ASCOLTA RLB LIVE
Search

“La chiusura del Presidio di Rossano fu un’ingiustizia plateale”

Elisa Scutellà, deputato del Movimento 5 Stelle, raccoglie l’invito di Giuseppe Graziano, leader del CCI

 

 

CORIGLIANO-ROSSANO – Elisa Scutellà, deputato del Movimento 5 Stelle, raccoglie l’invito di Giuseppe Graziano, leader del CCI.

Tesa la mano all’appello lanciato dal consigliere comunale, già segretario questore del Consiglio regionale della Calabria, Giuseppe Graziano ad avviare un’azione concentrica e unitaria, sui diversi livelli delle istituzioni, per riaprire con forza il Caso Corigliano-Rossano.

In una dichiarazione social, il deputato commenta come “la creazione dell’Intergruppo parlamentare sulla Geografia giudiziaria, che ho voluto e di cui rivendico la paternità, non è stata “un’invenzione” alla Ponzio Pilato. Tutt’altro. È stato l’inizio di un personale impegno, condiviso con altri colleghi parlamentari italiani, affinché la Sibaritide, innanzitutto, ma anche tutti gli altri territori italiani che si sono sentiti scippati del diritto alla giustizia possano trovare in questo organo istituzionale una sponda forte ed autorevole nell’interlocuzione con il Governo.

Riusciremo ad aprire un Tribunale a Corigliano-Rossano? Io questo non lo so. Ma sicuramente quello che non manca da parte mia è l’impegno e la pressione costante e convinta verso le istituzioni nazionali nell’evidenziare e rimarcare con forza che la chiusura del Presidio di Rossano fu un’ingiustizia plateale e soprattutto incongruente con i canoni della Riforma Severino”.