Lattarico, smaltivano illecitamente pneumatici: 6 persone denunciate - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Lattarico, smaltivano illecitamente pneumatici: 6 persone denunciate

Sgominata un’organizzazione, composta da persone di Montalto, Falerna e Castrovillari, tra le quali un pregiudicato con l’obbligo di soggiorno

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Sei persone sono state deferite all’Autorità Giudiziaria di Cosenza per gestione illecita di rifiuti. Sono stati i militari della stazione carabinieri Forestale di Montalto Uffugo a scoprire in località “Triscioli” nel comune di Lattarico un gommista che smaltiva illecitamente pneumatici fuori uso. Una organizzazione, composta da persone di Montalto, Falerna e Castrovillari, tra le quali un pregiudicato con l’obbligo di soggiorno, aveva messo in piedi una attività illecita con un ben preciso modus operandi.

Tre dei denunciati effettuavano dei sopralluoghi preliminari in aziende che si occupano di commercio e riparazione di pneumatici, fingendosi funzionari di una nota impresa di smaltimento rifiuti, vantandosi inoltre di disporre di amicizie tali da favorire lo smaltimento dei rifiuti a costi irrisori. Successivamente con la connivenza di altre due persone con pregiudizi per truffa, si occupavano del noleggio di furgoni cabinati privi delle dovute iscrizioni all’albo nazionale gestori ambientali, al fine di procedere indisturbati allo smaltimento e pensando di eludere i controlli.
Ciò non è sfuggito ai militari dell’Arma Forestale, i quali nei giorni scorsi, con la collaborazione dei Carabinieri di Lattarico e di Montalto Uffugo hanno individuato e denunciato gli autori degli abbandoni che avveniva nei terreni della zona valliva di Lattarico.

Grazie alle immagini delle telecamere e alle successive indagini tecniche, condotte anche attraverso dei riscontri su alcune etichette rinvenute sui pneumatici abbandonati, i militari sono riusciti a localizzare il gommista di Lattarico, dalla cui impresa provenivano circa 600 pneumatici illegalmente smaltiti. In particolare, nel corso delle verifiche, presso la sede dell’attività, nel piazzale esterno, ai militari si è evidenziata immediatamente una situazione di accumulo eccessivo di rifiuti. In aggiunta non esisteva nessuna documentazione che attestasse il corretto smaltimento degli pneumatici e alla fine, sia il titolare dell’impresa, sia gli esecutori delle condotte criminose, hanno ammesso le proprie responsabilità.

Pertanto i militari hanno proceduto al sequestro penale di tutta l’area del gommista occupata dai rifiuti e dai cumuli abbandonati, mentre i sei soggetti sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Cosenza in concorso per gestione illecita di rifiuti. Sono state inoltre trasmesse le necessarie segnalazioni alla direzione provinciale dell’INPS di Cosenza, perché due dei soggetti deferiti, risultavano percettore del sussidio del reddito di cittadinanza, avendo omesso la comunicazione relativa alla variazione del proprio reddito dovuta allo svolgimento di ulteriori attività di lavoro autonomo.
Al titolare dell’impresa inoltre è stata anche irrogata una sanzione di oltre 2000 euro; lo stesso, previa caratterizzazione, dovrà provvedere al conferimento dei pneumatici abbandonati presso un impianto di recupero/smaltimento ed alla messa in pristino dello stato dei luoghi deturpati.

Provincia

Diamante, fermato scappa e molla mezzo chilo di Marijuana in strada

Dopo un breve pedinamento, i poliziotti hanno fermato una moto sospetta che ha poi accelerato fuggendo e lasciando uno zainetto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

DIAMANTE (CS) – Nella serata di ieri 11 agosto, su disposizione del Questore di Cosenza, il personale del Commissariato di P.S. di Paola , con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine Calabria, ha effettuato dei servizi mirati che hanno interessato sia il centro abitato che le zone periferiche del Comune di Diamante.

