"La favola del piccolo Cisse" dilaga nelle scuole e approda a Corigliano Rossano - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

“La favola del piccolo Cisse” dilaga nelle scuole e approda a Corigliano Rossano

Avatar

Pubblicato

il

Dopo Rende, “La favola del piccolo Cisse”, affascina e commuove anche i giovanissimi studenti di Corigliano Rossano che hanno letto il libro in classe.

 

CORIGLIANO ROSSANO – L’appello di Corbelli a presidi e insegnanti: “Fatelo leggere in tutte le classi. E’ l’antidoto perfetto all’odio, al razzismo e alla xenofobia”. La favola del piccolo Cisse dilaga letteralmente nelle scuole, continuando a conquistare e commuovere soprattutto i giovanissimi alunni delle scuole medie, per adesso calabresi, ma questo libro è destinato a diventare un fenomeno nazionale, se non addirittura internazionale.

Dopo Rende, con la commozione e le lacrime agli occhi dei giovanissimi alunni, è stata la Scuola Sec. di Primo Grado dell’I.C. Erodoto di Corigliano Rossano che, nell’ambito dell’iniziativa Libriamoci,ha scelto come lettura proprio La favola del piccolo Cisse.

L’iniziativa è stata promossa, nelle classi 2C e 3A, dalla prof.ssa Vita Minisci che ha scritto oggi a Corbelli per ringraziarlo e per dirgli delle tante emozioni che la lettura del libro, che racconta la incredibile, fiabesca, reale e commovente storia del bambino ivoriano di 5 anni (sbarcato da solo, poco più di un anno fa, da una grande nave tedesca carica di 923 migranti, proprio al porto di Corigliano, alla ricerca del suo papà in Europa, dopo che la sua mamma era stata fermata e imprigionata, dagli scafisti criminali,sulla spiaggia libica di Sabratha, mentre, insieme al suo Cisse, stava per salire su un vecchio barcone diretto in Italia) ha suscitato nei giovanissimi alunni e per invitarlo ad un incontro con questi ragazzini.

Corbelli ha assicurato che presto andrà a trovare questi giovanissimi studenti”, si legge in una nota. Il leader di Diritti Civili lancia oggi “un appello al mondo della scuola, ai dirigenti scolastici e docenti” invitandoli tutti “a richiedere la password e scaricare (gratuitamente) dal sito del Movimento il libro e a farlo leggere e conoscere in tutte le classi di ogni istituto. Questa favola che, ricordo, ha commosso anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il Presidente della Camera, Roberto Fico, che mi hanno scritto per ringraziarmi, è l’antidoto perfetto per contrastare e mi auguro, un giorno, per sconfiggere ogni forma di odio, razzismo e xenofobia e per far conoscere il vero grande valore dell’accoglienza e della solidarietà, afferma Corbelli. Non avevo dubbi che La favola del piccolo Cisse avrebbe conquistato e commosso tutti”.

“Sono consapevole – prosegue Corbelli – che si tratta di un’opera immortale, come le grandi fiabe e i racconti indimenticabili del passato, non certo per merito dell’autore(che è, nel mio caso, assolutamente irrilevante) ma per la storia straordinaria e fiabesca (anche per quell’intreccio e, il giorno dello sbarco del bambino, per quell’incontro al Cimitero internazionale dei Migranti, la grande opera umanitaria che stiamo per realizzare a Tarsia, a poca distanza da Corigliano) che racconta e documenta del piccolo Cisse, ridato ai suoi genitori, miracolosamente rintracciati (il papà in Francia e la mamma nella prigione libica di Sabratha, dov’era stata portata dagli scafisti criminali), grazie ad una straordinaria mobilitazione promossa da Diritti Civili, in collaborazione con altre Istituzioni e con l’Ong, Save The Children, che aveva salvato in mare il bambino. Oggi il bambino (rimasto in Italia un anno; sei mesi, dalla sera dello sbarco al Natale scorso, in Calabria in affido provvisorio presso la famiglia di un bravissimo poliziotto; altri sei mesi in un centro Sprar pugliese insieme al padre),è con il papà in Francia, in attesa che li raggiunga anche la mamma che, dopo essere stata liberata (grazie anche alla mobilitazione creata) è rientrata in Costa D’Avorio. Questa incredibile e toccante storia è non solo una pagina esemplare di accoglienza e solidarietà ma rappresenta anche un inno alla vita e alla speranza”.

