Allacci abusivi e fiumi prosciugati da prelievi agricoli. Emergenza acqua nel cosentino - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Allacci abusivi e fiumi prosciugati da prelievi agricoli. Emergenza acqua nel cosentino

Il commissario di Sorical Calabretta “se si continua con il massiccio utilizzo dell’acqua potabile in modo improprio, difficilmente ne usciremo”

Avatar

Pubblicato

il

COSEMZA – Allacci abusivo, ma anche prelievi di acqua non autorizzati dai fiumi Lese e Trionto, a Sud Tuccio, che unitamente al calo delle sorgenti, stanno mettendo in crisi l’erogazione idrica in diversi Comuni della Presila cosentina del Crotonese, del Basso Jonio e a Sud della città di Reggio. Questa mattina è prevista una riunione in Prefettura a Cosenza e Sorical, come già segnalato due mesi fa, ribadirà che il ripristino sarà possibile solo attraverso una repressione dei prelievi.
Denunce a Prefettura e forze dell’ordine

La Sorical, per scongiurare l’interruzione dell’erogazione del servizio idrico in diversi comuni della Calabria, ha interessato diverse Prefetture e le forze dell’ordine della problematica che, solo in alcuni casi, è da mettere in relazione alla siccità e carenza idrica. In molti casi, invece, viene meno la disponibilità di risorsa idrica per i prelievi non autorizzati, documentati dalla Sorical, attuate da alcune aziende agricole che in questo periodo coltivano patate.

Fino al 50% in meno di acqua all’ingresso degli impianti

In particolare, la crisi degli schemi Lese e Trionto,  destano molta preoccupazione: per molte ore al giorno (dal pomeriggio a tarda sera) manca oltre il 50% di acqua grezza in ingresso agli impianti di potabilizzazione, proveniente dalle opere di prese sui fiumi Lese- Cannavò e Trionto. Al momento, per alimentare i comuni sottesi agli impianti, non ci sono fonti di approvvigionamento alternative. In particolare al potabilizzatore Savelli, che alimenta i Comuni di Savelli, Verzino nel Crotonese, Campana, Scale Coeli, Pietrapaola, Terravecchia, Cariati nel Cosentino, per tutto il pomeriggio manca oltre il 50% dell’acqua disponibile che si riflette sull’erogazione del mattino perché i serbatoi nella notte non si riescono a riempire. Stessa situazione accade, sempre in Sila, all’opera di presa dell’Ipot Trionto che alimenta da un versante Acri, Bisignano, Luzzi e Rose e dall’altro Vaccarizzo Albanese, San Giorgio Albanese, San Cosmo e San Demetrio Corone. 

E nei prossimi giorni, si arriverà ad un calo delle forniture anche dei Comuni dello schema Lida Baaidela e Pulitrea- Brigante per il forte calo della sorgente Rigola e Pulitrea che alimentano i comuni di Crotonei, San Giovanni in Fiore, Verzino, Castelsilano, Cerenzia e Caccuri.

Azioni di contrasto e lotta ai furbetti

Oggi  tornerà a riunirsi la task force in prefettura a Cosenza per dare seguito alle azioni di contrasto e al rispetto della legge che, ricordiamo, stabilisce che gli usi civili e sanitari hanno la priorità su quelli agricoli e idroelettrici. A Sud di Reggio Calabria, lo schema Tuccio è in forte calo stagionale rispetto agli anni precedenti: la portata di questa mattina è di 120 litri al secondo rispetto ai 180 litri della portata dello stesso periodo dello scorso anno, mentre la portata negli altri periodi dell’anno è di 280/300 litri al secondo. Sorical nel frattempo sta supplendo la carenza idrica con lo schema della Diga del Menta con il ramo Sud fino ai serbatoi di Pellaro, Ribergo e Nocille.

Calabretta “un disastro”

“Il luogo comune che “la Calabria è ricca di acqua” si infrange di fronte al disastro a cui stiamo assistendo in questi mesi.”, afferma il commissario della Sorical Cataldo Calabretta. “Se si continua con il massiccio utilizzo dell’acqua potabile in modo improprio, difficilmente ne usciremo. Ribadisco, in Calabria manca l’acqua non potabile per irrigare giardini e piccoli orti, nonostante le reti duali siano previste da una legge del 94, ma non sono state previste dai Piani regolatori dei Comuni. Ciò è grave perché la Calabria – ricorda Calabretta – è una regione a vocazione agricola. La prossima Programmazione Comunitaria deve tenere conto di queste esigenze, occorre programmare per tempo invasi e reti idriche, fognarie e depurative efficienti, per consentire alle future generazioni l’accesso all’acqua alla luce di cambiamenti climatici in atto.”

 

Allacci abusivi, distacchi e segnalazione

Sorical, che nei prossimi giorni avvierà una campagna di sensibilizzazione finalizzata al corretto utilizzo dell’acqua potabile, rammenta che l’utilizzo è esclusivamente consentito per usi domestici, igienico-sanitari, mentre sono assolutamente vietati gli utilizzi impropri, quali irrigazioni a colture e/o ortaggi, giardini, campi, piscine, strade, piazzali, cortili.

