Spoke Corigliano Rossano, Antoniotti: "Oliverio, Scura, Mauro... ciucci e presuntuosi" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Ionio

Spoke Corigliano Rossano, Antoniotti: “Oliverio, Scura, Mauro… ciucci e presuntuosi”

Avatar

Pubblicato

il

Duro l’affondo dell’ex sindaco di Rossano ed esponente del movimento civico “Corigliano-Rossano Prima di Tutto” Antoniotti: “lo Spoke è stato ridotto a brandelli. Dca 64 senza capo né coda”

 

CORIGLIANO-ROSSANO (CS) – “Per uscire dal grave momento di empasse e spoliazione in corso dell’ospedale Spoke di Corigliano-Rossano, ridotto a brandelli, e ritornare a chiedere, questa volta con forza ed in modo deciso, la fine del commissariamento della Sanità calabrese è necessario attuare subito le prescrizioni previste dal Decreto commissariale 64/2016. Oltre dieci anni di gestione extra partes di questo settore hanno solo provocato danni ulteriori alle casse pubbliche e una disorganizzazione inumana che ha messo in ginocchio il diritto alla salute. Non ci sono più ragioni o giustificazioni che tengano rispetto alle condizione limite a in cui è stata trascinata la popolazione della Sibaritide e dell’Alto Jonio calabrese. La misura è colma, ora basta“. È quanto dichiara Giuseppe Antoniotti, massimo esponente del movimento civico “Corigliano-Rossano Prima di Tutto” e già sindaco di Rossano, intervenendo nella polemica in atto riguardo alla riorganizzazione delle unità operative dello Spoke di Corigliano-Rossano.

“Quanto denunciato nei giorni scorsi dal presidente del movimento Il Coraggio di Cambiare l’Italia, Giuseppe Graziano – dice Antoniotti – e quindi la mancanza di ben 54 posti letto nel nostro ospedale Spoke è uno spettro che si materializza e che ci dà conferma che le preoccupazioni che palesai da allora Sindaco di Rossano al commissario Scura erano fondate. La riorganizzazione dei due ospedali suddivisi in area medica e area chirurgica era e rimane una buona intuizione se attuata, però, con discernimento e coraggio. Così non è stato ed il sospetto che il commissario sia stato tirato, ancora una volta, dalla giacca è quanto mai palese. Mentre nel nostro territorio il servizio sanitario ha raggiunto la fase più critica della storia”

Antoniotti: “ciucci e presuntuosi”

“Stanno portando avanti – aggiunge l’ex Sindaco di Rossano – un piano senza capo né coda dove gli stessi manager non sanno nemmeno leggere quello che c’è scritto nelle carte. Nonostante ci sia da mesi al protocollo dell’Asp di Cosenza una sottoscrizioni di oltre 100 medici che “suggeriscono” ed indicano al Governatore Oliverio, al Commissario Scura e al direttore generale Mauro la strada da intraprendere per riorganizzare al meglio, in una situazione altamente critica, i due ospedali. Stanno facendo tutti orecchie da mercanti probabilmente perché a loro interessa di più l’interesse dei singoli rispetto a quello della collettività”

“Il piano di riordino prevede l’area Medica presso l’ospedale Compagna e l’area Chirurgica presso l’ospedale Giannettasio. Quali sono – si chiede Antoniotti – i motivi ostativi che ormai da più di due anni non permettono di attuare questa direttiva? Lo vorremmo proprio sapere, perché Oliverio cincischia e si nasconde dietro alle malefatte di un Commissario che ha dimostrato palesi lacune nella gestione del comparto sanitario, ma le scelte e le decisioni, alla fine, vengono sempre e comunque assunte dalla politica. Quindi, così come è stato completato, giustamente, il trasferimento dell’area medica a Corigliano, per un maggiore comfort degli utenti, è necessario ora che il polo chirurgico venga trasferito nell’immediato al Giannettasio. Solo così avrebbe un senso il Dca 64/2016, che comunque continua a fare acqua da tutte le parti. Altrimenti che si lasci in funzione un solo ospedale con sede a Corigliano o con sede a Rossano ma che abbia tutti i requisiti per poter fare lavorare i medici con serenità e salvaguardare le vite umane“.

