Il Comune di Tarsia approva il progetto del cimitero per migranti

Sorgerà su area di novemila metri quadrati e costerà quattro milioni di euro.

 

TARSIA (CS) – La giunta del Comune di Tarsia, nel cosentino, ha approvato il documento preliminare per la realizzazione del cimitero per le vittime dei naufragi nel Mar Mediterraneo. L’iniziativa è stata ideata e promossa dal leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, che ha poi trovato la disponibilità per la realizzazione del Comune di Tarsia e della Regione Calabria. Il cimitero sorgerà su un’area di novemila metri quadrati e sarà diviso in due sezioni, una comunale e l’altra per i migranti vittime di naufragi, con sepoltura a terra e in loculi. “Abbiamo proposto – ha specificato il sindaco di Tarsia Roberto Ameruso – che la parte destinata alle vittime del mare abbia una connotazione laica, quindi senza simboli religiosi. Riteniamo sia un atto di umanità pura e vogliamo rispettare le vittime”. Per la realizzazione del progetto è previsto un investimento pari a quattro milioni di euro. Il documento dopo l’approvazione in Consiglio comunale, sarà presentato al Consiglio regionale e al ministero degli Interni.