Incendiavano auto e rubavano in case e aziende, sgominata banda nel cosentino - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Incendiavano auto e rubavano in case e aziende, sgominata banda nel cosentino

Una banda armata di 3 rumeni e un italiano finita nel mirino dei carabinieri. Sono responsabili anche dei ripetuti incendi avvenuti in questi mesi a Corigliano Rossano

Avatar

Pubblicato

il

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Sgominata dai Carabinieri del Reparto Territoriale di Corigliano-Rossano una banda di rumeni responsabili di diversi incendi di autovetture nel centro di corigliano-rossano e  specializzata nei furti in abitazione e nelle aziende agricole dell’area dell’alto Jonio cosentino.

Oggi i carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare inframuraria, emessa dal GIP del Tribunale di Castrovillari, nei confronti di due cittadini rumeni, M.D.M. e S.G.C. entrambi ventinovenni, ritenuti appartenenti ad un’associazione a delinquere armata, dedita ai reati contro il patrimonio. In particolare, dell’organizzazione  facevano parte, oltre agli odierni arrestati, anche un altro soggetto di origine rumena, già destinatari nel mese di ottobre scorso di provvedimenti di custodia cautelare in carcere, ed un italiano di 49 anni, ritenuto il terminale di tutte le attività criminose, già ristretti nel carcere di Castrovillari.

L’indagine e i reati

Il provvedimento giudiziario scaturisce da un’articolata attività investigativa condotta dalle Stazioni Carabinieri di Mirto Crosia e Campana con il supporto della Sezione Operativa del Reparto Territoriale di Corigliano-Rossano, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sotto la direzione del Procuratore Capo,  Alessandro D’Alessio. Le indagini intraprese già dal mese di ottobre scorso, sono state sviluppate attraverso svariati servizi di pedinamento e controllo e con l’ausilio di attività tecniche, ed hanno permesso di:

  • riscontrare l’esistenza di un sodalizio criminoso composto da almeno tre cittadini rumeni, dedito alla commissione di una serie di furti in abitazione e in aziende agricole nei comuni dell’alto Jonio-cosentino (Villapiana, Trebisacce, Corigliano-Rossano), con l’aggravante di aver commesso il fatto scorrendo con le armi la campagna e la pubblica via, anche in orari notturni;
  • rinvenire e sottoporre a sequestro refurtiva varia, poi restituita ai legittimi proprietari;
  • far luce su numerosi episodi incendiari di veicoli in danno di diverse vittime nel territorio dell’area urbana coriglianese.

Nel corso delle operazioni di perquisizione delle pertinenze del 49enne italiano sono stati sequestrati, inoltre, oltre 1.000 litri di carburante di verosimile provenienza illecita.

L’indagine ha condotto ad una prima articolata risposta riguardo alla preoccupante frequenza di incendi di veicoli consumati in questi ultimi mesi nel territorio della città di Corigliano-Rossano.

Provincia

Sibari, incidente allo svincolo dell’A2: un ferito, interviene il 118

Il sinistro, le cui cause sono in corso di accertamento, ha coinvolto un mezzo pesante che si è ribaltato e nell’impatto una persona è rimasta ferita

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – A causa di un incidente di un mezzo pesante, sulla A2 “Autostrada del Mediterraneo” sono provvisoriamente chiuse al traffico le rampe di uscita e di ingresso dello svincolo di Sibari in direzione nord al km 210,698. Il sinistro, le cui cause sono in corso di accertamento, ha coinvolto un mezzo pesante che si è ribaltato e nell’impatto una persona è rimasta ferita.

Sul posto sono presenti le squadre Anas, delle Forze dell’Ordine e del 118 per la gestione dell’evento e per consentire il ripristino della viabilità nel più breve tempo possibile. Al momento, per i veicoli in direzione nord e in uscita allo di Sibari, si consigliano le uscite di Altomonte e Tarsia nord.

Continua a leggere

Provincia

Mistero a San Sosti, coppia di anziani trovata morta in casa

Secondo quanto si apprende, i due sarebbero stati trovati in avanzato stato di decomposizione in stanze separate all’interno dell’abitazione in cui risiedevano

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SAN SOSTI (CS) –  Si avvolge di giallo il ritrovamento di una coppia di anziani, marito 68enne e moglie 70enne, morti in casa a San Sosti, in provincia di Cosenza. Secondo quanto si apprende, i due sarebbero stati trovati in avanzato stato di decomposizione in stanze separate all’interno dell’abitazione in cui risiedevano.  Già da diversi giorni i coniugi non si facevano vedere in giro per il paese, al punto da insospettire chi li incontrava abitualmente. Da qui l’allarme e la tragica scoperta. I carabinieri indagano sulle cause della morte ma secondo una prima ipotesi il decesso sarebbe da imputare a delle esalazioni di monossido di carbonio.

Continua a leggere

Provincia

Sanità, Occhiuto: Se ci sono condizioni riapriremo ospedale Cariati, era un nosocomio produttivo

“L’ospedale di Cariati meritava di rimanere aperto. Magari inviterò alla cerimonia di apertura anche Roger Waters dei Pink Floyd”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – “In Calabria qualche anno fa c’erano 42 ospedali, uno all’ombra di ogni campanile. Si è deciso di chiuderne alcuni perché la sanità non è fatta solo di ospedali, ha bisogno anche di presidi territoriali, e l’emergenza della pandemia ha dimostrato come soprattutto al Sud ci sia carenza da questo punto di vista”. Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, intervenendo a “Oggi è un altro giorno”, su Rai1.

“L’ospedale di Cariati, però, probabilmente meritava di rimanere aperto, perché era un ospedale produttivo, e i cittadini non si sono mai arresi alla sua chiusura. Adesso la sanità calabrese è nelle mani del presidente della Regione, che è anche commissario: se ci saranno le condizioni lo riapriremo presto, e magari inviterò alla cerimonia di apertura anche Roger Waters dei Pink Floyd”- ha aggiunto Occhiuto.

Continua a leggere

Di tendenza