Rifiuti, impianto di Bucita: ok a “Centro di costo” per Corigliano Rossano - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Rifiuti, impianto di Bucita: ok a “Centro di costo” per Corigliano Rossano

“Un’importante assunzione di responsabilità da parte dell’Amministrazione comunale per tentare di superare quanto meno le difficoltà sotto il profilo amministrativo”

Avatar

Pubblicato

il

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Il comune di Corigliano-Rossano, così come richiesto e annunciato dal sindaco Flavio Stasi, è stato autorizzato dal commissario straordinario dell’Ato, Bruno Gualtieri, allo svolgimento delle funzioni di Centro di costo dell’Ato Cosenza e in particolare per ciò che riguarda l’impianto tecnologico (Tmb) in località Bucita e per i Comuni della Sibarite.

“Un’importante assunzione di responsabilità – si legge in un comunicato – da parte dell’Amministrazione comunale per tentare di superare quanto meno le difficoltà sotto il profilo amministrativo, mentre permangono le difficoltà sotto il profilo tecnico, ormai da anni di competenza extra-comunale”. “Fino ad ora – spiega la nota – sede del centro di costo era esclusivamente il Comune di Cosenza, come stabilito su base regionale. Una volta ricevuta la disponibilità da parte del sindaco Stasi anche nella qualità di sindaco del Comune a capo dell’Aro Sibaritide, il commissario, in via eccezionale, con delibera ha autorizzato l’apertura di un nuovo centro di costo potrà quindi fluidificare una parte delle procedure amministrative dell’Ambito territoriale provinciale”.

Nell’impianto situato in località Bucita vengono trattati i rifiuti urbani provenienti da tutti i comuni della Sibaritide e da tempo “si registrano disservizi tra il gestore, il personale dipendente e le amministrazioni che lì conferiscono”, sottolinea il comunicato.”Una delle cause principali – entra più nel merito la nota –, come si legge nella delibera numero 1 del 14 giugno del commissario straordinario, è la mancata corresponsione, nella tempistica necessaria al gestore dell’impianto, delle risorse finanziarie che gli stessi comuni dovrebbero versare periodicamente al Comune di Cosenza quale comune capofila dato che espleta il servizio conto terzi per tutti i comuni della provincia. Il mancato o ritardato versamento – continua la delibera – è dovuto alle criticità finanziarie del Comune capoluogo. Si tratta dell’ennesima assunzione di responsabilità da parte dell’Amministrazione comunale – commenta il sindaco Flavio Stasi – per tentare di superare quanto meno una parte delle criticità amministrative relative al sistema rifiuti in Provincia di Cosenza. Non si tratta di un impegno di poco conto. Restano tuttavia in piedi le gravi criticità impiantistiche – conclude il primo cittadino – che non dipendono dal nostro ente e che causano disagi periodici al territorio.

La scorsa estate ed alcuni mesi fa siamo riusciti a ripulire la città con una mia ordinanza, mentre da qualche settimana stiamo conferendo presso altri Ambiti grazie alla continua interlocuzione istituzionale con tutti gli attori in campo, ma è evidente che servono soluzioni strutturali per tenere le città pulite e contenere i costi”.

Provincia

Paola, l’amministrazione Politano «non esiste nessun caos bollette»

Il sindaco di Paola, Giovanni Politano, contro “alcune forze politiche tentando di gettare fumo negli occhi ai cittadini”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

PAOLA (CS) – “Non esiste nessun caos bollette. Ancora una volta alcune forze politiche tentando di gettare fumo negli occhi ai cittadini, diffondendo notizie strumentali che si discostano, artatamente, dalla verità dei fatti al solo fine di screditare questa maggioranza”. Così l’amministrazione comunale della Città di Paola guidata dal sindaco, Giovanni Politano, replica alle “somme tirate in ballo che dovevano esser rimborsate e che sono state spalmate attraverso meccanismi tariffari a garanzia della sostenibilità finanziaria efficiente, con delibera N.249 del 2021 che ha tenuto conto della riduzione dei conguagli da restituire agli utenti pari a 391049 euro”.

“Nel ripercorrere le tappe reali della vicenda – viene spiegato – occorre ricordare che nel 2017 con apposita deliberazione l’Arera avviò nei confronti del Comune di Paola un procedimento per l’adozione di provvedimenti sanzionatori e prescrittivi a causa di palesi violazioni della regolazione tariffaria del servizio. In data 09/02/2021 sempre l’Arera ordinava all’ente di ricalcolare le tariffe MTI-3 in relazione agli anni 2013-2014-2015, tendendo conto del dissesto finanziario dichiarato all’epoca. Dopo svariati atti burocratici e alcune lungaggini non a noi attribuibili, a seguito dello studio del dott. Enrico Passerini, nel 2021 sono stati trasmessi all’autorità Idrica Calabrese i dati e le informazioni per la predisposizione tariffaria 2012 – 2023 ed è stata approvata dalla giunta in carica – sempre all’epoca – la nuova struttura tariffaria da riformare ai sensi del TICSI”.

