ASCOLTA RLB LIVE
Search

Lisa Gabriele, non fu suicidio. La lettera anonima di un poliziotto della Stradale

Il caso della ragazza 22enne di Rose, trovata morta nel 2005 in un bosco di Montalto, sarà affrontato nella puntata di questa sera di “Chi l’ha visto?” condotta da Federica Sciarelli.

 

COSENZA – “Sono un poliziotto onesto della Stradale. Per troppo tempo sono stato costretto al silenzio dalla paura…”. E’ parte del contenuto di una lettera anonimo della quale si occuperà questa sera la trasmissione di Federica Sciarelli. Lisa Gabriele venne trovata morta a 22 anni, in un bosco bosco di Montalto Uffugo, a pochi chilometri da Cosenza il 9 gennaio del 2005. Le indagini si concentrarono sul suicidio a seguito del ritrovamento vicino al suo cadavere di una lettera d’addio, due bottiglie di alcolici e un blister di antidepressivi. Ma le cose, pare non siano andate così.

Lisa Gabriele infatti, non aveva bevuto e non aveva assunto farmaci o droga ma sarebbe stata soffocata, forse con un cuscino, in un altro luogo e poi portata nel bosco a bordo di un’auto e abbandonata. Nella zona infatti vennero trovati segni di pneumatici. Persino la perizia calligrafica sulla lettera stabilì che solo alcune frasi erano state scritte da lei, mentre altre non appartenevano alla sua scrittura. Tanti, troppi dettagli per i quali il caso è stato riaperto e si indaga ora per omicidio. E spunta dunque la figura di un poliziotto che aveva una relazione con la giovane e che in un’occasione precedente alla morte di Lisa, l’avrebbe anche picchiata facendola andare in ospedale.