Maltempo, scatta l'allerta rossa nel cosentino. Scuole chiuse domani a Cosenza e Rende - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Maltempo, scatta l’allerta rossa nel cosentino. Scuole chiuse domani a Cosenza e Rende

Il Comune ha emanato un’ordinanza in vista dell’allerta lanciata dalla Protezione civile per domani con la chiusura di scuole, impianti sportivi, sottopassi e aree pubbliche a rischio

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Prosegue l’ondata di maltempo che da oggi interessa la Calabria. Per la giornata di domani, venerdì 26 novembre, la Protezione civile ha emesso un nuovo bollettino di allerta meteo che riguarda soprattutto la fascia tirrenica cosentina indicata con codice rosso. I Comuni di Rende, Cosenza, Castrolibero, Casali del Manco, Montalto Uffugo hanno emanato un’ordinanza in vista dell’allerta rossa, a partire dalle ore 00:00 alle 24:00 del giorno 26 novembre, ordinando la chiusura di scuole, cimiteri, sottopassi, parchi e tutte le zone a rischio allagamento ” a tutela dell’incolumità pubblica”.

 

Anche a Cosenza scuole chiuse

Il Sindaco Franz Caruso, nella sua qualità di autorità territoriale di protezione civile, in considerazione della comunicazione del Dipartimento di Protezione civile della Regione Calabria, con la quale, in fase previsionale, è stato diramato un avviso di allerta meteo rossa, ha ordinato, per la giornata di domani, venerdì 26 novembre, la chiusura di tutte le scuole, di ogni ordine e grado, presenti nel territorio comunale. Nell’ordinanza sono comprese anche le scuole paritarie e private, il Conservatorio di musica, i servizi socio educativi per la prima infanzia e le ludoteche comunali

Il provvedimento del Sindaco Caruso è stato motivato con la situazione di pericolo per l’incolumità di persone e cose che potrà scaturire dalla criticità rappresentata dall’allerta meteo rossa e con l’esigenza di adottare misure precauzionali. L’ordinanza di chiusura delle scuole si è resa necessaria per far sì che le strade, durante gli eventi meteo avversi, rimangano, per quanto possibile, libere dal traffico, al fine di agevolare gli eventuali soccorsi ed aiuti ed anche in considerazione dell’esigenza di limitare gli spostamenti di persone e veicoli nel territorio cittadino, atteso, inoltre, che lo spostamento degli studenti, per raggiungere i plessi scolastici, determinerebbe una circolazione molto intensa in condizioni di viabilità non ottimali.

Il messaggio di allerta meteo è stato comunicato al Comune di Cosenza dalla Sala Operativa della Protezione civile regionale. Il messaggio prevede un livello di allertamento codice rosso a partire dalla mezzanotte di oggi alle ore 24,00 di domani, venerdì 26 novembre, e comunque fino a cessate esigenze. Il quadro previsionale tracciato dalla Protezione civile regionale e reso noto dalla dirigente della Protezione civile comunale, ing.Antonella Rino, fa riferimento a precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio, di forte intensità o temporali. I fenomeni saranno accompagnati da frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Il Sindaco Franz Caruso e l’Amministrazione comunale, con l’Assessore alla protezione civile Veronica Buffone, hanno disposto l’attivazione del Centro operativo comunale (C.O.C), invitando i cittadini alla massima prudenza e richiamandosi alle raccomandazioni diffuse dalla Protezione Civile: non mettersi in viaggio se non strettamente necessario, evitare i sottopassi, abbandonare i piani seminterrati o interrati se ubicati in zone depresse o a ridosso di fiumi, torrenti tombati o con sezioni d’alveo ristrette per cause antropiche. Nelle predette aree è consigliato di raggiungere i piani superiori, non sostare in prossimità di aree con versanti acclivi che potrebbero dare origine a colate rapide di fango e crolli di blocchi rocciosi. La situazione sarà monitorata, costantemente, dal servizio di Protezione civile comunale e dalla Polizia municipale.

Allerta arancione e gialla sul resto della Calabria

Allerta arancione, invece, per la costa tirrenica del Catanzarese e del Vibonese, mentre sul resto della regione è prevista una allerta gialla. Nella serata di oggi dovrebbe prodursi il primo effetto del maltempo che dovrebbe interessare maggiormente tutta la fascia ionica calabrese, per la quale esiste una allerta arancione, mentre già nella mattinata di oggi sono stati evidenziati alcuni acquazzoni di breve ma intensa durata.

Area Urbana

Fotografo bullizzato al Marulla, il Cosenza Calcio sospende lo steward

La società rossoblù rende nota la sospensione dello steward che si è reso protagonista dello “spiacevole” episodio nei confronti del fotografo “aspettiamo Pasquale per la prossima gara”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Pasquale Golia è il benvenuto allo stadio San Vito – Gigi Marulla”. Così esordisce sui social la società Cosenza calcio prendendo posizione in merito alla denuncia di Pasquale Golia, il fotografo bullizzato per il suo aspetto fisico.

“Il fotografo, – scrive il Cosenza calcio – ha denunciato uno spiacevole episodio avvenuto in occasione dell’ultima gara di campionato, è stato ricevuto dal Cosenza Calcio e gli è stata consegnata una maglia a lui dedicata dall’intera squadra. La Società si è sin da subito impegnata per fare chiarezza sull’accaduto e ha provveduto a sospendere dalle proprie mansioni lo steward che si sarebbe reso protagonista dell’episodio. Noi lo aspettiamo per la prossima gara del Cosenza, al suo solito posto, per scattare le foto dei nostri lupi”, conclude la società rossoblù.

