Alternanza scuola-lavoro: gli studenti nel cosentino imparano lavorando - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Alternanza scuola-lavoro: gli studenti nel cosentino imparano lavorando

Avatar

Pubblicato

il

Due belle storie provengono dal Liceo Classico di Cetraro e dall’ex Geometra di Diamante: un sistema d’apprendimento e formazione che punta sulla cultura e sulle nuove tecnologie

CETRARO (CS) – Saranno impegnati nel lavaggio e nello studio dei materiali ceramici custoditi nel laboratorio di restauro archeologico del Museo dei Brettii e del mare di Cetraro i sette studenti del Liceo Classico, sito nella stessa cittadina tirrenica, che fanno parte del progetto di alternanza scuola-lavoro partito nei giorni scorsi e realizzato anche grazie alla disponibilità del Dirigente Graziano Di Pasqua e della Prof.ssa Annamaria Aieta.

Museo-CetraroPer un periodo di ben sette settimane si occuperanno delle attività citate, autorizzate dalla Soprintendenza, e della catalogazione dei libri e conservazione dei testi antichi della biblioteca civica. Il tutto, sotto l’ala dell’archeologa di Santa Maria del Cedro, dottoressa Giulia Calonico, e sotto la direzione del dottor Luigi Orsino, che da tempo si occupa – come socio della cooperativa CASTER – della gestione del Museo.

Sempre l’alternanza scuola-lavoro è la protagonista di un’altra iniziativa che, questa volta, arriva da Diamante. L’IISS – ITG, infatti – istituto guidato dalla Dirigente scolastica professoressa Concetta Smeriglio -, si è dotato di nuovi strumenti e metodologie tecnologiche e i ragazzi di terza e quarta che hanno scelto l’Indirizzo C.A.T. (ex Geometra, ndr), il 15 marzo di quest’anno hanno avuto l’occasione di partecipare alle operazioni di rilievo topografico con Drone (S.A.P.R) dell’area relativa al tratto di lungomare antistante il centro storico della cittadina. Un’attività che fa parte del progetto “topo – drone” che permette ai futuri tecnici del Tirreno cosentino di formarsi e di approfondire il rilievo topografico mediante l’uso di nuove tecnologie.

I lavori sono stati organizzati e diretti dal Dr Geologo M. Micieli e dal Dr Geologo M. Taranto, esperti del settore e coadiuvati dai tutor interni prof. Tripicchio e prof. Di Gioia.

Provincia

Confiscati beni per 500mila euro ad un imprenditore cosentino

I beni erano stati già sottoposti a sequestro nel 2019 e ora sono stati confiscati. L’uomo, 45 anni di Amantea, si trova agli arresti domiciliari per vari reati

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Beni per un valore che supera i 500mila euro sono stati sequestrati e confiscati ad un imprenditore di Amantea, di 45 anni, G.S., agli arresti domiciliari per estorsione aggravata, partecipazione ad associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e concorso nel tentativo di importazione di sostanza stupefacente. La Dia ha eseguito un decreto di confisca emesso dal Tribunale di Catanzaro – Sezione Misure di Prevenzione – relativo ad una serie di cespiti riconducibili all’imprenditore.

Il Tribunale, condividendo le argomentazioni e gli esiti degli accertamenti patrimoniali, ha ritenuto il 45enne di Amantea socialmente pericoloso in considerazione del “duraturo e costante contributo offerto dal proposto alla compagine associativa, valutato unitamente alla resistenza del gruppo criminale nel lungo periodo nonché al mancato riscontro, nell’intervallo temporale sinora intercorso, da parte del proposto di comportamenti denotanti l’abbandono delle logiche criminali in precedenza condivise, a parere del Collegio conforta adeguatamente l’affermazione di persistente attualità del vincolo”.

Per l’uomo è stata imposta la misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata massima pari ad anni cinque. Dalla ricostruzione contabile è emersa una rilevante sproporzione tra beni individuati e redditi dichiarati e per questo è stata disposta la confisca del patrimonio del 45enne sequestrato nel 2019.

Continua a leggere

Provincia

Piccolo Festival della Microfinanza, per un’economia più giusta e inclusiva

Previsto dal 22 al 24 ottobre a Fiumefreddo Bruzio, il Piccolo Festival della Microfinanza è l’occasione per una riflessione sull’impatto della microfinanza nel dopo Covid e nei territori

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Con la testa e con il cuore”. Così nasce il Piccolo Festival della Microfinanza, con la consapevolezza che adesso è il momento di progettare un’economia più giusta e inclusiva e qui, nell’Italia del dopo Covid, è il luogo per farlo, in un borgo della Calabria dove la microfinanza può produrre un pieno impatto in termini di progresso materiale e immateriale”. Con queste parole Katia Stancato, ideatrice e portavoce del Piccolo Festival della Microfinanza, lancia l’iniziativa promossa dall’Istituto di Studi e Ricerche Sociali Ermanno Gorrieri che si svolgerà da domani, venerdì 22, a domenica 24 ottobre a Fiumefreddo Bruzio, nella sala consiliare, e che si potrà seguire in diretta streaming sui canali digitali.