“Purtroppo – conclude Antoniotti – la sanità calabrese è lo specchio del fallimento dei partiti, di destra e di sinistra. Così come è il fallimento di ben noti rappresentanti politici del nostro territorio che in tempi passati hanno scaldato la sedia in regione e non hanno saputo difendere, quando si poteva difendere e prima dell’avvento dell’apocalisse Scura, i diritti di noi cittadini. Ecco perché è opportuno avere una classe politica coesa, che riparta dalle vere istanze della gente e che, in questo territorio, faccia più che mai leva sulla forza dei numeri che ci ha restituito il processo di fusione di Corigliano-Rossano. Affinché quella che per anni è stata una guerra di campanile, tra poveri, oggi diventi una lotta contro quel sistema partitocratico e di potere che ci vuole isolare nella nostra terra lasciandoci senza servizi”.

Ionio

Balneazione a Corigliano-Rossano, 4 punti non conformi

Arpacal ha comunicato l’esito dei controlli alle acque di balneazione svolti il 15.06.2021

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Il Servizio tematico Acque del dipartimento provinciale Arpacal di Cosenza ha comunicato questa mattina al sindaco del Comune di Corigliano Rossano, e contestualmente alla Regione Calabria ed al Ministero della Salute, l’esito dei controlli alle acque di balneazione svolti il 15.06.2021.

Quattro in punti in cui le analisi hanno dato un esito di non conformità: Punto denominato “100 mt dx Torrente Coserie”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 800 UFC/100 ml. (valore limite 200). Punto denominato “Camping Pitagora”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 750 UFC/100 ml. (valore limite 200). Punto denominato “Fosso Nubrico”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 770 UFC/100 ml. (valore limite 200). Punto denominato “100 mt dx Fiume Trionto”, valore non conforme: Enterococchi Intestinali: 780 UFC/100 ml. (valore limite 200).

Come prevede la normativa, ora spetta al Comune, come d’altronde richiesto dall’Arpacal, comunicare all’Agenzia le misure di gestione intraprese, come l’individuazione delle cause di inquinamento, i programmi d’intervento, la rimozione delle cause, nonché le relative ordinanze sindacali di divieto alla balneazione per i tratti indicati. Si precisa – è riportato nella nota di Arpacal – che la denominazione dei punti della campagna di balneazione, a volte individuati con nome di località o stabilimenti balneari/alberghieri, non è frutto di una scelta discrezionale Arpacal, ma la codificazione dei punti per come stabiliti da Regione e Ministero della Salute

Continua a leggere

Ionio

Corigliano-Rossano, al via la pulizia delle spiagge. Interessati 28 chilometri di litorale

Le attività di pulizia, partite ieri, renderanno le spiagge del litorale fruibili e pronti ad accogliere cittadini e turisti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO-ROSSANO (CS) – Al via il servizio di pulizia spiaggia sul litorale di Corigliano-Rossano. Da ieri sono in azione gli uomini e i mezzi di Ecoross, azienda risultata aggiudicataria del servizio all’esito della apposita procedura aperta. Un’attività attesa e di fondamentale importanza per la città di Corigliano-Rossano, che restituirà decoro alla spiaggia rendendola fruibile e pronta ad accogliere cittadini, turisti e vacanzieri. Il servizio prevede la pulizia, sia meccanizzata sia manuale, lungo tutto il tratto che va da contrada Foggia a contrada Pantano Martucci per un totale di circa 28 chilometri di costa. Si tratta di un intervento impegnativo e massiccio, che sarà portato avanti in contemporanea su tutto il litorale cittadino.

