Castrovillari, ospedale: ci sarà il collaudo delle sale operatorie - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Castrovillari, ospedale: ci sarà il collaudo delle sale operatorie

Avatar

Pubblicato

il

Il prossimo 30 ottobre si riaprirà il cantiere per definire e collaudare le sale operatorie “fantasma”. Il consigliere regionale Gallo chiede interventi urgenti per tutelarlo e definisce tardive le risposte del presidente della Regione

 

COSENZA – Si è svolto oggi, venerdì 5 ottobre, presso la sede dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, in via degli Alimena, un incontro tra la Società appaltatrice Sapio, il progettista ing. Michele Pisciandaro ed i tecnici dell’Asp, alla presenza del Direttore generale, dottor Raffaele Mauro. A dichiararlo in una nota la direzione strategica dell’Asp. Durante lo stesso  – continua a leggersi nel comunicato -, si è convenuto di riaprire il cantiere entro il 30 ottobre 2018 per l’effettuazione di tutto le operazioni necessarie e propedeutiche per il collaudo e la messa in esercizio delle sale operatorie del Presidio Ospedaliero di Castrovillari.

Nel frattempo il consigliere regionale Gallo definisce tardive le risposte del presidente della Regione e attacca: «Il tavolo tecnico? Solo un modo per sfuggire alle proprie responsabilità»

«I provvedimenti annunciati dal presidente della giunta regionale in favore dell’ospedale di Castrovillari «sono solo la prova dei ritardi accumulati negli anni dalla giunta e del rischio che il presidio ospedaliero possa dover subire la sospensione delle attività – dichiara il consigliere regionale Gianluca Gallo all’indomani della riunione convocata dal Governatore Mario Oliverio per discutere, coi sindaci dell’area del Pollino, della situazione in cui versa ormai da tempo il presidio ospedaliero castrovillarese-.

«La decisione di organizzare un incontro aperto ai sindaci ed a qualche amico di maggioranza e di concluderlo con l’annuncio della costituzione di un tavolo tecnico», dice il capogruppo della Cdl, «è la prova di una sensibilità istituzionale che tanti danni ha fatto in altri settori e che non risparmia neppure la sanità». Osserva Gallo: «In campo sanitario i calabresi hanno pagato un prezzo salato per la guerriglia eterna tra il presidente Oliverio, uomo forte del Pd, ed il commissario alla sanità Scura, nominato dal Governo Pd.

A ciò si sono aggiunte le inadempienze proprie della giunta regionale, incapace nel tempo, attraverso i direttori generali di sua nomina, di provvedere a quanto di competenza». E che le cose stiano così, prosegue Gallo, «lo provano le risposte fornite da Oliverio durante la riunione: si discute ancora di confronto con la ditta che dovrebbe realizzare lavori necessari al funzionamento della struttura e, quanto al personale, si rimanda alle decisioni dell’Asp, che solo a fine settembre ha promosso una procedura di mobilità per l’assunzione di nuovi dirigenti medici».

Un quadro di fatto allarmante, sottolinea l’esponente della Cdl: «Dal territorio, attraverso i sindaci, le forze politiche, i sindacati e le associazioni, giungono da anni allarmi sin qui sempre volutamente ignorati da Oliverio e di cui solo oggi ci si avvede, peraltro offrendo soluzioni minimaliste. Probabilmente pure per questo il presidente e la sua maggioranza hanno scelto di ignorare l’interpellanza a mia firma con cui già a Luglio, rilanciando gli appelli giunti dall’area del Pollino, descrivevo nei dettagli lo stato della situazione».

Un grido d’aiuto rimasto inascoltato, «ma neppure adesso ancora ben compreso nella sua reale drammaticità», sostiene Gallo: «Limitarsi a dire che basterà aspettare le procedure di mobilità avviate peraltro con gravissimo ritardo dall’azienda sanitaria vuol dire due cose: in primis, assolvere l’Asp da ogni responsabilità, così da non farne ricadere sulla giunta regionale, e poi soprattutto fingere che così facendo tutto possa tornare alla normalità». Nello specifico: «Ammesso che si proceda all’assunzione dei medici occorrenti, almeno in numero sufficiente a garantire l’operatività delle tante unità oggi decimate da pensionamenti e trasferimenti, come ad esempio Anestesia e Rianimazione, Chirurgia e Ortopedia, con quali modalità e tempi si vuole provvedere al rinfoltimento degli organici del personale infermieristico, ugualmente sottodimensionato, e di quello amministrativo, senza il quale altre attività ugualmente importanti si paralizzeranno?