Pasquale Golia ringrazia con un post dalla propria pagina Facebook il Cosenza Calcio “ancora una volta si è dimostrato in prima linea contro possibili soprusi e discriminazioni”

Continua a leggere

Area Urbana

Piazza Fera, inutilizzabili le intercettazioni “ora assicurare incolumità dei cittadini”

Così scrive il Movimento civico “Nuovi Orizzonti Cosenza” commentando la notizia nell’ambito del processo su Piazza Bilotti a Cosenza “intercettazioni molto gravi”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Abbiamo appreso che nei giorni scorsi sono state dichiarate inutilizzabili le intercettazioni telefoniche che riguardano i lavori di piazza Fera. Su di esse poggia l’intero impianto accusatorio del procedimento contro diversi soggetti coinvolti e per questo motivo costituiscono le prove, presunte, dei reati da loro commessi”. Così scrive il Movimento civico “Nuovi Orizzonti Cosenza” dopo la notizia nell’ambito del processo su Piazza Bilotti a Cosenza.

“Alcune delle conversazioni riportate nel Decreto di sequestro preventivo della piazza, risalente a fine aprile 2020, sono molto gravi perché da esse si evince, senza ombra di dubbio, la responsabilità dei tecnici, degli amministratori comunali, della Questura e dell’ex sindaco Occhiuto nell’aver voluto a tutti i costi aprire al pubblico un’opera senza collaudo. Non solo, era ben risaputo anche il problema relativo alle travi d’acciaio nello spazio multimediale, ignorato pure questo. Tanto che oggi, a distanza di molti mesi, la piazza è stata dissequestrata, ma risulta ancora transennata la parte del museo”.

“Perché il decreto di sequestro non è avvenuto prima?”

“Quello che ci chiediamo – incalza il Movimento civico – è: le intercettazioni risalgono al 2016, prima dell’inaugurazione di dicembre, quindi chi ha ‘scritto’ il Decreto di sequestro preventivo era a conoscenza del pericolo che la piazza costituiva, ma non ha impedito lo svolgimento di manifestazioni che hanno messo in pericolo la vita di migliaia di persone. Perché? Il giudice che ha firmato il Decreto di cui si parla, ad aprile 2020 scrisse: “L’utilizzo di piazza Bilotti soprattutto da parte di un numero considerevole di utenti… potrebbe determinare un cedimento strutturale o un crollo della stessa con la conseguenza che deve essere sottoposta a sequestro l’intera area“.  Di ciò si era a conoscenza da quattro anni, perché non lo ha fatto prima?

Ci chiediamo anche come mai ai tecnici, agli amministratori coinvolti, ai consiglieri di opposizione e a tutti coloro che sapevano del pericolo che si correva su piazza Fera, non è mai importato nulla della vita di tante persone che ignare hanno partecipato ai concerti? Quanto vale la vita di un essere umano per chi ci amministra?

Ora, al di là della questione formale che ha fatto dichiarare inutilizzabili le intercettazioni, riteniamo rimanga in essere un fatto sostanziale, cioè il pericolo, risaputo da tutti, derivante dal mancato collaudo e dai difetti delle travi d’acciaio. Pericolo – puntualizza il movimento civico – che nessuno ha mai voluto considerare, ma sul quale sono state fatte indagini (quindi non era ignorato), come dimostra la perizia della Sismlab, la società incaricata dal comune (quando era sindaco Occhiuto), la quale ha rilevato nello scorso mese di settembre che le travi sono difettose e che c’è l’urgenza di intervenire subito. Siamo a dicembre e tutto ciò che è stato fatto è dichiarare inutilizzabili le intercettazioni”.

“Perché Gratteri e Morra non sono intervenuti sullo scandalo della piazza?”

“Ma c’è di più e ci poniamo un’altra domanda – prosegue Nuovi Orizzonti Cosenza – perché Gratteri e Morra non sono mai intervenuti sullo scandalo della piazza, altrimenti detta “piazza della mafia”, dopo i sequestri del 2017 e del 2020?

Anche il nuovo sindaco Caruso dovrebbe intervenire per assicurare l’incolumità ai cittadini e per tentare di che giustizia faccia il suo corso.

Il quadro è chiarissimo: tutti sanno da anni che la piazza è pericolosa, ciò è stato accertato dalla perizia della Sismlab (incaricata da Occhiuto che voleva un risultato diverso) ed è stato sbandierato telefonicamente dai tanti tecnici coinvolti nel completamento dell’opera. La magistratura è al corrente del pericolo e degli intrallazzi dal 2016, ma latita. Gratteri e Morra idem. I cosentini continuano a frequentare la piazza, costata fior di milioni, a loro rischio e pericolo, e tutto quello che viene fatto è ridurre in polvere le intercettazioni. Più chiaro di così…”

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, modifiche alla raccolta rifiuti per la festa dell’Immacolata

Cambia il conferimento dei rifiuti in città in occasione della giornata della festività dell’Immacolata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – L’Amministrazione comunale comunica che in occasione della festa dell’Immacolata, mercoledì 8 dicembre, l’eco calendario relativo al servizio di raccolta dei rifiuti subirà delle variazioni, rispetto alla consueta doppia raccolta dell’organico e del vetro, prevista solitamente per il mercoledì.

La sera di martedì 7 dicembre i cittadini potranno esporre solo la frazione organica, mentre la frazione vetro dovrà essere esposta, nell’apposito mastello verde, la sera di giovedì 9 dicembre, unitamente al mastello dell’organico.

Anche le utenze del centro storico e dell’isola pedonale (zona rossa) nella giornata di mercoledì 8 dicembre potranno esporre solo la frazione organica, rinviando l’esposizione del vetro a venerdì 10 dicembre negli orari prestabiliti.

Continua a leggere

Di tendenza