Autovelox sulla 106, per i Comuni è una 'gallina dalle uova d'oro' - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Autovelox sulla 106, per i Comuni è una ‘gallina dalle uova d’oro’

Avatar

Pubblicato

il

SIBARI – Trappole per gli ignari automobilisti posizionati dai comuni con l’obiettivo di fare cassa, o dissuasori di velocità per ridurre gli incidenti stradali sulla famigerata S.S. 106?

Il dubbio si pone con tutta evidenza se si tiene conto della discutibile dislocazione degli autovelox sul tratto di S.S. 106 che va da Villapiana a Rocca Imperiale. Un tratto di strada certamente pericoloso ma che da gran parte degli automobilisti di passaggio viene considerato un generoso “bancomat” per i comuni. C’è infatti un misuratore di velocità in ognuno dei 5 paesi attraversati dalla 106, tranne che nel comune di Trebisacce dove, guarda caso, gli incidenti nel corso degli anni sono stati più numerosi e più gravi, sia per il numero dei sinistri che per il numero delle vittime. Basti ricordare solo gli ultimi due, che hanno provocato ben 4 vittime ed un gran numero di feriti. Per non parlare di quello più grave capitato circa 20 anni orsono allorquando, complice proprio la velocità di una Alfa 164, perirono 7/8 persone. Tutti questi incidenti, e molti altri ancora, si sono verificati nei due tratti di strada che, superato il tratto di Variante che sale in quota, ritorna in piano mediante due tratti di pericolosa discesa sui quali gli automobilisti, in assenza di dissuasori di velocità, premono a fondo sull’acceleratore facendo diventare quel tratto di strada più pericoloso, per sé e per gli altri. Vero è che il comune di Trebisacce, per vari motivi, al momento non è in condizione di attivare il proprio autovelox ma, a pensarci bene, potrebbe essere proprio quello un espediente per risanare il proprio bilancio. Come del resto fanno gli altri. Per la verità la conta dei morti che si ripropone ogni volta che succede un incidente continua a porre domande angosciose sulle responsabilità dei ritardi circa l’adeguamento e la messa in sicurezza della “strada della morte”. Ma anche la strana dislocazione degli autovelox meriterebbe una riflessione da parte di chi autorizza l’istituzione dei cosiddetti dissuasori di velocità. Passi infatti per paesi come Amendolara e Roseto, che ancora vengono attraversati, in parte o in toto, dalla vecchia S.S. 106: qui, più che altrove, è infatti in gioco la sicurezza dei pedoni e la vivibilità dei centri abitati, ma come si spiegano gli autovelox su tratti di strada già adeguata, su cui non è mai capitato un incidente? E come si può spiegare diversamente l’occhio di falco fisso installato da qualche mese su entrambe le carreggiate della comoda e moderna “4 corsie” di Rocca Imperiale, su cui a memoria d’uomo non si ricorda un incidente e per la cui installazione il comune pare abbia affrontato una spesa superiore a 100mila euro? Domande legittime, tutte queste, che rischiano di accreditare il dubbio che, più che puntare sulla sicurezza dei cittadini, si punti sul loro portafogli per fare cassa.

Pino La Rocca (www.sibarinet.it)

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza