ASCOLTA RLB LIVE
Search

Ombrelloni selvaggi per occupare ‘un posto al sole’. Il blitz dei vigili in spiaggia

Un vero e proprio blitz quello compiuto martedì mattina sulla spiaggia di Montegiordano dai vigili urbani e dal personale del comune di Roseto Capo Spulico contro la collocazione ‘selvaggia’ degli ombrelloni.

MONTEGIORDANO (CS) – A seguito delle recenti notizie legate all’inquinamento del Tirreno, alle spiagge abitate dai ratti e alla schiuma che compare nel mare, in molti scelgono per le vacanze, anche quelle ‘mordi e fuggi’ la costa jonica, che negli ultimi tempi registra presenze sempre più consistenti. E il rischio di arrivare in spiaggia e non trovare un posticino vicino al mare, è reale. E così molti vacanzieri avranno pensato di poter risolvere questo problema lasciando piantati nella sabbia i loro ombrelloni, per ‘occupare’ un posto in maniera ‘duratura’.  Succede spesso infatti,  di vedere ombrelloni sulle spiagge, chiusi al calar del sole, e lasciati dai bagnanti per giorni e giorni con l’intento di ‘riservarsi un posto al sole’, più vicino possibile al mare. Ma a Montegiordano è scattata una sorta di retata, con l’ausilio dei vigili urbani e del personale del Comune di Roseto, che ha portato alla rimozione e al sequestro di 65 ombrelloni, 38 sedie da mare di vario tipo e 110 bastoni da supporto per ombrelloni. Oggetti, che erano stati abbandonati  dai rispettivi proprietari sulla spiaggia al di fuori della fascia oraria dedicata alla balneazione, nonostante un’ordinanza balneare emanata come ogni anno che vieta ai bagnanti tra l’altro, l’occupazione dell’arenile con qualunque tipo di attrezzatura.

ombrelloni chiusi

Una cattiva pratica quella di alcuni, di lasciare il proprio ombrellone, sedia e quant’altro, per riservarsi il posto ogni giorno e riscontrata anche in altri comuni costieri del territorio, non solo jonico. Una sorta di occupazione della spiaggia, che nega però il diritto di tutti gli utenti a poter liberamente trovare ed occupare un posto sul bagnasciuga. Si perchè chi lascia l’ombrellone piazzato ritiene, probabilmente, di aver occupato quel tratto di spiaggia, ma questa pratica è assolutamente abusiva. Se gli ombrelloni però sono stati sequestrati, la maleducazione non ‘va in vacanza’ e l’occupazione abusiva dei posti in prima file sulla battigia è ricominciata.