ASCOLTA RLB LIVE
Search

Crotone, avviato il gemellaggio con Matera

I Comuni di Matera e Crotone e il Circolo velico di Policoro (Matera) hanno sottoscritto un protocollo di intesa per l’attuazione del progetto culturale ‘Basilicata, Calabria, Matera 2019-Magna Grecia’.

 

CROTONE – Evento storico con la sottoscrizione del protocollo di intesa, tra i primi cittadini delle due città Ugo Pugliese e Raffaello Giulio De Ruggieri nella Casa Comunale di Matera che sancisce l’amicizia tra le due comunità nel nome della cultura e della storia. Nel documento sottoscritto le due città si impegnano a condividere un programma di attività allo scopo di favorire la conoscenza dei territori, anche in considerazione delle comuni radici magno greche.

“Siamo molto soddisfatti di stringere, prima città in Italia, rapporti di amicizia nel nome della cultura con Matera, capitale della cultura europea. Crotone allarga i suoi orizzonti e si fa conoscere attraverso questi rapporti che stiamo costruendo con città italiane ed europee. Lo abbiamo già fatto con Samo, Lecce, Gallipoli, Taranto ed oggicon la capitale europea della cultura. L’obiettivo è di confrontarci, collaborare ma anche di far conoscere le grandi potenzialità della città di Crotone” ha dichiarato il sindaco Ugo Pugliese. Coinvolto anche il mondo della scuola. Le comunità di Matera e Crotone promuoveranno ed incentiveranno progetti e prodotti didattici innovativi per le scuole, bandi, concorsi, visite didattiche, cultura dell’alimentazione, del paesaggio, della storia, dei beni culturali. Promuoveranno un decalogo sul turismo scolastico che favorisca il coinvolgimento degli studenti del territorio locale e nazionale.

 

Al via convegni, seminari, corsi e manifestazioni come strumento di formazione, conoscenza e valorizzazione delle attitudini e valori espressi dai singoli territori con la finalità di conseguire elaborazioni originali di idee con particolare attenzione alle specificità dei singoli territori. Una attività che vedrà protagonisti anche i comuni dell’area della Magna Grecia lucana e calabrese attraverso la costituzione di una rete di comuni che potranno portare il loro contributo con proposte di iniziative da inserire nel piano di attività.