Space Adventure, organizzatori contro il Comune di Fiumefreddo: "illusi e boicottati" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Space Adventure, organizzatori contro il Comune di Fiumefreddo: “illusi e boicottati”

Parlano gli organizzatori dell’evento ufficiale Nasa: “migliaia di visitatori e un’attenzione mediatica internazionale, ma il Comune di Fiumefreddo non ha richiesto i fondi regionali a copertura di parte delle spese costringendo i promotori a ricorrere al crowdfunding”

Avatar

Pubblicato

il

FIUMEFREDDO BRUZIO (CS) – La Calabria fa di nuovo la sua ‘bella figura’. A segnalare il caso sono i promotori dell’evento internazionale,  costretti a ricorrere ad un’iniziativa di crowdfunding. Al centro lo  “Space Adventure Experience” (simposio “Donna fra le Stelle” e mostra interattiva “Space Adventure”) che andrà avanti fino a giugno 2021 nel borgo di Fiumefreddo Bruzio, giunto alla fase finale delle visite guidate per le scuole alla mostra ufficiale Nasa. Iniziativa che ha fatto registrare in questi mesi la presenza di diverse migliaia di visitatori sulla costa Tirrenica cosentina, portando benefici enormi a Fiumefreddo Bruzio, alla provincia cosentina e all’intero territorio regionale, aumentandone la notorietà e contribuendo positivamente alla immagine di questi luoghi, per l’importante copertura mediatica a tutti i livelli e con ogni strumento di informazione e comunicazione.

L’emozionante mostra che racconta lo spazio e le sue meraviglie, arricchita da oggetti originali forniti dalla Nasa e completata da modelli forniti dall’Agenzia Spaziale Europea, dall’Agenzia Spaziale Italiana e Thales Alenia Space (navicelle spaziali, satelliti, pietre lunari, razzi e modelli in scala), che negli ultimi quattro anni ha visto affluire oltre quattro milioni di visitatori, ha altresì consentito di formare direttamente sul campo, con il contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana e di Altec Space, una squadra di giovani del territorio, appassionati e affascinati da questi studi (alcuni di loro continueranno a lavorare per la mostra all’estero), e imprimere contemporaneamente un’accelerazione a qualità e quantità dei consumi culturali sul territorio.

Questo evento internazionale ha generato una varietà di benefici per il Comune di Fiumefreddo Bruzio, la provincia di Cosenza e l’intera Calabria: promuovendo, diffondendo e valorizzando l’immagine di una vasta area, attirando flussi turistici (ricettività e ristorazione), risorse economiche e creando anche le migliori prospettive per promuovere futuri investimenti per il miglioramento delle infrastrutture e dei servizi. I risultati attesi che già si delineano sono la crescita socio-culturale, lo sviluppo turistico oltre il consueto aspetto balneare, la conoscenza e la promozione dell’immagine del territorio, partendo dal senso di appartenenza e di orgoglio della comunità.

Per raggiungere l’obiettivo dello sviluppo è tuttavia necessaria una sinergia perfetta tra i vari attori del territorio, pubblici e privati. Le Istituzioni non possono non favorire azioni di sviluppo messe in atto dal privato che portano crescita e benessere ai territori; non devono ostacolarle, ma incentivarle perché in gioco c’è il bene comune. Tuttavia, giunti alla fase conclusiva di questa iniziativa internazionale, registriamo un profondo senso di delusione e amarezza per l’indifferenza, l’insensibilità e l’ingratitudine delle Istituzioni locali, che hanno abbandonato gli organizzatori al loro destino, in alcuni casi ostacolandone il percorso, nonostante i rilevanti investimenti economici per portare un evento di così rilevante spessore in questa lembo di meridione.

Alla disponibilità della Regione Calabria, che ha approvato, il 26 luglio scorso, l’avviso pubblico “Esplorando lo spazio celeste”, rivolto anche a iniziative come la nostra, non è infatti seguita la necessaria disponibilità del Comune di Fiumefreddo Bruzio che, aveva comunque concesso il Castello della Valle come sede dell’iniziativa e nonostante le raccomandazioni e i solleciti pubblici dell’allora governatore f.f. Antonino Spirlì, rivolti anche al Sindaco, non ha ritenuto di richiedere il finanziamento regionale per consentire agli organizzatori di abbattere parte delle considerevoli spese contratte per l’allestimento e lo svolgimento delle manifestazioni, alle quali hanno sempre partecipato, in prima fila, gli Amministratori comunali, raccogliendo elogi e considerazione da parte della Politica e del mondo delle Istituzioni a tutti i livelli.

