Frascineto tra i Comuni rifiuti free del 2020

Frascineto è il primo comune in Calabria nella raccolta differenziata, con una percentuale dell’86,42% e del 41,5% pro-capite per il secco residuo

 

FRASCINETO (CS) – Legambiente inserisce Frascineto tra i comuni rifiuti free per il 2020. “L’importante risultato raggiunto ci incoraggia ad andare avanti nel percorso intrapreso”. Ha detto il sindaco Angelo Catapano. “Esprimo grande soddisfazione – ha poi aggiunto il sindaco – non solo per le alte percentuali di raccolta differenziata ma per la continuità negli anni di un processo in cui tutti sinergicamente sono stati protagonisti in un prezioso quotidiano impegno: i cittadini per la sensibilità dimostrata, la giunta, i consiglieri, i tecnici, il personale dipendente, la società Ecology Green e l’intera amministrazione comunale per il lavoro svolto”.

Per l’assessore all’ambiente Antonio Gaetani, i risultati raggiunti sono il frutto di un lavoro di squadra e di una visione strategica, e oggi, più che mai, questo risultato ci spinge ad andare oltre per conseguire il 100% nella raccolta differenziata. “Tanti passi sono stati fatti – ha detto Gaetani – ma ancora tanti bisognerà farne per un cambio culturale faticoso, ma indispensabile per passare da un modello lineare ad un modello di economia circolare: riduzione dei rifiuti alla fonte, raccolta differenziata, riciclo e riuso. I rifiuti da problema, possono trasformarsi in una preziosa risorsa, generando anche possibilità occupazionali”.

La tutela dell’ambiente e del territorio sono prioritari per l’assessore all’ambiente Gaetani, che con il sostegno della consigliera Rosetta Perrone, ha introdotto, in questi anni di amministrazione, nuove metodologie di controllo sui rifiuti e ridotto notevolmente la produzione del rifiuto secco indifferenziabile, contribuendo così ad aumentare le percentuali delle ‘risorse’ da riciclare. “A breve – ha concluso Gaetani -, saranno anche distribuiti alla cittadinanza i nuovi kit per la raccolta differenziata e sarà introdotto il compostaggio domestico, con l’auspicio che i risultati raggiunti fino ad ora siano sempre in ascesa, che rendono la comunità arberesche, comune ecosostenibile”.