Nel cosentino contagi esplosi dopo le "feste" di Pasqua. E molti sono ragazzi - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Nel cosentino contagi esplosi dopo le “feste” di Pasqua. E molti sono ragazzi

Nell’ultima settimana un vero e proprio boom di contagi tra giovani e giovanissimi, alcuni anche in età pediatrica

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Dopo Crosia e Altomonte, ieri un altro comune del cosentino è finito in zona rossa (Rocca Imperiale) mentre ad Acri e San Giovanni in Fiore (il sindaco aveva chiesto una zona arancione rafforzata) le stesse misure, già in vigore dalla scorsa settimana, sono state prorogate per altri 7 giorni. Motivazione dovuta all’incidenza di nuovi casi confermati rispetto alla popolazione residente, che resta ancora molto alta ed è pari rispettivamente a 391 e 717 casi per 100.000 abitanti. Ancora più elevato il dato di Rocca Imperiale. Il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Cosenza ha confermato negli ultimi 7 giorni (19-25 aprile 2021) un’incidenza di nuovi casi pari a 1.410 contagi per 100.000 abitanti.

Boom di contagi tra i giovanissimi dopo Pasqua

Ma il dato che fa riflettere è che nel comune dello Ionio, dove sono stati riscontrati diversi focolai, i contagi interessano per poco più del 30% anche la fascia di popolazione under 18 (3 su 10). Giovani e giovanissimi che hanno contratto l’infezione esplosa nella provincia di Cosenza con ancor maggiore veemenza, subito dopo le festività di Pasqua. Dato confermato anche dal Sindaco di San Giovanni in Fiore Rosaria Succurro, costretta a prorogare la chiusura delle scuole visto che “il 15% di positivi di età inferiore ai 18 anni” e che purtroppo, ha sottolineato “dopo le festività pasquali, si è registrato un aumento significativo dei casi”. Non solo, in tutti i comuni finiti nelle ultime settimana in zona rossa, l’incidenza negli ultimi 7 giorni rispetto alla popolazione residente, registra valori superiore ai livelli di allerta e interessa un “cospicuo numero di individui di età pediatrica con possibili ripercussioni nel setting scolastico”.

Assembramenti di giovanissimi a Cosenza

E sono decine le segnalazioni che continuano ogni giorno ad arrivare in redazione relativamente al Parco Emilio Morrone su Via Roma. Assembramenti di giovani e giovanissimi, spesso senza mascherina e nessun distanziamento, non sono certo un buon viatico per cercare di far abbassare la curva dei casi. Nessuno vuole puntare il dito contro nessuno o mettere qualcuno sul patibolo, ma ad un anno e più dall’esplosione della pandemia con tutto quello che è successo negli ultimi mesi, con gli ospedali della provincia al collasso e il numero crescente di morti, non è possibile vedere ancora immagini del genere.

Nel cosentino e crotonese più del 55% dei nuovi casi

Inoltre l’analisi dei dati cumulativi a livello regionale evidenzia, nella settimana 19-25 aprile, nelle province di
Cosenza e di Crotone, un numero assoluto di casi confermati che cumulativamente rappresenta oltre il 55% del dato complessivo regionale, nonché valori di incidenza per 100.000 abitanti pari, rispettivamente a 205 e 189, ampiamente superiori alla media regionale, che evidenziano l’alta diffusibilità dei contagi, dovuto principalmente alla diffusione delle varianti virali, che impongono di mantenere alto il livello di attenzione sia per la situazione epidemiologica presente in detti specifici territori, che per il grado di saturazione nel numero di posti letto occupati in Area Medica e Terapia Intensiva. Per questo, viene ribadito, che deve essere limitata la circolazione delle persone, diminuendo al massimo ogni occasione di contatto e di socialità al fine di mantenere sotto controllo anche la situazione epidemiologia regionale, nel rispetto del principio di proporzionalità e adeguatezza in relazione al rischio da fronteggiare.

 

Provincia

Prova a disfarsi di oltre un chilo di droga in borsa, beccato nel cosentino

Arrestata una persona per detenzione di marijuana e sequestrate diverse munizioni abusive

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SPEZZANO ALBANESE (CS) – I carabinieri della stazione di Spezzano Albanese, nel cosentino, nella mattinata odierna, nel corso di un servizio di controllo del territorio di competenza in quell’area della Valle del Crati, tra Spezzano Albanese e terranova da Sibari, finalizzato al contrasto del traffico delle sostanze stupefacenti e dei reati in genere, hanno tratto in arresto una persona per detenzione di marijuana, denunciato un soggetto per detenzione abusiva di munizioni e segnalata una terza per possesso di sostanza stupefacente, sottoponendo complessivamente a sequestro penale oltre un chilo e mezzo di marijuana e 11 Cartucce di vario calibro.