Nella giornata di ieri è partita la pulizia meccanizzata che, eseguita mediante l’utilizzo di specifiche attrezzature e macchinari, proseguirà nei prossimi giorni. Dal 21 giugno, invece, prenderà il via anche l’attività di pulizia manuale che sarà effettuata con l’ausilio di 18 operatori appositamente formati e muniti di idonee attrezzature.

Pulizia e decoro, ma anche arredo urbano nel servizio a cura di Ecoross, che procederà alla installazione lungo la spiaggia di varie attrezzature a servizio dei cittadini. Nell’ottica di agevolare un corretto conferimento dei rifiuti, saranno posizionati appositi cestini per la raccolta differenziata e contenitori per le deiezioni canine. Inoltre, al fine di favorire una piena fruibilità dei luoghi anche ai diversamente abili, l’azienda installerà passerelle e camminamenti per l’accesso alla spiaggia. Non solo. Massima attenzione sarà riservata alla tutela dell’ambiente con il posizionamento di tabelle informative contenenti messaggi tesi a sensibilizzare cittadini e turisti alla salvaguardia e al rispetto dei luoghi. Infine, saranno messe a dimora delle piante ornamentali per incrementare il decoro urbano ed esaltare la bellezza del litorale.

Continua a leggere

Ionio

Palazzi storici a Cassano, 2 milioni di euro per il completamento degli interventi

Per il completamente delle opere si attende ora il via libera del Ministero delle Infrastrutture: l’Aterp soggetto attuatore

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO ALLO IONIO (CS) – Poco meno di due milioni di euro per consentire il completamento dei lavori necessari alla fruizione di tre palazzi gentilizi cassanesi. È la somma che la giunta regionale ha stanziato per far ripartire la macchina dell’utilizzazione ed utilizzo dei tre storici manufatti un tempo di proprietà, rispettivamente, delle famiglie Oriolo, Pontieri-Gallo e Toscano. Gli immobili in questione erano già stati oggetto di interventi di radicali interventi di manutenzione straordinaria, a seguito di intese siglate col Comune di Cassano tra il 2006 ed il 2008.

I lavori, tuttavia, sebbene giunti ad uno stadio avanzato, non giunsero mai a compimento né comunque ad essi fece seguito alcuna procedura di affidamento, così aprendo le porte ad una nuova stagione di degrado e abbandono, aggravata dalle ripetute incursioni vandaliche. Adesso la svolta. «Da consigliere regionale di opposizione, raccogliendo l’appello lanciato dall’associazione “I care” – ricorda l’assessore regionale all’agricoltura e al welfare, Gianluca Gallo – attraverso un’interrogazione alla giunta regionale del tempo riportai all’attenzione dell’opinione pubblica la sorte dei tre palazzi gentilizi, esortando la Regione e l’Aterp ad adoperarsi per una loro effettiva valorizzazione. In questi mesi, in collaborazione con l’amministrazione comunale cassanese e nel costante confronto con il commissario regionale dell’Aterp, Paolo Petrolo, ed il dirigente del settore Lavori Pubblici della Regione, Francesco Tarsia, abbiamo lavorato in tal senso ed ora la giunta regionale ha fatto la sua parte, consentendo di individuare le giuste risposte. Ringrazio la collega assessore alle infrastrutture Domenica Catalfamo ed il presidente Nino Spirlì per aver preso a cuore la questione ed individuato le soluzioni opportune».

Nello specifico, attraverso la delibera licenziata dall’esecutivo regionale, attraverso una rimodulazione di risorse disponibili, si sottopone al Ministero delle infrastrutture un elenco di opere da realizzare, tra le quali quelle relative ai palazzi Oriolo, Pontieri-Gallo e Toscano, destinatarie di investimenti per un ammontare complessivo superiore all’importo di 1.900.000 euro. Una volta ottenuto il placet del ministero, avverrà il materiale trasferimento delle somme in favore dell’Aterp che a sua volta, in veste di soggetto attuatore, provvederà ad avviare le procedure per l’affidamento dei lavori necessari.

Continua a leggere

Di tendenza