La forza di Governo “carte alla mano” fuga ogni dubbio e rende noto ancora: “La relazione di accompagnamento alla predisposizione tariffaria 2012-2023 prevede per l’anno 2022 un valore del vincolo ai ricavi di 2.011.941 euro e la determinazione del VGR dell’anno appena trascorso fa riferimento ai costi, ai volumi, alle utenze rilevati nell’anno 2019, proprio perché Arera ha calmierato le tariffe. La quota da restituire ai cittadini è stata spalmata nelle tre annualità 2021, 2022 e 2023 a riduzione della tariffa per queste annualità. Non esiste nessuna infrazione. Anzi, nelle more della riforma della struttura dei corrispettivi, il costo del servizio idrico anno 2022 è di 2.011.941 in maniera tale da dare seguito alle prescrizioni vigenti. Stiamo operando per legge e mai avremmo potuto negare un diritto ai paolani”. La maggioranza conclude: “Qualcuno se ne faccia una ragione. Stiamo amministrando con senso di responsabilità. Al centro della nostra agenda politica ci sono i cittadini e non è nel nostro stile nascondere la polvere sotto il tappeto. Alle polemiche, gratuite e maldestre, rispondiamo sempre e comunque con i fatti”.

Continua a leggere

Provincia

La rassicurazione dell’Asp: lunedì le nuove sale operatorie a Castrovillari

Due giorni di polemiche dopo lo stop agli interventi chirurgici all’ospedale di Castrovillari, ma dall’Asp fanno sapere che lunedì prossimo saranno pronte le nuove sale operatorie, inaugurate nel 2012, ma mai entrate in funzione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Uno scontro a distanza è quello che ha visto protagonisti il consigliere regionale Ferdinando Laghi e l’Asp di Cosenza sulla vicenda relativa alla chiusura dell’unica sala operatoria presente nell’ospedale di Castrovillari. Nella giornata di mercoledì, il consigliere regionale aveva lanciato l’allarme dopo la sospensione delle attività chirurgiche dovute ad un guasto all’impianto elettrico.

Nessun intervento, quindi, nè quelli programmati, nè quelli urgenti. Lo stesso Laghi aveva poi fatto riferimento alle condizioni difficile che vive lo Spoke del Pollino ed in particolare le sale operatorie inaugurate nel 2012 e mai entrate in funzione. Argomento questo, insieme ad altri, al centro di un incontro svoltosi proprio all’ASP di Cosenza alla presenza del commissario Graziano e dei sindaci del territorio nel corso del quale la governance dell’ASP aveva dato garanzie circa la funzionalità (a breve termine) del nuovo plesso operatorio.

Nella serata di ieri, poi, sono arrivate le dichiarazioni dell’azienda sanitaria cosentina, che ha chiarito quanto accaduto ed ha sottolineato come un ospedale Spoke non possa reggersi sulla presenza di una sola sala operatoria ed ha anche accusato la classe politica di non essersi interessata a questa situazione.

Dichiarazioni che non sono piaciute a Laghi, che ha ricordato gli interventi, le proteste e l’impegno, che, negli anni sono stati posti in essere. Fra queste anche la protesta dello scorso 17 dicembre e l’incontro all’Asp del 28 dicembre. A provare a mettere la parola fine a questa disputa è stato poi il direttore sanitario Martino Rizzo, che ha annunciato l’apertura delle nuove sale operatorie lunedì prossimo.

 

Continua a leggere

Ionio

Muore per un improvviso malore Angelo Donnici, ex sindaco di Mandatoricco

Donnici, 67 anni, ex sindaco di Mandatoriccio e avvocato si è spento questa mattina. Diversi i messaggi di cordoglio sui social

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MANDATORICCIO (CS) – Potrebbe aver avuto infarto l’ex primo cittadino di Mandatoriccio, l’avvocato Angelo Donnici, scomparso a 67 anni, dopo aver accusato, secondo quanto emerso, una malore improvviso nelle scorse ore mentre era a casa. Il suo cuore ha smesso di battere durante il trasporto dal medico.

Diversi i messaggi che compaiono sui social per ricordare Donnici, stimato professionista, che lascia moglie e tre figli e un nipote: “Caro avvocato Angelo Donnici, il suo esempio di professionalità, dedizione e sani valori umani non si dimenticheranno facilmente”. E ancora “Oggi, purtroppo hai chiuso con la vita terrena, possa tu trovare la pace, quella pace che sulla terrà qualcuno ingiustamente ti aveva tolto”.

Segnato duramente dalla vicenda giudiziaria Stige, quando venne assolto Donnici, la definì una ferita «che non smetterà mai di sanguinare» sottolineando di non aver «mai smesso di aver fiducia nella giustizia sapendo che la verità avrebbe infine trionfato».

Continua a leggere

Di tendenza