Tesori Giganti, i maestosi "patriarchi" della Sila come non li avete mai visti prima - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social
Avatar

Pubblicato

il

SPEZZANO DELLA SILA (CS) – In nessun altro luogo come qui è rimasta intatta la magnificenza della Selva, l’impenetrabile foresta incantata e misteriosa, abitata dall’antico popolo dei Bruzi. Sul fianco di questi colossi, alti anche 45 metri e con un diametro alla base di circa due metri, tanto da essere spesso paragonati per dimensioni alle sequoie nordamericane, la resina scorre da quasi 400 anni. È lo spettacolo grandioso della natura in tutta la sua magnificenza. Sono i “Giganti della Sila” nota anche come Riserva Naturale del Fallistro: maestosi alberi monumentali incastonati nel naturalistico e storico Parco Nazionale della Sila in un‘area naturale protetta istituita nel 1987 e la sua probabile origine è datata tra il 1620 e il 1650.

I Giganti come non li avete mai visti prima

Grazie ad una speciale autorizzazione, vi regaliamo un’immagine unica e inedita di questo maestoso bosco secolare nel cuore della Sila Grande, affidato in concessione al FAI dal Parco Nazionale della Sila dal 2016, nel quale si trovano oltre 60 esemplari di pini larici e aceri montani piantati nel Seicento dai Baroni Mollo. Passeggiare in mezzo a questo prodigio di indubbia spettacolarità suscita meraviglia e ammirazione.

Streghe, pozioni magiche e la leggenda di “Croce di Magara”

Il bosco si estende su un area geografica in località “Croce di Magara”, in origine “Crocevia delle Magare” un luogo leggendario e oscuro nel quale la leggenda narra che in questo posto si incontravano le “magare”, parola dialettale cosentina per indicare le streghe o fattucchiera. Qui preparavano pozioni magiche e una di loro era nota per rubare la resina dagli alberi bicentenario. La strega venne scoperta e per questo bruciata viva.

 

Provincia

Bergamini, Il PM chiede il rinvio a giudizio della Internò. Anselmo “c’è voglia di verità”

Lunedì toccherà alla difesa della Internò. Nella requisitoria del sostituto Luca Primiceri ha chiesto il processo dell’ex findanzata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Nella seconda delle tre udienze preliminari davanti al GUP di Castrovillari (la terza e forse ultima udienza si terrà lunedì 2′ settembre), Lelio Fabio Festa, che dovrà pronunciarsi sull’eventuale processo dell’ex fidanza del calciatore del Cosenza, la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per la Internò, accusata di omicidio volontario. Il sostituto Luca Primiceri,  che si è occupato dell’inchiesta dopo il trasferimento a Potenza di Facciolla, ha fatto la sua la requisitoria che il difensore della famiglia bergamini ha definito “formidabile” e ripercorso tutte le tappe di questa lunghissima vicenda. Il prossimo 20 settembre, invece, toccherà all’avvocato Angelo Pugliese, difensore di Isabella Internò, che all’uscita dell’udienza non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

“Sono franco e sincero, pensavo ad un processo suicida nel quale il PM non credesse ma lo facesse per questioni di opportunità Da parte del pm invece c’è stata tanta voglia di verità – ha detto Anselmo ai giornalisti. Abbiamo portato all’attenzione del giudice tutta una serie di questioni e le gravissimi negligenze compiute dopo la morte di Denis che hanno portato la famiglia ad una maratona di 30 anni. La difesa lamenta un processo mediatico, ma se non lo fosse stato non saremmo qui. La Internò dovrebbe fare mea culpa. Lunedì sarà ascoltata la difesa della signora Internò e poi vedremo di che morte dovremo morire. Ribadisco che non stiamo discutendo della colpevolezza o meno della signora Internò ma della sussistenza degli elementi per arrivare al processo. E c’erano anche prima dei provvedimenti di archiviazione discutibili”.

“Siamo qui con elementi solidissimi di scienza che si tenta di far passare come sperimentali quando tutti i cold case più recenti (Claps, Cucchi ma anche altri) sono stati risolti con la glocoforina. E poi c’è una cosa evidente: la glicoforina non può dare esito positivo artefatto dalla putrefazione, semmai darebbe esito negativo non positivo. Ci arriva chiunque, anche senza essere uno scienziata. La consulente della difesa, la ha condiviso ed accettato tutte le conclusioni dei periti e si è svegliata tardi. Le intercettazioni che la riguardano per noi sono pienamente valide, ma deciderà il giudice”.

Continua a leggere

Provincia

Castrovillari, un altro mezzo rubato e ritrovato. Camion restituito ai proprietari

Diversi i mezzi rubati e ritrovati grazie alla sinergia dei vigilantes dell’Assipol e delle forze dell’ ordine. L’ultimo questa mattina

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Alle ore 05:00 di questa mattina, durante un servizio di controllo, una pattuglia dell’istituto di vigilanza Assipol, notava la presenza di un camion fermo con finestrino e sportello aperto, senza nessuno a bordo nell’ area perimetrale di una importante azienda agricola del territorio di Castrovillari, in contrada Cammarata. Sul posto in pochi minuti sono giunti i carabinieri della compagnia di Castrovillari per gli accertamenti di rito. Accertamenti che hanno permesso di riscontrare che il camion risultava rubato. Concluse le operazioni, il mezzo è stato restituito ai legittimi proprietari. Negli ultimi mesi sono diversi i ritrovamenti di mezzi rubati da parte degli uomini dell’ istituto di vigilanza Assipol in sinergia con le forze dell’ordine.

 

Continua a leggere

Ionio

Rapina in un locale di Rossano, due persone sottoposte a fermo

Gli agenti della polizia di Corigliano Rossano hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di due soggetti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Sono accusati di essere gli autori di una rapina, in concorso, compiuta lo scorso 7 settembre all’interno di un locale dell’area urbana di Rossano.Si tratta di F.O. di 41 anni e B.N.M. di 38, che sono stati raggiunti da un provvedimento di fermo disposto dalla Procura di Castrovillari.

In particolare il 38enne individuato a bordo di un’auto a Schiavonea avrebbe tentato di darsi alla fuga per sfuggire ai poliziotti e non riuscendovi, si è scagliato contro un agente sferrando calci e pugni. Il secondo rapinatore, F.O. è stato invece rintracciato in un capannone abbandonato dove si era rifugiato per non farsi trovare ed era prondo alla fuga. I due soggetti accusati di rapina in concorso sono finiti in carcere a Castrovillari.

Continua a leggere

Di tendenza