"Special Olympics 2.1", Castrovillari premia gli atleti: "un vero inno alla dignità" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

“Special Olympics 2.1”, Castrovillari premia gli atleti: “un vero inno alla dignità”

Consegnati i riconoscimenti agli atleti di Castrovillari che hanno partecipato ai giochi nazionali. I complimenti anche ai loro accompagnatori

Avatar

Pubblicato

il

CASTROVILLARI (CS) – Inclusione, sport, abilità e dedizione. Sono stati premiati i 16 atleti, partecipanti locali, (tesserati con i team AFD Totum, Il Filo di Arianna, e MeglioInsieme Castrovillari) ai Giochi Nazionali Special Olympics #SmartGAmes 2.1. Il sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, ha plaudito all’encomiabile iniziativa, svoltasi al Protoconvento francescano, indirizzando un caloroso augurio a tutti i ragazzi partecipanti alla competizione sportiva e per le abilità messe, con dedizione, in campo.

Il momento locale, organizzato dal team della dirigente provinciale Mariella Greco, è stato contraddistinto dal saluto di benvenuto curato dalle ASD Dojo Bushi e Olimpic Viola di Castrovillari per affermare l’importanza di azioni ed attività del genere per debellare ogni forma di violenza che patisce l’individuo come riprende l’iniziativa a livello mondiale #weare15% per rilanciare tale urgenza educativa per il “cambiamento”.

A condividere sensazioni, gioia ed emozioni pure la Garante del Comune per i diritti della persona disabile, Caterina Tamburi, il Consigliere Carmelo Vacca, presidente della commissione Cultura, Antonio Limonti per la Polisportiva del Pollino, Claudio Zicari per il Sistema Museale “Città di Castrovillari”, Luigi Postorivo presidente Lions Club di Castrovillari in rappresentanza dei Club Service che supportano Special Olympics, e la vicepresidente CAI Castrovillari, Carla Primavera, in rappresentanza degli enti territoriali e il mondo del volontariato.

Nella manifestazione uno speciale ringraziamento è andato anche a tutti i responsabili, tecnici, accompagnatori e famiglie che “in questo evento affermano, da anni, affiancandolo con amore e dedizione il ruolo sociale ed educativo dello sport contro ogni logica di discriminazione”. Un vero inno alla dignità – è stato ribadito in più modi nei contributi espressi – che coinvolge tanti in Città, nel comprensorio, in regione e ad ogni latitudine sulla Terra, convinti della portata dell’appuntamento e di questi meeting per ribadire principi e diritti fondamentali, invalicabili, ma anche opportunità di crescita per ciascun individuo che non può prescindere da uno Sguardo e una considerazione dell’altro nonché da quelle collaborazioni sinergiche che fanno la differenza nelle aggregazioni per uno sviluppo diffuso ed armonioso di ognuno, così com’è, integralmente inteso.

19 discipline

L’appuntamento nazionale ha coinvolto mettendo alla prova, così, giovanissimi donne e uomini nell’Atletica, nel Badminton, Basket, Bocce, Bowling, Calcio, Canottaggio, Karate, Ginnastica, Golf, Nuoto, Pallavolo, Racchette da neve, Rugby, Sci Alpino, Sci di fondo, Snowboard, Tennis e Tennistavolo.

Qui la disabilità dà prova, fortemente e senza mezze misure, del suo Essere a prescindere, in un mondo spesso appiattito sull’esteriorità, contro il “diverso” nonché afferrato dal quel vuoto di senso e stregato da un relativismo che non gli dà tregua senza, però, per una Forza comunque presente, poter intaccare quel sano desiderio di ciascuno di mettersi in gioco, che viene suscitato ed ispirato sorprendentemente e misteriosamente sempre per affermare il valore persona.

“Queste iniziative che si innalzano sempre più forti nel segno dell’inclusione imprescindibile per ogni crescita che si dica tale – ha dichiarato a margine del momento il Sindaco Lo Polito, richiamando il senso ed il messaggio profondo dei Giochi- fanno intendere che tutto questo è possibile quando c’è qualcuno che sa “dialogare” con quel bisogno profondo di ciascuno, di essere voluto veramente bene. Anche da qui’ passa l’agognata Ripresa…della società”.

