Ritrovati in un capannone 4 autocarri rubati. Indaga la Procura di Cosenza - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Ritrovati in un capannone 4 autocarri rubati. Indaga la Procura di Cosenza

I mezzi sono stati ritrovati da Polizia provinciale di Cosenza ed erano nascosti in capannone di proprietà della Provincia

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Quattro autocarri, di cui uno che conteneva anche un mini escavatore sul cassone, sono stati sequestrati dagli agenti della Polizia provinciale di Cosenza su disposizione della locale Procura. I mezzi da lavoro, tutti risultati rubati, sono stati individuati a seguito della segnalazione di un capo cantoniere dipendente dall’amministrazione provinciale di Cosenza, lo scorso 24 giugno in località Pinitello nel territorio del comune di Acri all’interno di un capannone di proprietà dell’ente.

Secondo quanto emerso dai primi accertamenti effettuati da agenti e ufficiali della Polizia provinciale di Cosenza, i mezzi sono risultati rubati in più circostanze e i furti sono stati denunciati dai rispettivi proprietari nelle stazioni di Acri, Camigliatello Silano, Celico e Caccuri. Sul luogo del ritrovamento sono intervenuti anche gli specialisti della Polizia scientifica di Cosenza che hanno effettuato una serie di rilievi. Le indagini sono dirette dal sostituto procuratore di Cosenza, Margherita Saccà. In particolare, adesso, bisognerà capire se i furti siano riconducibili a un’attività estorsiva nei confronti di imprese operanti non solo nella provincia di Cosenza ma anche in quella di Crotone.

Provincia

Frana a San Giovanni in Fiore, chiuso tratto della Statale 107

Un movimento franoso ha determinato la chiusura del tratto della statale 107 Silana Crotonese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – E’ stato chiuso al traffico sulla strada statale 107 Silana-Crotonese, il tratto tra gli svincoli di San Giovanni in Fiore (km 90,000) e lo svincolo di Castelsilano (km 95,000) a causa di una frana al km 92,000, nel comune di San Giovanni in Fiore in provincia di Cosenza. Sul posto è impegnato il personale Anas e le Forze dell’Ordine per gestione della viabilità e per ripristinare appena possibile la transitabilità in sicurezza. Il movimento franoso si è verificato nella notte all’uscita da una galleria. Non si registrano danni alle persone.

Continua a leggere

Calabria

Torrenti esondati e frane in Calabria. Cade un masso sulla statale di Potame

L’ondata di maltempo sta piegando da ieri sera tutta la regione con diverse zone a rischio e ancora sotto osservazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Le piogge intense delle ultime ore hanno provocato lo straripamento di fiumi e torrenti mentre altri sono a rischio o sotto osservazione. Questa la situazione in Calabria delineata dalla Protezione civile regionale sull’ondata di maltempo che da ieri sera sta interessando la regione. La zona più colpita, al momento, è quella del reggino. Criticità anche nel cosentino dove è caduto un masso dalla parete rocciosa sulla strada statale 278 di Potame, nel territorio del comune di Domanico. Anas fa sapere che il tratto è provvisoriamente chiuso al traffico tra il km 12,500 ed il km 13,450 in entrambi i sensi di marcia; le deviazioni sono segnalate lungo viabilità alternative. Sul posto è intervenuto personale di Anas per la gestione della viabilità.

Fiumi esondati e frane, diverse zone a rischio

A straripare è stato il fiume Bonamico, in località Pace a San Luca, e il torrente La Verdea a ridosso della statale 106, tra Bianco ed Africo, nel reggino, con l’allagamento di terreni agricoli circostanti. Sempre nel reggino è a rischio esondazione il fiume Molaro, a Montebello Ionico, sul quale è stato compiuto un sopralluogo congiunto tra tecnici del Comune ed i vigili del fuoco. Sono attenzionati anche il torrente Budello, a Gioia Tauro, e il torrente Catone, a San Roberto.

A Seminara alcune piccole frazioni sono rimaste prive di energia elettrica mentre a Roccaforte del Greco si è verificata una frana sulla strada provinciale ad un chilometro dal centro abitato e gli interventi per il ripristino della circolazione sono già stata attivati. Una caduta di massi si è verificata sulla ex strada provinciale Zaccanopoli-Pargelia, nel vibonese. Ciò ha provocato un’ostruzione parziale della sede stradale che impedisce il transito ai mezzi pesanti. Sempre nel vibonese è allagata la strada provinciale Zaccanopoli-Parghelia. Sul posto è intervenuto personale di Anas per la gestione della viabilità.

Continua a leggere

Provincia

A Cetraro, Amantea e Cassano Ionio arriva la ‘Carovana antiracket’

Dopo le prime tappe lucane ci si sposta in Calabria: dal 27 al 29 ottobre, infatti, la carovana sarà a Cetraro, Amantea e Cassano all’Ionio

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Luoghi e date mai casuali così come le storie che la Carovana antiracket e antiusura sta raccontando nel viaggio iniziato un mese fa, che continuerà ad attraversare i territori interessati. Si chiama Economie di Libertà ed è un percorso sulla consapevolezza di quanto sia fondamentale fare rete, unire le forze, mettere insieme competenze e conoscenze e mettersi a disposizione in ogni momento per recepire una richiesta di aiuto.

Per questi motivi è attivo 24 ore su 24 il numero 393.8860940, per favorire il dialogo, il confronto, per recepire da vicino e direttamente le istanze di chi inciampa o rischia di inciampare nelle rete del racket e dell’usura e per dire “ci siamo, ecco come possiamo aiutarti”.

Il 27 ottobre Economie di Libertà arriva a Cetraro, presso la Colonia San Benedetto dove è in programma l’incontro dal titolo “Come fate a non amare questa Terra e a non lottare per la libertà”. Si tratta di una citazione presa in prestito da Lucio Ferrami, un commerciante ammazzato dalla ‘ndrangheta esattamente 40 anni prima (il 27 ottobre 1981) perché deciso a non pagare il pizzo. L’evento di Cetraro è organizzato dal presidio locale di Libera ‘Lucio Ferrami’, dall’associazione antiracket di Cosenza che porta sempre il nome della vittima di ndrangheta e dal presidio di Libera ‘Sergio Cosmai’, sempre di Cosenza.

Il 28 ottobre la Carovana Antiracket fa tappa ad Amantea, in un evento organizzato in collaborazione con UECoop- Unione Europea delle Cooperative, nel Mediterraneo Palace Hotel, si svolgerà l’incontro dal titolo “In cammino per la libertà. Cooperanti di legalità”. Infine, ultima tappa sarà quella di Cassano all’Ionio del 29 ottobre, presso la Basilicata Cattedrale di Cassano, con l’incontro dal titolo “Insieme contro l’usura e l’estorsione. E’ il tempo di osare”, organizzato in collaborazione con la Fondazione Antiusura San Matteo Apostolo Onlus, partnar del progetto Economie di Libertà.

Continua a leggere

Di tendenza