Intanto continua a ritmo serrato la campagna di individuazione di allacci abusivi sugli impianti della Sorical. Ieri, su sollecitazione dei sindaci dei Comuni di Gimigliano Tiriolo, Settingiano, Amato e Miglierina – che da anni tra giugno e settembre, lamentano carenze ed improvvisi cali delle forniture, soprattutto a ridosso dei fine settimana – i tecnici della Sorical, coadiuvati da imprese specializzata e dalle forze dell’ordine hanno passato al setaccio l’acquedotto Posino-Montenero-Bastarda. A due mesi dall’avvio dell’azione di contrasto si può tracciare un primo bilancio che è più che positivo. Infatti sono stati individuati diversi allacci non autorizzati da Sorical, con portate di derivazione importanti e utilizzi impropri che destabilizzavano la rete e impedivano a migliaia di nuclei familiari di usufruire di un bene prezioso come l’acqua potabile. Con i Comuni interessati sono in corso puntuali verifiche ed accertamenti tecnici ed amministrativi nei riguardi di situazioni alquanto sospette, tra questi anche verbali di allacci firmati da personale non dipendente dalla Sorical. I tecnici hanno provveduto a sezionare e dismettere tali allacci dando già sollievo ad una popolazione che da sempre soffre criticità idropotabili.

Provincia

Bergamini, Il PM chiede il rinvio a giudizio della Internò. Anselmo “c’è voglia di verità”

Lunedì toccherà alla difesa della Internò. Nella requisitoria del sostituto Luca Primiceri ha chiesto il processo dell’ex findanzata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Nella seconda delle tre udienze preliminari davanti al GUP di Castrovillari (la terza e forse ultima udienza si terrà lunedì 2′ settembre), Lelio Fabio Festa, che dovrà pronunciarsi sull’eventuale processo dell’ex fidanza del calciatore del Cosenza, la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per la Internò, accusata di omicidio volontario. Il sostituto Luca Primiceri,  che si è occupato dell’inchiesta dopo il trasferimento a Potenza di Facciolla, ha fatto la sua la requisitoria che il difensore della famiglia bergamini ha definito “formidabile” e ripercorso tutte le tappe di questa lunghissima vicenda. Il prossimo 20 settembre, invece, toccherà all’avvocato Angelo Pugliese, difensore di Isabella Internò, che all’uscita dell’udienza non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

“Sono franco e sincero, pensavo ad un processo suicida nel quale il PM non credesse ma lo facesse per questioni di opportunità Da parte del pm invece c’è stata tanta voglia di verità – ha detto Anselmo ai giornalisti. Abbiamo portato all’attenzione del giudice tutta una serie di questioni e le gravissimi negligenze compiute dopo la morte di Denis che hanno portato la famiglia ad una maratona di 30 anni. La difesa lamenta un processo mediatico, ma se non lo fosse stato non saremmo qui. La Internò dovrebbe fare mea culpa. Lunedì sarà ascoltata la difesa della signora Internò e poi vedremo di che morte dovremo morire. Ribadisco che non stiamo discutendo della colpevolezza o meno della signora Internò ma della sussistenza degli elementi per arrivare al processo. E c’erano anche prima dei provvedimenti di archiviazione discutibili”.

“Siamo qui con elementi solidissimi di scienza che si tenta di far passare come sperimentali quando tutti i cold case più recenti (Claps, Cucchi ma anche altri) sono stati risolti con la glocoforina. E poi c’è una cosa evidente: la glicoforina non può dare esito positivo artefatto dalla putrefazione, semmai darebbe esito negativo non positivo. Ci arriva chiunque, anche senza essere uno scienziata. La consulente della difesa, la ha condiviso ed accettato tutte le conclusioni dei periti e si è svegliata tardi. Le intercettazioni che la riguardano per noi sono pienamente valide, ma deciderà il giudice”.

Continua a leggere

Provincia

Castrovillari, un altro mezzo rubato e ritrovato. Camion restituito ai proprietari

Diversi i mezzi rubati e ritrovati grazie alla sinergia dei vigilantes dell’Assipol e delle forze dell’ ordine. L’ultimo questa mattina

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Alle ore 05:00 di questa mattina, durante un servizio di controllo, una pattuglia dell’istituto di vigilanza Assipol, notava la presenza di un camion fermo con finestrino e sportello aperto, senza nessuno a bordo nell’ area perimetrale di una importante azienda agricola del territorio di Castrovillari, in contrada Cammarata. Sul posto in pochi minuti sono giunti i carabinieri della compagnia di Castrovillari per gli accertamenti di rito. Accertamenti che hanno permesso di riscontrare che il camion risultava rubato. Concluse le operazioni, il mezzo è stato restituito ai legittimi proprietari. Negli ultimi mesi sono diversi i ritrovamenti di mezzi rubati da parte degli uomini dell’ istituto di vigilanza Assipol in sinergia con le forze dell’ordine.

 

Continua a leggere

Ionio

Rapina in un locale di Rossano, due persone sottoposte a fermo

Gli agenti della polizia di Corigliano Rossano hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di due soggetti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Sono accusati di essere gli autori di una rapina, in concorso, compiuta lo scorso 7 settembre all’interno di un locale dell’area urbana di Rossano.Si tratta di F.O. di 41 anni e B.N.M. di 38, che sono stati raggiunti da un provvedimento di fermo disposto dalla Procura di Castrovillari.

In particolare il 38enne individuato a bordo di un’auto a Schiavonea avrebbe tentato di darsi alla fuga per sfuggire ai poliziotti e non riuscendovi, si è scagliato contro un agente sferrando calci e pugni. Il secondo rapinatore, F.O. è stato invece rintracciato in un capannone abbandonato dove si era rifugiato per non farsi trovare ed era prondo alla fuga. I due soggetti accusati di rapina in concorso sono finiti in carcere a Castrovillari.

Continua a leggere

Di tendenza