Cariati, sequestrato depuratore per inadempienza della ditta

Il sindaco Filomena Greco: “La situazione emergenziale che si è verificata in questi ultimi giorni ha causato un danno irreparabile alla cittadina”

 

CARIATI (CS) – È stato posto sotto sequestro, da parte della Guardia Costiera, l’impianto di depurazione sito in località Fiume Nicà, a causa di numerose inadempienze da parte della ditta. Le stesse erano state riscontrate e verbalizzate durante il sopralluogo effettuato nella prima mattinata dal dirigente dell’area tecnica, alla presenza della Polizia Municipale, del personale della stessa ditta affidataria e di un tecnico di fiducia del Comune. A darne notizia è l’amministrazione comunale della cittadina dello Ionio cosentino

“Più volte – è scritto nella nota – anche i responsabili della ditta affidataria del servizio erano stati invitati anche via pec dal dirigente a recarsi presso l’impianto per verificare il corretto funzionamento e lo stato del luogo, ma questi non si sono presentati. La totale inadempienza della ditta affidataria più volte è stata oggetto di segnalazioni all’ufficio comunale competente da parte di tutta l’amministrazione ed in particolare del sindaco Filomena Greco che già nel novembre del 2019 aveva sporto denuncia alla autorità giudiziaria”.