Le multinazionali minacciano la Calabria, protesta contro le trivellazioni nello Jonio - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Le multinazionali minacciano la Calabria, protesta contro le trivellazioni nello Jonio

Avatar

Pubblicato

il

ROSSANO (CS) – Il business del petrolio verrebbe posto al di sopra della tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.

Il Consiglio comunale di Rossano, all’unanimità, ha già approvato una delibera per impegnare il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, affinché avvii tutte le necessarie azioni per impugnare l’attuazione del decreto “Sblocca Italia”, varato dal Governo Renzi, che dà il via libera alle concessioni per le trivellazioni dei fondali marini nel Golfo di Taranto per la ricerca di idrocarburi. Si tratta dell’ennesimo atto istituzionale che vede impegnato l’Esecutivo Antoniotti contro questo pericoloso progetto industriale.

 

A questo si aggiunge la reazione di tutti i cittadini per far sentire forte il grido di rabbia contro l’ennesima azione di sottomissione che lo Stato vorrebbe perpetrare ai danni della Sibaritide e della Calabria ionica. Le comunità lucane e pugliesi, egualmente interessate al problema, sono scese in piazza determinate e numerose. Anche la Calabria deve muoversi in difesa del proprio territorio. Partendo da queste premesse l’Amministrazione comunale di Rossano invita tutti i cittadini, le istituzioni, le scuole e le associazioni del territorio a partecipare alla pubblica manifestazione che si terrà domani, sabato 20 Dicembre. Il corteo, promosso dall’Officina Jonio Italia con il patrocinio del Comune di Rossano, avrà inizio con il raduno alle 9.00 presso il piazzale antistante lo stadio “Stefano Rizzo” per poi proseguire verso Corigliano, lungo la Statale 106. Contro le trivellazioni nel Golfo di Taranto, un quadro potenzialmente catastrofico per il prossimo futuro, sia sul piano economico che ambientale.

 

L’attuazione dei progetti sostenuti dal Governo Renzi, attraverso il decreto “Sblocca Italia” distruggerebbe letteralmente il territorio. Ecco perché, considerata anche la ristrettezza dei tempi di intervento (entro il 10 gennaio si darà via libera alle concessioni), bisogna agire subito e collettivamente. Le diverse azioni istituzionali e amministrative, intraprese nel corso degli ultimi mesi dall’Amministrazione Antoniotti insieme agli altri comuni del territorio, finora hanno sortito ben pochi risultati contro un Governo centrale sordo e insensibile ad ogni sollecitazione e preoccupazione di questo comprensorio. Serve protestare. Per i prossimi giorni, invece, si sta vagliando la possibilità di attuare, coinvolgendo tutti i sindaci e le istituzioni calabresi, una contestazione istituzionale nelle sedi romane del Ministero dello Sviluppo economico.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza