Riecco il Festival delle Migrazioni. “Restiamo umani”

Giunto alla  sua sesta edizione, la manifestazione artistica allestirà concerti, dibattiti con personaggi della scena politica e culturale, momenti d’inte(g)razione tra popoli per piccoli e per grandi. A giorni il programma completo

 

ACQUAFORMOSA (CS) –  Ritorna a spron battuto il ‘Festival delle Migrazioni’ che si terrà quest’anno dal  23 al 27 agosto e di cui a giorni svelerà retroscena e contenuti. Sentiamo Giovanni Manoccio, Vicesindaco e Assessore all’accoglienza del borgo arbereshe: “Anche quest’anno  il nostro paese, tramite il Festival, vuole mandare un messaggio di pace al mondo. Nell’ultimo anno il fenomeno delle migrazioni ha assunto proporzioni sempre maggiori e, purtroppo, sono aumentati gli episodi di intolleranza verso chi, scappando dalla guerra e dalla disperazione, cerca una speranza, un futuro migliore” e ribadisce con fermezza: “Al bando ogni parola xenofoba in stile sempre più tamarro di Salvini e dei suoi sostenitori, al bando la minaccia di muri e carri armati. Noi ad Acquaformosa costruiamo ponti”. Un festival che anno dopo anno ha posto pietra su pietra  e che ha permesso al piccolo comune del Pollino di diventare oggetto di studio alla 34esima edizione del Festival des migrations, des cultures et de la citoyenneté –  che si tiene ogni anno in Lussemburgo –  durante la seconda giornata di questa importante kermesse europea. Un traguardo non raggiunto per volere del Fato, ma costruito e coscientemente sostenuto dal paese e dal riscatto socio economico che grazie agli Sprar, alle intuizioni di amministratori solidali ha letteralmente resuscitato Acquaformosa.

La crescita dell’economia sociale del ‘paese deleghistizzato’ Acquaformosa

 

A qualcuno consigliamo un piccolo sforzo di memoria se non dovesse ricordarsi dov’è e cosa fa Acquaformosa per i migranti. Nel 2015 è balzato all’onore delle cronache per essersi convertito  nel primo paese deleghistizzato con tanto di cartello stradale all’inizio della strada che porta al paese. In quella circostanza era stato proprio il ‘Festival delle Migrazioni’ ad essere finito nel mirino di Salvini e degli anatemi contro gli immigrati. Durante il Festival furono fatte girare magliette con la scritta “Salvini è un tamarro” con il leader del carroccio che, trasalito, aveva addirittura minacciato querela. “Come si fa a querelare una persona perché manda un messaggio. Dovrebbero farlo anche tutte le persone che non condividono le sue idee e dove lui si presenta con il nome della loro città” apostrofò all’epoca proprio Manoccio che oggi , oltre a ricoprire la carica istituzionale comunale, è stato nominato Delegato alla Presidenza per l’immigrazione della Regione Calabria. La deleghistizazzione del paese è a tuttoggi un brand che si ritrova tra le righe di tutte le edizioni del Festival con la facciona di Salvini dietro lo sbarre di un segnale di divieto, come a dire no pasaran.

festival migraz acquaformosaMa attenzione, non solo un marchio ma una presa di posizione netta e decisa perché il tema dei migranti non deve più essere un monito o un mostro, ma nun’occasione di rilancio visti i vantaggi dell’economia sociale che genera oltreché un diktat etico e morale.Acquaformosa non è solo questo ma è molto di più. Il paese lavora in silenzio, alacremente, fa la sua guerra quotidiana contro lo spopolamento, la fuga dei giovani e la mancanza di lavoro. Alcuni giorni fa si è mosso ‘Il Fatto Quotidiano’ poiché  le iniziative dell’amministrazione lungimirante  del comune arbereshe votate all’altro stanno davvero facendo scuola in fatto non solo di accoglienza ma soprattutto d’integrazione fattiva con gli immigrati e le minoranze etnolinguistiche in generale (per mostrare lo stato di fibrillazione di eventi socioculturali, per esempio, basta dire che a maggio si è tenuta la ‘XXIV Rassegna Culturale Folcloristica per la valorizzazione delle minoranze etniche’) . Una piccola realtà misconosciuta e abbandonata, in cui un quarto della popolazione non è autoctona e che grazie allo Sprar ha rimesso in moto un certo modo di fare economia sociale creando unicità nel panorama dell’integrazione multietnica come il Centro per Minori ‘Roberta Lanzino’.

“Resilienza? Sì, per Acquaformosa, per tutti i paesini dell’entroterra calabrese e per tutti i cittadini del mondo” scrive Manoccio nella pagina social del Festival ed è diventato il grido di battaglia per plasmare un futuro ricco di opportunità e crescita per tutto il comprensorio. Grazie agli immigrati Acquaformosa è passata dal 380° al 210° posto nelle classifiche del Censis sulla ricchezza prodotta, un dato su cui riflettere senza pregiudizi xenofobi di rito.

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Tragico incidente sulla Statale 106 Jonica, muore un giovane di 28 anni

CROPANI (CZ) - Ennesimo incidente stradale sulla Strada Statale 106 jonica. Secondo quanto emerso, nell'impatto che ha visto coinvolti un'auto e una motocicletta, un...

A Montalto Uffugo bassa l’affluenza alle 12 al ballottaggio: 12,3% degli aventi diritto

MONTALTO UFFUGO (CS) - Si sono regolarmente aperte stamattina le operazioni di voto nei tre comuni della Calabria interessati al turno di ballottaggio per...

“Valli dell’innovazione”: l’Unione europea premia 16 regioni, anche la Calabria

BRUXELLES - Piemonte, Liguria, Lombardia, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria, provincia autonoma di Bolzano e di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche e...

Si Cobas Calabria esulta per le assunzioni a tempo indeterminato della figura di Oss

CATANZARO - Il Si Cobas Calabria rappresentato dai coordinatori regionali Roberto Laudini e Simone Scandale esprime soddisfazione per le assunzioni a tempo indeterminato della...

Cosenza: nasce il centro studi su “Salute, Società e Territorio” dell’Unical, coinvolti 9 dipartimenti

COSENZA - La presentazione si terrà martedì 25 giugno alle 17, presso la Casa delle Culture di Cosenza. Il Centro Studi su Salute, Società...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, per la strage di Via Popilia in appello confermati due...

La Corte d’Assise d’Appello ha parzialmente riformato la sentenza della Corte di Assise ai presunti autori del duplice omicidio Tucci-Chiodo

Cosenza, all’Annunziata l’obesità “si cura” con i robot

Il commissario Filippelli: "Da PNRR forte aggiornamento tecnologico per l'Azienda sanitaria"

Baby rapinatori, minorenne affidato a comunità

Assicurato alla giustizia l'ultimo componente del gruppo di minorenni, accusati di rapina, violenza e lesioni

Deteneva 15 cani in pessime condizioni, denunciata

Cani tenuti in pessime condizioni e alcuni anche malati. I carabinieri hanno denunciato una donna e sequestrato gli animali

“Povero Parco Robinson, come sei ridotto. Le ultime paperelle agonizzanti in...

La Federazione Riformista di Rende all'attacco sulla situazione di degrado in cui versa soprattutto il laghetto del Parco Robinson

Città unica Cosenza-Rende-Montalto: Strazzulli (FdI) “va realizzata al più presto”

"I passaggi importanti sono: un referendum consultivo, delibere dei consigli comunali e una legge che prepari a questa procedura"