Oltre un chilo di droga in borsa

Nel centro storico di Spezzano Albanese, a seguito di una intensa attività investigativa, i carabinieri hanno proceduto a mirate perquisizioni domiciliari e personali, le quali hanno portato al rinvenimento a casa del soggetto arrestato, di una borsa contenente oltre un chilo e mezzo di sostanza stupefacente del tipo marijuana suddivisa in 10 involucri di cellophane, 13 Dosi ed un bilancino di precisione, per un totale di 1,6 chilogrammi di marijuana. Vano, il tentativo dell’arrestato di disfarsi della borsa all’arrivo dei Carabinieri i quali prontamente hanno provveduto al repertamento e sequestro dello stupefacente. I controlli, proseguiti nella mattinata dai militari Dell’arma, hanno portato inoltre al deferimento in stato di libertà di un uomo per detenzione abusiva di munizionamento con n. 11 cartucce di vario calibro sequestrate, ed alla segnalazione alla prefettura di Cosenza di una terza Persona, a seguito di perquisizione personale, trovata in possesso di quasi un Grammo di marijuana. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto nel carcere di castrovillari.

Continua a leggere

Ionio

Balneazione a Corigliano-Rossano, 4 punti non conformi

Arpacal ha comunicato l’esito dei controlli alle acque di balneazione svolti il 15.06.2021

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Il Servizio tematico Acque del dipartimento provinciale Arpacal di Cosenza ha comunicato questa mattina al sindaco del Comune di Corigliano Rossano, e contestualmente alla Regione Calabria ed al Ministero della Salute, l’esito dei controlli alle acque di balneazione svolti il 15.06.2021.

Quattro in punti in cui le analisi hanno dato un esito di non conformità: Punto denominato “100 mt dx Torrente Coserie”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 800 UFC/100 ml. (valore limite 200). Punto denominato “Camping Pitagora”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 750 UFC/100 ml. (valore limite 200). Punto denominato “Fosso Nubrico”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 770 UFC/100 ml. (valore limite 200). Punto denominato “100 mt dx Fiume Trionto”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 780 UFC/100 ml. (valore limite 200).

Come prevede la normativa, ora spetta al Comune, come d’altronde richiesto dall’Arpacal, comunicare all’Agenzia le misure di gestione intraprese, come l’individuazione delle cause di inquinamento, i programmi d’intervento, la rimozione delle cause, nonché le relative ordinanze sindacali di divieto alla balneazione per i tratti indicati. Si precisa – è riportato nella nota di Arpacal – che la denominazione dei punti della campagna di balneazione, a volte individuati con nome di località o stabilimenti balneari/alberghieri, non è frutto di una scelta discrezionale Arpacal, ma la codificazione dei punti per come stabiliti da Regione e Ministero della Salute

Continua a leggere

Provincia

Poste italiane dedica una cartolina ad Aprigliano

L’evento si svolgerà lunedì 21 giugno, in occasione della XVIII Edizione della “Borsa di studio Luigi Cribari”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Aprigliano è uno dei comuni scelti da Poste Italiane in Calabria per presentare ai cittadini i temi della filatelia e della scrittura legati alle tradizioni e al patrimonio culturale della comunità. Per l’evento, che si svolgerà lunedì 21 giugno, in occasione della XVIII Edizione della “Borsa di studio Luigi Cribari”, presso i giardini pubblici “Luigi Cribari” della frazione Corte, alla presenza del sindaco Alessandro Leonardo Porco e di alcuni rappresentanti aziendali, sono stati realizzati un annullo filatelico e una cartolina.
L’iniziativa è parte del programma dei nuovi impegni per i Comuni italiani con meno di 5mila abitanti, annunciato dall’Amministratore Delegato Matteo Del Fante in occasione della seconda edizione “Sindaci d’Italia” ed è coerente con la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio e con l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate. La realizzazione di tali impegni è consultabile sul sito web www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. Il sindaco Alessandro Leonardo Porco ha espresso la propria soddisfazione per questa iniziativa che segna una nuova tappa nel dialogo e nel confronto con Poste Italiane e avvicina ancora di più l’Azienda al territorio, seguendo un percorso fatto di impegni reali, investimenti e opportunità concrete, al servizio della crescita economica e sociale del Paese. L’iniziativa è coerente con i principi ESG sull’ambiente, il sociale e il governo di impresa che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese.

Continua a leggere

Di tendenza