Procura Paola

Medico ucciso a Cetraro, trovata l’arma ed una persona è sospettata del delitto

Si stringe sempre di più il cerchio sull’omicidio di Anna Giordanelli, il medico di base di 53 anni, assassinata ieri pomeriggio a Cetraro.

CETRARO (CS) – Ci sarebbe un sospettato per l’omicidio di Anna Giordanelli, anche se la Procura della Repubblica di Paola mantiene ancora uno stretto riserbo. Si tratterebbe di un uomo, legato da vincoli familiari al medico ucciso, che è stato portato nella caserma dei carabinieri ed in queste ore è sottoposto ad interrogatorio. L’arma del delitto intanto è stata ritrovata; si tratta di un ‘piede di porco’, in quanto sull’arnese in ferro sono stati trovati capelli e sangue appartenenti presumibilmente alla vittima, e che era stato abbandonato nelle vicinanze del luogo dell’omicidio.

Stiamo stringendo il cerchio” ha dichiarato il procuratore della Repubblica di Paola Bruno Giordano in merito alle indagini anche se il magistrato non ha voluto aggiungere altro. Sembrerebbe però, secondo fonti vicine alle indagini, che un uomo sia stato portato nella caserma dei carabinieri per essere interrogato e su di lui graverebbero i sospetti di essere l’autore dell’omicidio ma al momento non è stata resa nota l’identità della persona. Sempre secondo quanto si è appreso, le indagini avrebbero imboccato la via dell’ambito familiare e della vita privata della donna che, è stata uccisa con colpi alla testa e non avrebbe sul corpo altre ferite.

“Nel pomeriggio di oggi o al massimo domani ci sara’ l’autopsia – dice Giordano – che ci dira’ di piu’ sulla causa della morte“. Al momento pertanto non si hanno notizie certe di provvedimenti di fermo, ma da parte degli inquirenti arriva la conferma che alcune persone sono state ascoltate e che è stato già  affidato l’incarico per l’esame autoptico.

Foto Ansa