Evitare la chiusura delle scuole. A Rende, Spezzano e Laino screening a docenti e alunni

Al via campagna di screening alla popolazione studentesca e sul personale per tenere sotto controllo eventuali casi di positività e consentire la didattica in presenza in tutta sicurezza

.

RENDE – Il numero dei contagi cresce, la preoccupazione dei genitori resta alta e allora alcune amministrazioni comunali hanno deciso di muoversi autonomamente, effettuando campagne di screening e prevenzione della popolazione. Le scuole restano le sorvegliate speciali, visto che sono le prime a risentire delle chiusure in caso contagi. Attenzione puntata a insegnati, personale ATA e studenti che frequentano le scuole. L’unico modo di tenere sotto controllo il virus evitando la chiusura dei plessi e garantendo sicurezza è e resta quello della prevenzione. A Rende partirà a giorni una prima campagna di screening all’interno degli istituti scolastici del territorio e che riguarderà in questa prima fase solo la classe docente, gli amministrativi e i collaboratori che operano all’interno degli istituti. Screening che sarà effettuato, su base volontaria, in collaborazione con l’Unical. “Un percorso che riguarderà per ora il personale impiegato negli istituti e i docenti ed è un primo passaggio fondamentale” spiega il Sindaco Manna. “Serve effettuare il tampone e avere subito una risposta e non dopo 10 giorni perché le scuole sono un ambiente ad alto rischio. E il tampone rapido  – aggiunge è quello che ci può dare queste risposte. Con i finanziamenti covid possiamo pensare in una seconda fase di allargare lo screening anche agli alunni – ha concluso il sindaco di Rende – ma serve sinergia con la Regione”.

Didattica in presenza in sicurezza

Screening che partita anche a Spezzano della Sila. Il sindaco salvatore Monaco, in collaborazione con le associazioni di protezione civile e volontariato, ha organizzato una campagna di screening per la popolazione scolastica volontaria e gratuita. A disposizione tamponi rapidi da effettuare in modalità drive-in. Si potranno sottoporre ai tamponi gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado accompagnati in macchina dai genitori. I bambini della scuola dell’infanzia si potranno sottoporre a tampone anche un genitore, il personale docente e il personale Ata, compresi gli autisti e il personale della scuola.  “Abbiamo deciso di effettuare uno screening prima della riapertura della scuola per garantire ai bambini di tornare a scuola in tutta sicurezza anche perchè il nostro Comune a ottobre e Novembre è stato duramente colpito dall’epidemia” ha affermato il sindaco di Spezzano della Sila “ad oggi abbiamo due soli positivi nel nostro Comune ma stiamo con le antenne alzate e non abbassiamo la guardia. Siamo ancora in piena emergenza, basti guardare a quello che sta succedendo in altri paesi della Regione”.

Anche a Laino Borgo e Laino Castello si riparte  in sicurezza per garantire tranquillità a personale scolastico, ata  e di conseguenza come effetto riflesso anche ai bambini e alle loro famiglie. I comuni si preparano cosi al ritorno in presenza delle lezioni previsto per il 18 gennaio. Domenica a partire dalle ore 9.00 presso il poliambulatorio comunale di Laino Borgo verrà effettuata una campagna di screening gratuita sul corpo docente, il personale Ata e gli autisti per arrivare al giorno delle riapertura delle scuole in totale sicurezza avendo monitorato tutti i protagonisti di questa nuova stagione di formazione che arricchita anche dalla presenza dei vaccini sulla popolazione, nel prossimi futuro, possa garantire un ritorno continuativo per docenti e bambini. “Dopo aver azzerato i contagi – afferma Mariangelina Russo, sindaco di Laino Borgo – vogliamo ripartire in piena sicurezza garantendo vicinanza e tranquillità alle famiglie degli alunni e assistendo al meglio i docenti che torneranno ad accompagnare i ragazzi nel loro percorso formativo”.