Realizzata nell’ambito dell’European Microfinance Day con il supporto di main partner autorevoli come l’Ente Nazionale per la Microfinanza – ENM, la Fondazione Carical e la BCC Mediocrati, e selezionata tra gli eventi di qualità del Mese dell’Educazione Finanziaria del Comitato Edufin, la manifestazione è alla sua prima edizione, ma già chiama a raccolta tante e diverse voci autorevoli in materia tra cui Mario Baccini, presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito e Fabrizio Barca, coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità. Ci saranno, inoltre, Piercamillo Falasca dello staff del Ministro per il Sud e la Coesione, il professor Domenico Cersosimo dell’Università della Calabria e la professoressa Annarita Trotta dell’Università Magna Grecia di Catanzaro oltre a Bruno Cassola di ICCREA Banca, Benigno Imbriano di Permicro, Andrea Pastore della Fondazione di Comunità Salernitana e Giorgia Falco della MAG delle Calabrie.

Tre le giornate, ciascuna con un focus e un orientamento principale a partire dalla divulgazione tematica con una scuola rivolta proprio a chi, grazie al microcredito, può sperare di cambiare la vita economica propria e delle comunità in cui opera. “Il capitale umano deve essere valorizzato attraverso l’opportunità e il lavoro – ha dichiarato a tal proposito il Presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, Mario Baccini, illustrando le ragioni del sostegno – la Microfinanza attraverso i suoi strumenti crea le condizioni per raggiungere obiettivi, per sostenere l’individuo e allo stesso tempo per generare economia per il territorio. Il Piccolo Festival della Microfinanza promuove tutte le attività in linea con la nostra mission istituzionale e amplifica il messaggio di quella finanza etica che è fondamentale per la nostra economia”. Due, invece, gli interventi chiave della prima sessione del 23 ottobre coordinata da Emma Evangelista, capo Ufficio Stampa ENM.

Ad approfondire l’impatto della Microfinanza e ad immaginare come l’economia può cambiare per un pieno coinvolgimento di persone e comunità saranno oltre a Baccini, lo stesso Barca che sulla partecipazione al Piccolo Festival ha dichiarato: “invertire lo spopolamento aprendo i luoghi della nostra Italia rugosa ai flussi dell’innovazione. Si può fare, oggi più di ieri. Se la distribuzione ineguale della ricchezza non si erge a ostacolo. Vengo a Fiumefreddo Bruzio per condividere le vostre idee su come superare questo ostacolo. Perché chi ha idee possa realizzarle”. Corale, invece, il talk di approfondimento, progettato per esplorare il tema della ripartenza del Paese dopo la crisi pandemica, nel contesto del PNRR e dal punto di vista dei piccoli, cui il Festival è dedicato. A confrontarsi nel dibattito saranno punti di vista diversi grazie all’intervento di esponenti delle istituzioni, del mondo bancario e dei protagonisti dell’economia sociale in Italia. Per partecipare in presenza è necessario prenotarsi scrivendo a [email protected] Si prega di indicare gli eventi cui si desidera accedere. L’accesso è consentito ad un massimo di 50 persone in sala munite di green pass.

Continua a leggere

Provincia

Tragico incidente a San Sosti, muore 15enne

Nell’incidente è rimasta coinvolta un’autovettura ed era condotta dallo zio della vittima

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SAN SOSTI (CS) – Un ragazzino di 15 anni, P. B., è deceduto a seguito di un incidente stradale avvenuto in località Fravitta di San Sosti, nel primo pomeriggio di oggi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il ragazzino era bordo di uno scooter quando, per cause in corso di accertamento, ha perso il controllo del mezzo invadendo la corsia di marcia opposta e si è scontrato con un Suzuki Santana. Alla guida dell’autovettura, uno zio del quindicenne. Ad avere la peggio il ragazzino, per il quale le condizioni sono subito sembrate critiche. Sul posto sono giunti gli operatori del 118, ma purtroppo il giovane è spirato durante il tragitto verso l’ospedale dell’Annunziata di Cosenza.

Continua a leggere

Di tendenza