Area Urbana

Pd, Commissione garanzia “valuteremo i fatti avvenuti a Cosenza”

Così la Commissione regionale di Garanzia, riunita con i Presidenti della Commissioni Provinciali dopo lo scontro verbale e il successivo video postato sui social

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “La Commissione regionale di Garanzia, riunita con i Presidenti della Commissioni Provinciali, riconferma, in modo assoluto, il suo ruolo di garante della gestione e del monitoraggio delle procedure di tesseramento, della democrazia interna del partito e di selezione, sulla base di quanto previsto dallo Statuto e dal Codice etico, delle richieste di iscrizione. La commissione procederà ad esaminare con estrema attenzione gli avvenimenti accaduti giovedì 25 novembre nel corso dell‘assemblea degli iscritti di Cosenza per valutarne le conseguenze. Ringrazia il Presidente Italo Reale per il comportamento composto che ha reso omaggio al ruolo di noi tutti, esprime disapprovazione per ciò che risulta dal video che ha libera circolazione in tutta la Calabria ed esprime disappunto per le parole espresse contro la Cittadinanza di Sambiase”. E’ quanto si legge in una nota della stessa Commissione dopo lo scontro verbale verificatosi nel corso dell’assemblea degli iscritti di Cosenza e il successivo video postato sui social.

Continua a leggere

Ionio

Frecciargento Sibari-Bolzano nuovamente prenotabile. Superato il «grave disguido»

È quanto dichiara la portavoce del M5s alla Camera dei Deputati, Elisa Scutellà, a seguito dell’interlocuzione avuta con il management di Trenitalia

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO-ROSSANO (CS) – Frecciargento Sibari-Bolzano, dai prossimi giorni sarà nuovamente operativo il booking e quindi sarà possibile prenotare sulla piattaforma di Trenitalia i viaggi da e per la Calabria del nord-est. Superato il grave disguido emerso nei giorni scorsi e prodotto dall’inerzia della Regione Calabria. È quanto dichiara la portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, Elisa Scutellà, a seguito dell’interlocuzione avuta con il management di Trenitalia.

Superato il “disguido” con la Regione Calabria

«L’indolenza della regione Calabria sulla proroga del Frecciargento Sibari-Bolzano – precisa la Scutellà – è superata. Molti cittadini, preoccupati dalle notizie che circolavano circa una possibile mancata conferma del treno, mi hanno scritto per avere delucidazioni in merito, mi sono così subito messa in contatto con i referenti Trenitalia per avere informazioni in merito».

«Alla luce delle interlocuzioni di questi giorni con i referenti della società di trasporto ferroviario – aggiunge – ho avuto modo di constatare una certa “pigrizia” da parte della Regione Calabria sul rinnovo della convenzione del Frecciargento. Ho deciso così di attivarmi affinché tale ritardo fosse superato quanto prima. E così poco fa mi è stato riferito da Trenitalia che è arrivata la nota dalla Regione per richiedere la proroga del servizio e che già dai prossimi giorni sarà possibile acquistare i biglietti del viaggio».

«L’unico treno veloce che collega la Calabria all’Italia»

«L’istituzione del Frecciargento Sibari-Bolzano e poi del treno Crotone-Sibari – precisa ancora la parlamentare pentastellata – è stata una vittoria per tutto il territorio della Sibaritide e la possibilità che un servizio fondamentale per il nostro territorio venisse soppresso non poteva essere presa in considerazione. Parliamo infatti dell‘unico treno veloce che collega la Sibaritide con il resto d’Italia, fondamentale per i tanti pendolari della zona e cittadini calabresi residenti al nord che grazie a questo treno – conclude – hanno potuto semplificare e velocizzare le loro trasferte».

Continua a leggere

Provincia

Acri, il sindaco replica a Loizzo “il centro vaccinale è sempre aperto”

Pino Capalbo smentisce il capogruppo Lega in consiglio regionale che aveva dichiarato che il centro vaccinale sul territorio fosse stato smantellato per un evento

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ACRI (CS) – “Il centro vaccinale è sempre aperto”. Così replica Pino Capalbo sindaco di Acri a Simona Loizzo, capogruppo della Lega in consiglio regionale, dopo le dichiazioni rese note a mezzo stampa in cui affermava che il centro vaccinale sul territorio fosse stato smantellato per un evento.

“Sono dichiarazioni fallaci – replica Capalpo. – Non sappiamo come sia potuto venire in mente alla consigliera Loizzo di fare una dichiarazione del genere, non conoscendo nemmeno bene il territorio. Il centro vaccinale rimane sempre aperto, senza alcun disguido, a Palazzo San Severino Falcone”.

Di seguito le foto con le date e gli orari per effettuare la somministrazione del vaccino anti Covid a Palazzo San Severino Falcone.

Continua a leggere

Di tendenza