‘Sila3Vette’, un evento sportivo unico al mondo nel cuore di Camigliatello

Dal 5 al 7  marzo torna la quinta edizione della manifestazione che vedrà podisti, biker, scialpinisti e specialisti di dog endurance  gareggiare da ogni parte d’Italia

 

 

COSENZA – In un periodo nel quale moltissime manifestazioni di sport amatoriale vengono cancellate per la pandemia, la Sila3Vette prosegue spedita il  cammino che la porterà dal 5 al 7 marzo a Camigliatello Silano a vivere la sua quinta edizione. Gli iscritti hanno superato la quota dei 150, un numero altissimo per questi tipo di competizione che unisce podisti, biker, scialpinisti e specialisti di dog endurance gareggiare insieme sugli stessi percorsi. Concorrenti che arrivano da ogni parte d’Italia e questo è un risultato straordinario: la manifestazione è d’interesse nazionale, quindi sarà possibile arrivare in Calabria anche da altre regioni. Pochissimi purtroppo gli stranieri a causa delle difficoltà di viaggio, ma è confermata la presenza di uno specialista spagnolo delle ultramaratone.

Per tutti il territorio la Sila3Vette rappresenterà una boccata d’ossigeno, in un periodo nel quale la pandemia ha fermato quasi tutto, tenendo chiusi gli impianti sciistici e dando un ferale colpo a tutto il comparto regionale del turismo. In caso di neve abbondante, è attesa la partecipazione di un equipaggio triestino con una slitta trainata da 8 cani per la prima storica traversata della Sila attraverso il suo percorso principale, quello da 140 km inaugurato lo scorso anno ma solamente a invito. Alle iscrizioni (quest’anno aperte a tutti)  saranno oltre una quindicina che affronteranno l’avventura estrema.

Il programma ‘Sila3Vette’

Ricordiamo la formula di gara, che terrà naturalmente nel massimo conto tutte le disposizioni sanitarie necessarie per l’organizzazione sportiva in tempo di Covid. Oltre al tracciato da 140 km per 5.500 metri di dislivello, ci sarà l’Ultra da 80 km per 2.684 metri, la Challenger da 40 km per 1.280 metri e la 21 km. Le iscrizioni sono in via di conclusione, prevista per il 21 febbraio: i costi vanno dai 300 euro per la 140 km ai 200 per l’Ultra, 140 per la Challenger, 50 per la 21 km. L’appuntamento è per le ore 7:00 del 5 marzo per la prima partenza, quella della gara più lunga.