Altomonte, al via i test sierologici. Appello assessore: “non sottrarsi all’esame”

Le operazioni di prelievo partiranno da domani; il centro sanitario sarà punto di raccolta anche per i comuni di Mottafollone, Santa Caterina Albanese e Roggiano Gravina

 

ALTOMONTE (CS) – “Prevenzione Covid, sottoporsi ai test sierologici significa offrire il proprio contributo alla ricerca scientifica e alla possibilità di individuare una cura ed un vaccino contro il virus. L’appello è di non sottrarsi all’esame.” È quanto dichiara l’assessore alla sanità Emilia Romeo informando con il Sindaco Giampietro Coppola che le operazioni di prelievo a cura della Croce Rossa partiranno da domani, venerdì 5 giugno e che il centro sanitario sarà punto di raccolta anche per i comuni di Mottafollone, Santa Caterina Albanese e Roggiano Gravina.

Il Sindaco coglie inoltre l’occasione per esprimere soddisfazione per l’esito negativo del secondo tampone effettuato sulla concittadina affetta da Covid. Zero – aggiunge – è ad oggi il numero di persone contagiate ad Altomonte. Disposti dal Ministero della Salute, sono 6314 i test sierologici che saranno effettuati in Calabria. Al Comune di Altomonte è stato richiesto di individuare un sito e di dare la disponibilità per la logistica.

“È un’analisi molto importante – precisa la Romeo – perché consentirà di rilevare se qualche soggetto è entrato in contatto con il virus, anche senza sintomi e sviluppato gli anticorpi. Traccia che potrebbe servire nella sperimentazione in atto. Le persone saranno contattate da un call center regionale. Saranno selezionate in base a criteri come sesso, nazionalità ed attività lavorativa svolta. I soggetti contattati potranno rifiutarsi, ma l’invito è a sottoporsi al test per contribuire a dare un quadro della situazione epidemiologica locale e nazionale e portare ad una risposta efficace alla lotta contro il Covid.”