Intorno alle ore 21.00, il personale operante, mentre percorreva la Statale SP 15, ha notato una persona sospetta con un casco di colore nero,  a bordo di una moto da Cross, priva di luci posteriori e con la targa rialzata.

Dopo un breve pedinamento, gli Agenti hanno deciso di procedere al fermo ed al controllo della moto, ragion per cui, con l’utilizzo del lampeggiante e della paletta segnaletica, hanno intimato al conducente di fermarsi. L’uomo improvvisamente ha accelerato e, con un movimento repentino del braccio sinistro, ha abbandonato sul manto stradale uno zainetto, dandosi a precipitosa fuga.

Tempestivamente gli operatori hanno provveduto a recuperare lo zainetto mettendosi subito all’inseguimento della Moto che, si allontanandosi ad alta velocità, ha fatto perdere le proprie tracce.

Dal successivo controllo si è appurato he all’interno dello zainetto vi erano tre buste di cellophane  contenenti  sostanza stupefacente del tipo Marijuana, per un peso complessivo di Gr. 518.59, debitamente sequestrati.

Continua a leggere

Provincia

Aprigliano e la magia di un borgo antico: tutto pronto per “Calici a Corte”

L’evento, che si svolgerà i prossimi 17, 18 e 19 agosto, è frutto della sinergia tra l’amministrazione comunale e lo chef Enzo Barbieri al quale è affidata la direzione artistica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Alessandro Porco, sindaco di Aprigliano, apre la conferenza stampa di presentazione di Calici a Corte (Sala degli Stemmi, Provincia di Cosenza), svelando un piccolo aneddoto su come lui ed Enzo Barbieri, chef di fama internazionale, si siano conosciuti. “Un giorno, presi il telefono, mi presentai e, senza troppi giri di parole, lo invitai a visitare Aprigliano e gli incantevoli borghi da cui è composto. Enzo accettò subito di buon grado”. Lo chef Barbieri si lasciò contaminare dalle atmosfere rarefatte di quei vicoli antichi, entrò in contatto con l’essenza più profonda degli abitanti del luogo, che gli spalancarono le porte delle loro case, facendo a gara per offrigli uno dei piatti tipici di queste parti. “E’ stato un amore a prima vista”, racconta Barbieri, rievocando la prima volta in cui, accompagnato dal sindaco, passeggiò per le stradine di Aprigliano. Da quell’incontro, nel giro di poco tempo, nacque la prima edizione di Calici a Corte. L’evento, che prende il nome da una delle suggestive contrade del paese, registrò uno straordinario e inaspettato successo. Tre anni dopo, quella magia sta per tornare. La lunga pausa ha fatto sì che nuove idee prendessero forma: “E’ un azzardo – afferma Barbieri – perché abbiamo immaginato una manifestazione che non ha eguali. A partire dai sapori e dai profumi di questo angolo di Calabria, la nostra ambizione è quella di realizzare un turismo d’elite, lento e consapevole. Vedrete, questa manifestazione crescerà di anno in anno! Aprigliano – continua chef Barbieri – ha un grande potenziale, un valore aggiunto rappresentato dalla passione sconfinata che anima il giovane gruppo di amministratori, guidato dal sindaco Alessandro Porco. Un legame, quello tra lo chef di Altomonte e il Comune di Aprigliano, destinato a diventare indissolubile. “L’amministrazione comunale – svela nel corso della conferenza stampa il sindaco di Aprigliano – ha deciso di conferire a Enzo Barbieri la cittadinanza onoraria, visto che sta contribuendo a promuovere con le sue qualità umane e professionali il nostro territorio. Ormai lo consideriamo un apriglianese a tutti gli effetti”. In sala scoppia l’applauso. Barbieri sorride e si commuove. Poi, si entra nel vivo della presentazione. Calici a Corte (ricordiamo che questa è la seconda edizione) è in programma nei giorni 17, 18 e 19 agosto.

