Amantea, Sabatino: "non siamo contro i migranti ma contro un business che non è integrazione" (AUDIO) - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

In Evidenza

Amantea, Sabatino: “non siamo contro i migranti ma contro un business che non è integrazione” (AUDIO)

Avatar

Pubblicato

il

La cittadina di Amantea accoglie i migranti da diversi anni, ma al tempo stesso non può più contenere e gestire, qualora il numero aumentasse, un nuovo flusso di persone da ospitare. Per questo motivo il sindaco Monica Sabatino ha scritto nei giorni scorsi al Prefetto, e sono subito montate le polemiche.

AMANTEA (CS) – Monica Sabatino aveva scritto qualche giorno fa, a Gianfranco Tomao, prefetto di Cosenza, per sottolineare che la città di Amantea e l’ente municipale che lei rappresenta hanno sempre dato massima disponibilità nell’accogliere gli immigrati,  ma la sua richiesta è stata quella di scongiurare l’arrivo di nuove persone sottolineando che questa attività, non è altro che un business per chi riesce a mettere a disposizione un qualsiasi locale dove ospitare immigrati. Ma la gestione di questi arrivi e l’integrazione sono tutt’altra cosa. Negli ultimi giorni infatti, sono aumentati gli episodi di microcriminalità e il sindaco intende garantire in primo luogo la sicurezza nel suo comune. Additata da molti di essere ‘razzista’, Monica Sabatino non ci sta, e risponde a queste ‘accuse’ sottolineando che la sua protesta non è affatto contro gli immigrati che sono vittime di un sistema malato, ma è contro “il business che ormai ha preso una piega pericolosa per la sua comunità”.

Monica Sabatino, è intervenuta per spiegare le sue ragioni e quelle della comunità che lei rappresenta ai microfoni di Rlb Radioattiva

ASCOLTA L’INTERVISTA

[audio_mp3 url=”http://www.quicosenza.it/news/wp-content/uploads/2016/11/sabatino-sindaco-amantea.mp3″]

“La città di Amantea ha sempre mostrato il volto umano della comprensione e dell’accoglienza e così sarà in futuro, ma non si può assistere inermi ad una continua proliferazione di centri d’accoglienza – ha dichiarato la Sabatino – Per quanto riguarda l’accesso al sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati la stiamo prendendo in considerazione per la prossima finestra temporale, alla luce della circolare ministeriale dell’11 ottobre 2016, che avrebbe inserito la clausola di salvaguardia e che consente, ai comuni che diventano sede SPRAR, di ponderare il numero di presenze, gestendole direttamente. La stessa non permette l’apertura di altri centri e consentirebbe la chiusura graduale di quelli già presenti”.

In Evidenza

Criptovalute: conviene puntare su Ripple? Le previsioni degli esperti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Creata con l’obiettivo di migliorare la tecnologia di Bitcoin, Ripple è oggi la criptovaluta più controversa del momento, soprattutto in merito alla diatriba legale con la SEC, l’Autorità di vigilanza per i mercati finanziari degli Stati Uniti (altro…)

Continua a leggere

Area Urbana

Senza memoria

Omaggio dell’Associazione Nazionale Alpini al monumento dedicato a Dino Paolo Nigro, il giovane Caporalmaggiore degli Alpini che ha perso in Kosovo nel 2001.

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MONTALTO UFFUGO – In questa puntata del Diario vi raccontiamo il saluto dell’Associazione Nazionale Alpini al monumento dedicato a Dino Paolo Nigro,  il giovane Caporalmaggiore degli Alpini che ha perso la vita durante un’esercitazione nei cieli del Kosovo nel 2001. Davanti alla stele in marmo, posta all’interno della villa comunale che porta tra l’altro proprio il nome del militare, il gruppo Ana di Cosenza ha formalmente chiesto all’Amministrazione a guida Caracciolo maggiore cura e attenzione per un posto ad altro valore simbolico:<<Siamo dalla parte della famiglia – ha sottolineato il segretario Sandro Frattalemi – per questo chiediamo la messa in sicurezza del monumento>>.

Solo qualche settimana fa, la lapide commemorativa era stata presa di mira da vandali che avevano agito indisturbati, complice la totale assenza di sistemi di telesorveglianza. La villa comunale del centro storico non è però il solo luogo a necessitare di manutenzione: nel report video vi mostriamo le immagini che documentano lo stato di trascuratezza di quella di Taverna, nella zona valliva, frequentata in larga misura da giovani e soprattutto dove le famiglie portano a giocare i bambini.

Continua a leggere

In Evidenza

Escursioni: ecco le mountain bike più gettonate del momento

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Una delle attività più interessanti che negli ultimi anni ha saputo calamitare l’attenzione delle persone è l’escursione in bici (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza