Tarsia, il campo di internamento di Ferramonti candidato a Patrimonio Europeo - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Tarsia, il campo di internamento di Ferramonti candidato a Patrimonio Europeo

Avatar

Pubblicato

il

É il riconoscimento conferito ai siti che contribuiscono a “promuovere il senso di appartenenza all’Unione europea tramite la ricchezza della diversità e l’importanza del dialogo interculturale”

 

TARSIA (CS) – Il Parco Letterario E. Bernhard – Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia è candidato alla preselezione del Mibact per la candidatura al Marchio del Patrimonio Europeo.

Il Marchio del Patrimonio Europeo

il Parco Letterario Ernst Bernhard – Campo di Internamento di Ferramonti di Tarsia rientra tra i sei siti italiani ammessi alla preselezione del Mibact per le candidature al Marchio del Patrimonio Europeo (European Heritage Label), il riconoscimento conferito ai siti che contribuiscono a “promuovere il senso di appartenenza all’Unione europea tramite la ricchezza della diversità e l’importanza del dialogo interculturale”

L’European Heritage Label non ha come oggetto la “bellezza” di una località ma ne esalta lo spirito comunitario, il messaggio e la carica emotiva. Le abitazioni di Schumann e di De Gasperi, il Campidoglio dei Trattati di Roma e il Villaggio di Schengen simbolo della libera circolazione delle persone, rappresentano pietre miliari nella costruzione di una identità Comune Europea. La candidatura di Ferramonti ha un valore da non sottovalutare nei giorni della brexit e di una emergenza sanitaria che limita alcune libertà fondamentali costruite e conquistate in quelli stessi luoghi, da chi vi fu costretto.

Il campo di Ferramonti

Ferramonti fu una realtà diversa dai lager nazisti dell’Europa centro orientale. Come sottolinea Ehrman “per i prigionieri passare per Ferramonti significò la salvezza.” Istituito dal regime fascista nel giugno del 1940, nel campo transitarono circa 5000 prigionieri la maggior parte dei quali apolidi di religione ebraica  provenienti da tutta Europa. I primi arrivarono nel 1942 e furono costretti a completarlo con le proprie mani.

“Quello che accadde là dentro ebbe dell’incredibile. In uno spazio senza logica confluirono persone da tutta Europa che seppero superare il dolore, la separazione dalle loro famiglie, solamente grazie alla solidarietà, alla convivenza, alla fratellanza” (Dal corto L’Angelo di Ferramonti, di Pier Luigi Sposato)

Molti degli allora internati, i loro figli e nipoti, ogni 27 gennaio si riuniscono ancora a Ferramonti nel Giorno della Memoria. Raccontano le loro storie ai numerosi presenti e passano il testimone a studenti, a residenti, a visitatori, alle comunità ebraiche di tutto il mondo e alla vicina Comunità Arbëreshë, la minoranza etno-linguistica albanese o, meglio, gli albanesi d’Italia, che ebbero un ruolo fondamentale nel sostentamento e nella salvezza degli internati e che hanno assunto oggi un ruolo di primo piano nella cura della loro memoria. Ogni anno il Campo di Ferramonti, Parco Letterario Ernst Bernhard e le Riserve del Crati accolgono circa 20.000 visitatori.

Al momento della promulgazione delle leggi razziali italiane (1938) i circa 10 mila ebrei stranieri apolidi presenti in Italia ebbero l’ingiunzione di lasciare il paese. Gran parte di loro riuscì a partire, ma per poco più di 3000 persone nel maggio 1940 scattò l’ordine di arresto. Molte di loro furono portate a Ferramonti dove li raggiunsero presto altri gruppi in fuga dal nazismo e arrivati nei territori sotto il controllo italiano dalla Yugoslavia alla Grecia, dall’Albania al nord Africa.

Ernst Bernhard fu il primo ad arrivare a Ferramonti

Ernst Bernhard, cui è dedicato il Parco Letterario, fu tra i primi ad arrivare a Ferramonti. Psicanalista di stampo junghiano, esercitava in Italia da tempo. Scappato da Berlino, rifiutato dal Regno Unito, trovò scampo a Roma. A Ferramonti ebbe la possibilità di proseguire i suoi studi mantenendo un carteggio con la moglie Dora che da Roma gli inviava tra le altre cose analisi astrologiche, considerazioni sul quotidiano, appunti sugli incontri di Eranos e poi libri, cibo, vestiario.

Quando fu liberato grazie all’intercessione dell’orientalista, esploratore e storico Giuseppe Tucci, che lo salvò dall’estradizione in Germania, tornò a Roma e contribuì non poco alla ripresa culturale del Paese. Fu lo psicanalista di Adriano Olivetti, Natalia Ginzburg, Amalia Rosselli, Giorgio Manganelli, Giacomo Debenedetti, Roberto Brazien fondatore di Adelphi, Luciano Emmer, Carla Vasio, Vittorio De Seta. Lo stesso Federico Fellini di cui quest’anno ricorre il centenario, andò in analisi da Berhard e lo stesso cineasta raccontò di essere stato fortemente influenzato da Bernhard per 8 /12 e Giulietta degli spiriti.

