Chiude a Paola l'hub vaccinale al Palatenda, Di Natale chiede "perchè?" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Chiude a Paola l’hub vaccinale al Palatenda, Di Natale chiede “perchè?”

Graziano Di Natale pone l’attenzione sulla chiusura a Paola, dell’hub vaccinale allestito al Palatenda: “scelta che non condivido”. Richiesto incontro ai vertici dell’Azienda Sanitaria Provinciale

Avatar

Pubblicato

il

PAOLA (CS) – “La scelta di spostare le attività di somministrazione del vaccino Anti-Covid dal centro vaccinale del Palatenda presso il “Palazzo di Vetro” dell’Asp, ubicato nel centro della cittadina tirrenica, rappresenta una scelta che non condivido assolutamente”. Lo afferma Graziano Di Natale che spiega: “ho lottato insieme a tanti di voi per avere nella nostra comunità un centro Hub attrezzato, organizzato, capace, nel corso del tempo, di effettuare inoculazioni in sicurezza fino a oltre 500 dosi giornaliere”.

Secondo quanto comunicato da Di Natale oggi l’hub sarà chiuso e “spostato in tre stanzette del “Palazzo di Vetro” sede di uffici pubblici nel centro abitato della Città. È una soluzione indadeguta. Occorreva attrezzarlo ulteriormente, non chiuderlo. Dal mio canto sono determinato a fornire alla mia Città pieno sostegno a prescindere dalla carica istituzionale, e per farlo non posso che denunciare questo status quo”.

Graziano Di Natale ha chiesto un incontro ai vertici dell’Azienda Sanitaria Provinciale “per esaminare una vicenda che rischia di invalidare l’autorevolezza raggiunta dalla Città di Paola in questi mesi, e di recare non pochi disagi ai cittadini”.

Provincia

Da domani si torna a sciare in Sila. Riapre la cabinovia di Camigliatello

Con la nomina del nuovo direttore di esercizio da domani mattina si torna alla piena operatività. Per Lorica tempi più lunghi per l’inchiesta

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Gli impianti di risalita di Monte Curcio, a Camigliatello Silano, da domani saranno nuovamente in pubblico esercizio e i turisti potranno tornare a sciare. Con la nomina del nuovo direttore di esercizio Mario Vigna da parte degli uffici preposti della Regione e la successiva ratifica arrivata dall’Ustif (Ufficio speciale trasporti a impianti fissi) di Bari in tempi estremamente ridotti, è possibile tornale alla piena operatività dalle prossime ore. “Al nuovo Direttore d’esercizio auguriamo un buon lavoro” ha commentato l’Arsac annunciando l’apertura della cabinovia a partire dalla giornata di venerdì. Ci vorrà ovviamente più tempo, invece, per gli impianti di Lorica, ancora sotto sequestro dopo il tragico incidente di domenica scorsa, a causa dell’inchiesta giudiziaria della Procura di Cosenza aperta dopo morte dell’ingegnere Marcelli, salutato questa mattina per l’ultima volta da amici, parenti e colleghi con il funerale che si è celebrato a Cosenza.

Continua a leggere

Provincia

Discarica Scala Colei, Ferrara: “ingiustificato l’ampliamento dell’impianto”

“Inascoltato il malcontento diffuso e continuo delle comunità del basso ionio cosentino contrarie all’ampliamento della discarica di Scala Coeli”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SCALA COELI (CS) – “Non può rimanere inascoltato il malcontento diffuso e continuo delle comunità del basso ionio cosentino e dell’alto crotonese, contrarie all’ampliamento della discarica di Scala Coeli“. A distanza di qualche anno, l’eurodeputata Laura Ferrara si trova a reiterare apposita interrogazione alla Commissione europea.

“Decisamente anacronistico e ingiustificato l’ampliamento di questo impianto – sostiene l’eurodeputata del Movimento 5 stelle. Bisognerebbe promuovere e incentivare azioni verso una transizione ecologica ed economia circolare. Le stesse direttive europee in materia di gestione dei rifiuti introducono restrizioni al collocamento in discarica dei rifiuti urbani riciclabili limitando la quota di rifiuti urbani da collocare in discarica. In Calabria – dice la deputata – si continua a soprassedere a quelle che sono le raccomandazioni comunitarie oltre a non tenere in considerazione che l’impianto di smaltimento rifiuti sorge in un’area a forte connotazione naturalistica, nota come Valle del Fiume Nikà, un territorio a chiara vocazione turistica e agricola”.

“Per tali ragioni – conclude Ferrara -, ho interessato della questione la Commissione Europea chiedendo, nello specifico, se l’ampliamento sia conforme ai principi della Direttiva 2008/98/CE ed, in particolare, all’art.4 disciplinante la gerarchia dei rifiuti che, in linea con la Strategia Rifiuti Zero, pone soltanto all’ultimo posto della gerarchia il conferimento dei rifiuti in discarica”.

Continua a leggere

Ionio

Garofalo: “a Cassano aumentano le malattie tumorali. Serve una rete oncologica”

“Occorre ripensare un nuovo modello in cui tutti facciano la loro parte per accompagnare i cittadini nella loro dolorosa esperienza”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO(CS) – “La parola d’ordine deve essere ridurre al minimo i disagi ai pazienti e alle famiglie, evitando salvo esigenze particolari e specifiche, spostamenti, viaggi e trasferte, attraverso l’applicazione di protocolli condivisi e metodologie integrate. Una particolare attenzione rivolta ai cittadini affetti da malattie tumorali, atteso che nel Comune di Cassano, si registrano un aumento di casi di patologie neoplastiche”. E’ quanto afferma Francesco Garofalo, portavoce del comitato spontaneo di cittadini per la difesa al diritto alla salute.

“Occorre che l’amministrazione comunale, metta in atto una iniziativa che coinvolga un istituto nel campo oncologico, attraverso un’apposita convenzione, che abbia come punto fermo e prioritario la salute del paziente e il benessere dei familiari e dei caregiver, in un contesto attuale sempre più complesso, al fine di offrire un’assistenza di qualità senza barriere di tipo geografico e sociale. Ancora oggi – evidenzia Garofalo in una nota -, soprattutto per quanto riguarda la prima visita, il paziente molte volte è costretto a spostarsi, con carichi di difficoltà elevati dal punto di vista umano. La proposta che avanziamo, è quella di avviare contatti con un istituto, al fine di avviare una sinergia di collaborazione, con un minore impatto emotivo, oltre che economico. Ci rendiamo conto, che il percorso è difficile, ma abbiamo il dovere di farlo.

E in tale cammino – rimarca Garofalo -, in Calabria e nell’ambito dell’azienda sanitaria provinciale di Cosenza, c’è l’urgenza di creare una rete oncologica che si pone l’obiettivo di avere punti di riferimento comuni, organizzati sul continuo confronto sanitario. La vecchia logica della programmazione e della gestione dei servizi sociali è finita. Occorre ripensare – ha concluso -, un nuovo modello inclusivo, in cui tutti facciano la loro parte per accompagnare i cittadini nella loro dolorosa esperienza”.

Continua a leggere

Di tendenza