Numerosi sono stati i politici nazionali e i rappresentanti della Regione e delle istituzioni che hanno partecipato a vario titolo alle conferenze stampa e/o agli eventi inaugurali, e in queste occasioni è sempre stato evidenziato il “contributo fondamentale del Comune di Fiumefreddo Bruzio“, come peraltro riportato su numerosi organi di stampa. Uno stato di cose, quello appena narrato, che, purtroppo, oggi ci costringe a ricorrere ad una iniziativa di Crowdfunding per tentare quanto meno di recuperare parte delle spese di un investimento culturale che ha portato benefici all’intero territorio, ma anche alla politica e alle istituzioni locali, proiettati in una dimensione internazionale.

Space Adventure Extramuseum, arte scienza & tecnologia – Associazione RADAR

Provincia

Sibari, incidente allo svincolo dell’A2: un ferito, interviene il 118

Il sinistro, le cui cause sono in corso di accertamento, ha coinvolto un mezzo pesante che si è ribaltato e nell’impatto una persona è rimasta ferita

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – A causa di un incidente di un mezzo pesante, sulla A2 “Autostrada del Mediterraneo” sono provvisoriamente chiuse al traffico le rampe di uscita e di ingresso dello svincolo di Sibari in direzione nord al km 210,698. Il sinistro, le cui cause sono in corso di accertamento, ha coinvolto un mezzo pesante che si è ribaltato e nell’impatto una persona è rimasta ferita.

Sul posto sono presenti le squadre Anas, delle Forze dell’Ordine e del 118 per la gestione dell’evento e per consentire il ripristino della viabilità nel più breve tempo possibile. Al momento, per i veicoli in direzione nord e in uscita allo di Sibari, si consigliano le uscite di Altomonte e Tarsia nord.

Continua a leggere

Provincia

Mistero a San Sosti, coppia di anziani trovata morta in casa

Secondo quanto si apprende, i due sarebbero stati trovati in avanzato stato di decomposizione in stanze separate all’interno dell’abitazione in cui risiedevano

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SAN SOSTI (CS) –  Si avvolge di giallo il ritrovamento di una coppia di anziani, marito 68enne e moglie 70enne, morti in casa a San Sosti, in provincia di Cosenza. Secondo quanto si apprende, i due sarebbero stati trovati in avanzato stato di decomposizione in stanze separate all’interno dell’abitazione in cui risiedevano.  Già da diversi giorni i coniugi non si facevano vedere in giro per il paese, al punto da insospettire chi li incontrava abitualmente. Da qui l’allarme e la tragica scoperta. I carabinieri indagano sulle cause della morte ma secondo una prima ipotesi il decesso sarebbe da imputare a delle esalazioni di monossido di carbonio.

Continua a leggere

Provincia

Sanità, Occhiuto: Se ci sono condizioni riapriremo ospedale Cariati, era un nosocomio produttivo

“L’ospedale di Cariati meritava di rimanere aperto. Magari inviterò alla cerimonia di apertura anche Roger Waters dei Pink Floyd”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – “In Calabria qualche anno fa c’erano 42 ospedali, uno all’ombra di ogni campanile. Si è deciso di chiuderne alcuni perché la sanità non è fatta solo di ospedali, ha bisogno anche di presidi territoriali, e l’emergenza della pandemia ha dimostrato come soprattutto al Sud ci sia carenza da questo punto di vista”. Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, intervenendo a “Oggi è un altro giorno”, su Rai1.

“L’ospedale di Cariati, però, probabilmente meritava di rimanere aperto, perché era un ospedale produttivo, e i cittadini non si sono mai arresi alla sua chiusura. Adesso la sanità calabrese è nelle mani del presidente della Regione, che è anche commissario: se ci saranno le condizioni lo riapriremo presto, e magari inviterò alla cerimonia di apertura anche Roger Waters dei Pink Floyd”- ha aggiunto Occhiuto.

Continua a leggere

Di tendenza