FOTO- VIDEO Paura ad Amantea, crolla un costone di roccia. Evacuate alcune abitazioni

Un forte boato e poi il crollo improvviso che ha interessato una grande porzione di roccia nella parte storica del comune tirrenico. Sul posto carabinieri e vigili del fuoco che hanno transennato la zona anche per il rischio di una fuga di gas e ulteriori crolli. Sgomberate 50 persone

.

AMANTEA (CS) – Attimi di paura questa mattina ad Amantea e tragedia per fortuna solo sfiorata, visto che poco dopo le 12.30 è letteralmente crollata una grossa porzione di roccia di tufo che si è staccata da un costone, finendo anche su alcune abitazioni e sulla strada nella parte storica e antica del centro del Tirreno cosentino, in località Catocastro, non lontano dalla grotta e dalla chiesa di San Francesco in una delle zone più belle e caratteristiche del comune. Al momento non si hanno notizie di possibili vittime, persone disperse o feriti, ma sono  in corso le ricerche. Sul posto sono subito intervenute le forze dell’ordine, i vigili del fuoco e la protezione civile insieme ai tecnici comunali.

Tecnici Italgas al lavoro “la zona è in sicurezza”

Per precauzione sono state già evacuate alcune abitazioni, in molte delle quali vivono persone anziane, all’incirca una cinquantina di persone. Tutta la zona è stata subito transennata e interdetta alla circolazione anche perché, a seguito del crollo, sono state danneggiate le condotte del gas e si sente un forte odore in tutta la zona. Per questo sono presenti e al lavoro anche i tecnici di Italgas. Un portavoce ha informato che tecnici del Pronto Intervento della Società sono al lavoro dopo che il crollo ha danneggiato una condotta provocando una dispersione. Accorsi tempestivamente sul posto, i tecnici hanno riportato in sicurezza l’area e sospeso temporaneamente l’erogazione a circa 48 utenze per procedere alla riparazione della condotta danneggiata.

Il boato, il crollo e la polvere

La strada che attraversa il centro storico è bloccata mentre adesso il rischio è che si possano verificare nuovi crolli e la caduta di massi. Per questo i vigili del fuoco stanno valutando se far sgomberare anche la abitazioni che si trovano proprio sotto la parete rocciosa, nei pressi della villa comunale. “Abbiamo sentito un boato fortissimo, poi c’è stato il crollo che per fortuna ha interessato una parte di un terrazzino e il giardino. C’era tanta polvere, abbiamo iniziato a sentire la puzza del gas e siamo immediatamente corsi fuori dalla paura”. Questo il racconto di un cittadini presenti nella zona al momento del crollo. Intanto la protezione civile regionale, in collaborazione con i Vigili del Fuoco, garantisce con 2 Associazioni di volontariato e una torre faro l’illuminazione del versante. La sala operativa regionale è in continuo contatto con la Commissione Prefettizia di Amantea per monitorare l’evolversi della situazione.