Dalla platea qualcuno domanda il perché di queste date: dopotutto, siamo nel cuore dell’estate e le persone sono in giro ad affollare i più rinomati luoghi di villeggiatura. “Non siamo interessati alla quantità dei visitatori che verranno ad Aprigliano – risponde con disincanto il direttore artistico Enzo Barbieri – ma alla qualità delle presenze. Un turista che parteciperà al nostro evento equivale a cento turisti che scelgono di andare da un’altra parte”. Bellezza del paesaggio e qualità della “Enzo Barbieri street-food”. Questo il connubio della manifestazione. “Valorizzeremo il borgo – spiega il sindaco Alessandro Porco – riaprendo le vecchie cantine. Oltre alla degustazione di ottimi vini, si potranno assaporare i piatti della tradizione preparati dalle sapienti mani di chef Enzo Barbieri. Un’esperienza sensoriale unica che sarà accompagnata dalla musica itinerante di straordinari artisti di strada”. Nel corso della conferenza stampa, in realtà, il direttore artistico Enzo Barbieri e il sindaco di Aprigliano Alessandro Porco non si sbottonano. L’intento è quello di stupire i visitatori che arriveranno, contando sull’effetto sorpresa. Poche, dunque, le anticipazioni concesse ai giornalisti, tra cui l’annuncio della presenza, nel corso di una delle tre serate, del campione del mondo di pesto genovese Sergio Muto. “Sergio – spiega il sindaco – è nato  ad Aprigliano. Poi si è trasferito in Germania, dov’è diventato un’eccellenza. Ora ritornerà per l’occasione” Altra chicca: Poste Italiane darà il proprio contributo all’evento. L’amministrazione comunale e l’associazione “Compagnia i Spaccamattuni” hanno infatti richiesto uno speciale annullo filatelico: nella serata del 19 agosto sarà infatti possibile timbrare con il bollo Calici a Corte 87051 Aprigliano le corrispondenze presentate allo stand allestito presso Palazzo Vigna. Coloro che invece vorranno ammirare lo chef Barbieri all’opera potranno andare a scovarlo nelle cucine dell’antica dimora Cribari. Gli eccellenti piatti della tradizione calabrese saranno accompagnati da vini della Provincia di Cosenza: re indiscusso dell’evento sarà il magliocco. “E’ un vitigno che io adoro, lo berrei anche al mattino presto al posto del latte”, scherza Enzo Barbieri. Non resta allora da inserire Calici a Corte tra gli appuntamenti da non perdere nel corso della prossima settimana. “Venite ad Aprigliano – esorta il sindaco Alessandro Porco – per trascorrere una serata tranquilla, all’insegna della qualità e del benessere, degustando un buon vino e mangiando un buon cibo. La Calabria è questa. Vi aspettiamo”.

Continua a leggere

Provincia

Sette anni fa l’alluvione di Corigliano Rossano

Dal 2015 ad oggi, però, nulla pare essere cambiato in tema di prevenzione e tutela del territorio

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Sembra quasi uno scherzo del destino: oggi, 12 agosto 2022, dalla provincia di Reggio Calabria arrivano immagini di allagamenti che fanno paura. Sette anni fa, invece, 12 agosto 2015, immagini molto simili arrivarono da Corigliano Rossano, che, all’epoca, erano ancora due comuni separati. Il maltempo e le forti piogge provocarono l’esondazione di molti dei torrenti che, avendo origini nella Sila Greca, sfociano nel mar Ionio, nelle zone a ridosso di Schiavonea e Sant’Angelo. L’acqua travolse tutto ciò che si trovò di fronte ed il vero miracolo è che non ci furono vittime. I danni furono ingenti, certamente superiori (e non di poco) a quelli che sarebbero stati in caso di un’adeguata manutenzione del territorio.

Le immagini di oggi che provengono dal reggino, probabilmente, risuonano come un monito, alle quali si uniscono le richieste di una popolazione che richiede maggiore attenzione nella tutela del territorio; attualmente sono diversi i torrenti, che si trovano pieni di detriti e vegetazione.

Continua a leggere

Di tendenza