Per quali strade si intende garantire il ripristino della piena operatività di Oculistica, oggi degradata a struttura semplice neppure dipartimentale? Quali iniziative si assumeranno per salvaguardare il Servizio trasfusionale, declassato a struttura semplice? Per mezzo di quali investimenti si pensa di poter potenziare il Pronto Soccorso?». Conclude Gallo: «Queste ed altre domande, già da tempo poste al presidente Oliverio, sono da mesi in attesa di risposte e soprattutto di interventi concreti. Continueremo ad insistere per evitare che dopo 4 anni di malgoverno targato Oliverio adesso la lunga campagna elettorale già lanciata dal presidente si porti via, tra confusione e false promesse, anche le residue speranze di dignitosa sopravvivenza dell’ospedale di Castrovillari».

LEGGI ANCHE

Castrovillari, sanità: Guccione «Blocco operatorio “non collaudabile”»

 

Provincia

Inaugurata Ciclovia Campotenese-Morano Calabro, Pappaterra:”prolungarla verso Mormanno”

“Un sentito ringraziamento alla Regione Calabria ed al Comune di Morano Calabro per aver creduto e condiviso questo sogno”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MORANO CALABRO “Stamattina ho avuto l’onore di inaugurare alla presenza di tantissime persone la nuova “Ciclovia Campotenese – Morano Calabro” realizzata grazie ai fondi messi a disposizione dalla Regione Calabria sullo storico tracciato dell’ex Ferrovia Calabro Lucana”. Afferma il presidente del Parco del Pollino, Domenico Pappaterra.

“Abbiamo scelto questa data del 24 maggio perché oggi è la Giornata Europea dei Parchi. Una grande ciclabile – prosegue – all’insegna del turismo slow ed ecocompatibile, uno sport in forte espansione che costituisce un nuovo approccio alla fruizione dei territori e alle modalità di movimento delle persone. Non è stato un caso che oggi a Campotenese ci fossero cicloturisti provenienti dall’Italia e da diversi Paesi europei grazie al progetto BestMed. Un sentito ringraziamento alla Regione Calabria ed al Comune di Morano Calabro per aver creduto e condiviso questo sogno, che non si esaurisce qui perché siamo già al lavoro per realizzare il prolungamento verso Mormanno – conclude il presidente dell’ente parco – grazie ad un ulteriore finanziamento della Regione, per poi proseguire fino a Laino Borgo al confine lucano e scendendo verso il Mar Ionio l’obiettivo è di prolungare la Ciclovia da Castrovillari fino a Civita passando da Frascineto”.

Continua a leggere

Provincia

Cosenza, minore danneggia monopattino. Proprietario taglieggia la madre: arrestato

Il 24enne aveva tentato di estorcere, mediante minaccia di morte, prima 400 euro e poi 700 quale pagamento non dovuto per il monopattino elettrico

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CELICO (CS) – I carabinieri di Cosenza hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, nella giornata di ieri 23 maggio, un 24enne originario del capoluogo bruzio per tentata estorsione.

I militari di Celico, nel Cosentino, hanno tratto in arresto il 24enne mentre si trovava davanti alla porta della vittima, chiedendo insistentemente di aprire. L’attività scaturisce dalla denuncia presentata la settimana scorsa da parte di una donna, alla quale il 24enne aveva tentato di estorcere, mediante minaccia di morte, prima l’importo di 400 euro e successivamente di 700 euro quale pagamento non dovuto per un danno al suo monopattino elettrico, di irrisorio valore economico, causato dal figlio minore della persona offesa.

In seguito all’intervento tempestivo, i militari operanti procedevano immediatamente a trarre in arresto il 24enne che, al termine delle formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Cosenza, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria procedente, in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a leggere

Provincia

Arrestato nel cosentino “pirata della strada”: investì pedone e fuggì

Investì una persona anziana che nell’occasione riportò lesioni gravi. Al giovane vengono contestati i reati di lesioni personali e guida in stato di ebbrezza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MIRTO CROSIA – Un giovane, del quale non sono state rese note le generalità, è stato arrestato dai carabinieri e posto ai domiciliari con l’accusa di essere il “pirata della strada” che il 26 maggio del 2021, a Mirto Crosia, lungo la statale 531, investì un pedone, una persona anziana, che nell’occasione riportò lesioni gravi.

L’arresto è stato fatto dai militari del Reparto territoriale di Corigliano Rossano in esecuzione di un’ordinanza del Tribunale del riesame di Catanzaro che ha accolto il ricorso presentato dalla Procura della Repubblica di Castrovillari contro la decisione del Gip di non accogliere la richiesta di emissione della misura cautelare a carico del giovane responsabile dell’incidente. All’arrestato vengono contestati i reati di lesioni personali e guida in stato di ebbrezza.

Continua a leggere

Di tendenza