Provincia

Luzzi, sequestro di una carrozzeria e un autolavaggio. Denunciate 4 persone

I carabinieri Forestale hanno riscontrato irregolarità in materia ambientale in merito alla corretta gestione dei rifiuti e alla regolarità urbanistica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – I Carabinieri Forestale di San Pietro in Guarano hanno denunciato quattro persone e al sequestro di una carrozzeria e un autolavaggio nel comune di Luzzi. I sequestri sono avvenuti durante dei controlli in materia ambientale in merito alla corretta gestione dei rifiuti e alla regolarità urbanistica delle strutture controllate. Durante tale attività svolta in località Linze è emerso che il titolare di una carrozzeria non era dotato di necessaria autorizzazione alle emissioni in atmosfera. Inoltre a seguito del controllo effettuato con il responsabile dell’ufficio tecnico comunale si è constatato che al suo interno erano presenti opere abusive realizzate per effettuare tale attività che sono risultate sprovviste delle necessarie autorizzazioni comunali. Si è quindi proceduto al sequestro delle stesse e alla denuncia del proprietario del fondo e della carrozzeria per esercizio di attività di autocarrozzeria in assenza di autorizzazioni alle emissioni in atmosfera e per aver realizzato opere urbanistiche in assenza dei titoli abilitativi.

Controlli sono stati estesi anche ad un vicino autolavaggio. Anche in questo caso si sono riscontrate irregolarità urbanistiche e una gestione di rifiuti non autorizzata in riferimento allo stoccaggio dei reflui prodotti e presenti nelle vasche di raccolta. Gli accertamenti documentali e quelli posti in essere nell’immediatezza hanno riscontrato la presenza di opere abusive prive delle necessarie autorizzazioni comunali che hanno portato al sequestro delle stesse oltre al sistema di raccolta acque reflue di lavorazione, anch’esso posto sotto sequestro perché non conforme alla normativa in quanto i fanghi derivanti da tale trattamento devono essere smaltiti periodicamente, cosa non avvenuta come si è accertato dalle vasche trovate colme degli stessi e dal controllo dei registri. Pertanto si proceduto al sequestro dell’autolavaggio e alla denuncia del proprietario dell’attività e del terreno per i lavori eseguiti in assenza dei titoli abilitativi e per attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

 

 

Continua a leggere

Provincia

Escursionisti cosentini si perdono sul Pollino, soccorsi nei pressi di Vacquarro

Sono stati ritrovati dagli uomini del soccorso alpino intorno alle 23 ieri sera. I due cosentini avevano lanciato l’allarme intorno alle 21

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Due escursionisti trentacinquenni, cosentini, che in mattinata volevano raggiungere Serra di Crispo partendo da Colle Impiso, in fase di discesa, hanno smarrito il sentiero. Solo intorno alle 21 hanno lanciato l’allarme alla Centrale del 112 che prontamente ha allertato le squadre lucane e calabrese del Soccorso Alpino.

I due sono stati rintracciati nei pressi di Vacquarro. Recuperati a bordo di un fuoristrada, in buone condizioni di salute, sono stati accompagnati alla loro macchina. Hanno partecipato alle ricerche anche i carabinieri forestali del Parco.

Continua a leggere

Ionio

Corigliano Rossano: incendio in un capannone abbandonato, una vittima

Il corpo dell’uomo è stato trovato carbonizzato. L’incendio sarebbe divampato per cause accidentali

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Un migrante di nazionalità moldava é morto a Corigliano Rossano nell’incendio scoppiato nel capannone abbandonato in cui dormiva. Le fiamme, secondo quanto é emerso dalle indagini dei carabinieri del locale Reparto territoriale, sarebbero state provocate da cause accidentali, presumibilmente per una cicca di sigaretta non spenta. L’incendio é stato spento dai vigili del fuoco. A trovare il cadavere carbonizzato del moldavo sono stati i carabinieri, che hanno sentito come testimone un altro migrante che dormiva nel capannone insieme alla vittima. Sul posto i militari hanno trovato alcune bottiglie di alcolici vuote. Si esclude, in ogni caso, che l’incendio sia stato appiccato volontariamente da qualcuno e che quindi, per quanto é accaduto, possano esserci responsabilità di terzi.

Continua a leggere

Di tendenza