Provincia

Tragico incidente ad Amantea. Perde il controllo della moto, muore 17enne

Il ragazzo, che si trovava alla guida d una moto, è finito sotto una scarpata. In corso gli accertamenti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Francesco Greco

AMANTEA – Un ragazzo di 17 anni ha perso la vita in un tagico incidente stradale avvenuto sulla Strada provinciale 257 che dalla cittadina tirrenica arriva al vicino comune di Lago. Il giovane, per cause in corso di accertamento, stava percorrendo a bordo della sua moto la provinciale quando avrebbe perso il controllo del mezzo finendo in una scarpata. Il ragazzo, purtroppo, è morto sul colpo e i sanitari del 118 al loro arrivo non hanno potuto fare altro che costatarne il decesso. Sulla dinamica dell’incidente autonomo indagano i carabinieri.

 

Continua a leggere

Provincia

Cetraro, Libera: “escalation di episodi criminali, pericoloso ritorno al passato”

Il presidio territoriale Libera Lucio Ferrami teme per l’intero territorio dell’alto tirreno cosentino interessato da episodi di violenza inaudita, con l’utilizzo spregiudicato delle armi

Avatar

Pubblicato

il

CETRARO (CS) – “Già prima dell’attentato alla caserma dei Carabinieri ed all’auto del Comandante della stazione di Cetraro, si sono registrati atti di violenza verso giovani mamme, furti, racket e spaccio di droga. Ora si è decisamente alzato il tiro: colpi di pistola (almeno due) contro un furgone alimentare parcheggiato nei pressi della piazza della solidarietà veneto-trentina. Fatto di cui nessuno ha proferito parola; tentato omicidio al trentottenne buttafuori di un locale di Belvedere sul lungomare. Provocato, sembrerebbe, da noti malviventi cetraresi. Per mera fortuna ne è uscito “solo” gambizzato ma nonostante sia trascorso oltre un mese “stranamente” non si hanno ancora novità nelle indagini; l’episodio accaduto in piazza del Popolo a Cetraro Paese che ha visto l’assurda aggressione di un pizzaiolo da parte di colui che aveva ricevuto una denuncia qualche anno prima per gravi fatti estorsivi per il locale gestito a Cetraro Marina”.

“enorme muro di omertà”

A denunciare l’escalation criminale nell’area tirrenica e del cetrarese è il presidio Libera Lucio Ferrami: “Il fatto è ancora più grave non solo perché avvenuto in piazza in un orario che faceva registrare molte persone, ed alla presenza dei suoi familiari, quanto piuttosto perché sembrerebbe che nessuno abbia visto nulla. Oltre la denuncia del malcapitato si è preferito come al solito il ‘non sento, non vedo, non parlo’. Un enorme muro di omertà eretto nel corso degli ultimi cinquant’anni da tanti cittadini”.

“Eppure la comunità Cetraro ha registrato nel corso della sua recente storia le vicende umane, politiche ed imprenditoriali di Giannino Losardo e di Lucio Ferrami, che non si sono mai piegati alla prepotenza ed alla violenza mafiosa! Alessandro Bergonzoni, in un alto momento formativo proposto da Libera nazionale qualche anno fa, provocatoriamente recitava: “essere o essere…Umano? Essere umano non basta più! Deboli o … vili. Ovili, pecore, greggi, lupi, lupare. Chi sono io? Chi sono Loro? La mafia come un muro crepa non crolla per le infiltrazioni. L’odio e la violenza della mafia sono manifesti. Dobbiamo strappare i manifesti da quel muro. Dobbiamo arrotolarli mandarli a rotoli. Bisogna guardare la statua che sembra invisibile ma c’è: la statua dell’omertà con i suoi gangli che vogliono fermaci il cuore. Chissà se ce lo fermerà. Chi sa… parli. Dobbiamo superare il dolore o affiancarlo? Salire con lui lui e vedere dove porta, per arrivare a tanto? Questa è la domanda”.

“A due o tre isolati da qui. Ma quanti isolati ci sono? Uomo ottuso gira l’angolo diventa retto. Dobbiamo cambiare geometria. Ci sono troppi uomini piccoli che non vogliono crescere, svilupparsi. Io li chiamo i non sai. L’ignoranza è biadesiva attacca da tutte le parti. Ci vuole allora qualcuno che ci metta la faccia. Che faccia la differenza non l’indifferenza.” Come presidio territoriale Libera auspichiamo una riflessione a voce alta ed altra possibilmente in Piazza del Popolo. Sin da ora ci rendiamo disponibili ad organizzare l’evento nel prossimo mese di agosto”.

Continua a leggere

Ionio

Sbarco di migranti nel cosentino, ci sono anche 4 bambini

L’Amministrazione di Calopezzati è stata allertata dalle autorità competenti di un veliero con a bordo migranti ed un gommone sulle coste probabilmente utilizzato dagli scafisti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CALOPEZZATI (CS) – Macchina comunale e della solidarietà al lavoro ieri  a Calopezzati dove sono sbarcate una settantina di persone. L’Amministrazione, insieme al parroco ed alla Caritas parrocchiale si sono subito attivati per prestare soccorsi. Per motivi di sicurezza, il sindaco di Cariati, Filomena Greco, ha dato disponibilità ad accogliere nel proprio comune i migranti per i controlli sanitari.

L’imbarcazione a vela con 76 migranti era stata intercettata ieri a largo di Calopezzati. Subito la Capitaneria di porto di Corigliano-Rossano e una motovedetta della Guardia di finanza l’hanno raggiunta e poi scortata fino al porto di Corigliano Rossano. Sulla spiaggia invece, le forze dell’ordine hanno trovato un gommone, forse usato dai presunti scafisti per raggiungere terra e poi scappare.

Continua a leggere

Di tendenza