ASCOLTA RLB LIVE
Search

Verità sulla morte di Sissy Trovato Mazza, incontro positivo a Roma

Il segretario generale del Sindacato polizia penitenziaria Aldo Di Giacomo a conclusione del sit-in che si è svolto ieri a Roma davanti la sede del Dap si è detto soddisfatto: “riscontro positivo dal Dipartimento amministrazione penitenziaria”

 

ROMA – Il sit in promosso dinanzi al Dipartimento amministrazione penitenziaria ha portato ad un riscontro positivo. I colleghi della giovane agente di Polizia Penitenziaria Sissy Trovato Mazza, insieme ai familiari della giovane, chiedono verità. Aldo Di Giacomo, segretario generale del sindacato di polizia penitenziaria ha reso noto che una delegazione del sindacato e della famiglia di Sissy è stata ricevuta dal responsabile del personale, il dott. Parisi e dal responsabile delle relazioni sindacali del Dap e da questo incontro «è emerso un concreto interesse da parte del capo dipartimento e dell’amministrazione penitenziaria per la vicenda della collega scomparsa. Non possiamo che registrare un elemento positivo – dice il segretario del sindacato – che però non smobilita l’iniziativa promossa che si concluderà solo con le decisioni finali dei magistrati di Venezia che si occupano dell’inchiesta».

«Dall’incontro – ha reso noto il segretario del sindacato – è emerso che l’amministrazione penitenziaria ha disposto proprie indagini con due ispezioni nelle quali sono state sentite oltre 50 persone tra poliziotti e civili ed il contenuto delle stesse messe a disposizione dell’autorità giudiziaria di Venezia». «Pertanto siamo fiduciosi che il presidente Basentini continuerà con energia alla ricerca della verità sul questo caso che ha molte zone d’ombra questo continueremo a monitorare la situazione».

A più di due anni dal ferimento della giovane calabrese ritrovata in ospedale a Venezia, in un ascensore, con una ferita alla testa un colpo di pistola ci sono ancora circostanze da chiarire nonostante la richiesta di archiviazione del pubblico ministero rigettata dal gip dopo l’opposizione della famiglia, che ha chiesto e ottenuto ulteriori indagini su diversi punti.