricoveri ma aumentano i decessi in Calabria. È quanto si registra nel bollettino del dipartimento salute della Regione che registra +162 nuovi casi rispetto a ieri e +5.472 tamponi processati, sia rapidi che molecolari. Sono 5 le vittime accertate di cui 3 a Cosenza, Reggio Calabria e Crotone. Calano i ricoveri in area medica che segnano 13 uscite (111) ma salgono di due unità in terapia intensiva (12). Il tasso di positività cala attestandosi al 2,96%. Oggi si contano +259 guariti.

La provincia di Reggio Calabria rimane in testa con i contagi contando +93 nuovi positivi. Segue Cosenza con +34 contagi e Catanzaro +21. Si abbassano i contagi nel crotonese +8 e nel vibonese +2. Sono 4 i positivi residenti in altra Regione.

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1.380.705. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 9.0581  rispetto a ieri. Questi sono i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria.

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

Catanzaro: CASI ATTIVI 291 (11 in reparto, 5 in terapia intensiva, 275 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 1.1611 (11.449 guariti, 162 deceduti).

Cosenza: CASI ATTIVI 1.470 (48 in reparto, 5 in terapia intensiva, 1.417 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 27.558 (26.890 guariti, 668 deceduti).

Crotone: CASI ATTIVI 170 (6 in reparto, 0 in terapia intensiva, 164 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 8.740 (8.622 guariti, 118 deceduti).

Reggio Calabria: CASI ATTIVI 1.330 (35 in reparto, 2 in terapia intensiva, 1.293 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 30.690 (30273 guariti, 417 deceduti).

Vibo Valentia: CASI ATTIVI 303 (9 in reparto, 0 in terapia intensiva, 294 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 6.960 (6.856 guariti, 104 deceduti).

L’Asp di Cosenza comunica: “Oggi si registrano 39 nuovi casi. Il numero totale dei casi è incrementato di 36 unità e non di 39 in quanto sono stati eliminati due doppioni e 1 caso, comunicato ieri è risultato negativo a due successivi controlli. Dei 3 decessi 2 sono avvenuti in ospedali (reparti diversi dalla T.I.) e uno è avvenuto a domicilio l’8/11/2021 e se ne è avuta notizia oggi. Nel setting fuori regione si registrano 2 nuovi casi a domicilio.

L’Asp di Catanzaro comunica 23 nuovi soggetti positivi di cui 2 nel setting fuori regione.

L’Asp di Crotone comunica “l’avvenuto decesso di 1 soggetto residente nella Provincia di Crotone già ricoverato presso l’A.O. Pugliese-Ciaccio di Catanzaro”.

Italia

Covid: la prof ‘no vax’ che non voleva indossare la Ffp2 in aula è stata sospesa

La polizia locale una volta sul posto ha accertato che la docente era senza certificato verde e l’ha multata. Ora la professoressa risulta sospesa dalla scuola e dunque non rientrerà in classe

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MODENA – È stata sospesa la professoressa della scuola media inferiore di Modena che nei giorni scorsi si era rifiutata di indossare la mascherina Ffp2 in aula – come previsto dopo un caso accertato di positività al coronavirus nella classe – e che tra l’altro non era in possesso di super Green pass perché non vaccinata contro il Covid-19. Il rifiuto, ripetuto, della prof di indossare la mascherina più protettiva rispetto alla chirurgica aveva innescato la protesta degli alunni, che avevano abbandonato banchi e aula.

L’insegnante aveva quindi chiamato le forze dell’ordine ma la polizia locale, una volta sul posto, ha accertato che la docente era senza certificato verde (obbligatorio per la categoria) e l’ha multata. Ora, secondo quanto riportato dagli organi di stampa locali, la professoressa risulta sospesa dalla scuola e dunque non rientrerà in classe.
Sul caso ieri si sono accesi i riflettori. Anche l’ufficio scolastico regionale valuta provvedimenti. Mentre il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni ha annunciato una interrogazione parlamentare al ministro dell’Istruzione.

Continua a leggere

Senza categoria

Figliuolo: in 7 giorni triplicate le prime dosi per gli over 50

Nell’ultima settimana 356mila somministrazioni a bambini di età compresa tra i 5 e 11 anni. Sono ad oggi 2.017.973 i non vaccinati tra gli over 50

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Negli ultimi sette giorni più di 2 milioni di somministrazioni del vaccino anti-Covid hanno riguardato la fascia over 50, per la quale le prime dosi sono triplicate nell’arco dei sette giorni, passando da 39 mila a 126 mila circa. In forte crescita anche il dato relativo ai bambini di età compresa tra i 5 e 11 anni, in favore dei quali le somministrazioni sono state oltre 356 mila (di cui circa 240 mila prime dosi e 116 mila seconde), con un incremento del 77% rispetto a una settimana fa, quando il totale aveva di poco superato quota 200 mila.

E’ quanto comunica la struttura commissariale di Francesco Figliuolo. Numeri in crescita per la campagna vaccinale nazionale, che nella settimana 7-13 gennaio ha fatto registrare oltre 4,5 milioni di somministrazioni, 1,5 in più rispetto alla settimana precedente con una media di oltre 650 mila somministrazioni al giorno.

Sono ad oggi 2.017.973 le persone non vaccinate (a meno dei guariti) tra gli over 50 in Italia: confrontando il report della settimana scorsa, sono 147.610 in meno negli ultimi sette giorni. In questa categoria – sottoposta all’obbligo vaccinale da circa una settimana – la fascia 50-59 è quella con la più alta percentuale di persone senza alcuna dose, ovvero il 9,61% della popolazione di riferimento (926.742). Nella fascia 60-69 sono il 7,57%, ovvero 571.430 non vaccinati. Tra i 70 e i 79 sono il 5,82% (350.342) mentre gli over 80 sono il 3,7% (169.459). E’ quanto emerge dall’ultimo report del Governo.

Secondo il report, a un mese dall’inizio della campagna vaccinale anti-Covid per la fascia di età 5-11 anni, in questa categoria il 74,83% non ha ricevuto finora alcuna dose. Si tratta di 2.735.655 bambini (a meno dei guariti) su un totale di 3.656.069. La percentuale dei bimbi che hanno ricevuto almeno la prima dose, compresi i guariti dal Covid, è del 25,17% (920.414 in tutto). In questa fascia, i bambini con almeno la prima dose sono 741.348.

Continua a leggere

Provincia

Covid, l’Asp di Cosenza attiva nuovi posti letti pediatrici a Cetraro

La decisione dell’Azienda sanitaria provinciale è stata presa visto l’aumento di ricoveri nei reparti pediatrici presso l’ospedale Spoke di Cetraro

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – L’Asp di Cosenza, considerato l’andamento epidemiologico della pandemia che sta interessando anche l’area di interesse pediatrico-adolescenziale con necessità di ospedalizzazione, ha avviato l’attivazione di due posti letto pediatrici – fino ai 12 anni – presso l’Ospedale Spoke di Cetraro.

La responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria, Dott.ssa Panebianco, specifica che, i posti letto, sono ubicati presso l’area Covid del Reparto di Pediatria con gestione dei medici pediatri coadiuvati dal Dott. Massimo Barreca e personale infermieristico specializzato.

Continua a leggere

Di tendenza