A raccogliere asparagi, a spasso in bicicletta o in spiaggia. Denunce nel cosentino

Diverse le denunce e le sanzioni nei territori di Corigliano-Rossano, Sibari, Cassano e Villapiana da parte dei carabinieri forestali che in questi giorni hanno ulteriormente intensificato i controlli

.

COSENZA – Negli ultimi giorni si sono particolarmente intensificati i controlli sull’emergenza epidemiologica covid-19 da parte della Stazione di Rossano che ha elevato diverse sanzioni amministrative per aver trovato persone che senza comprovate necessità si sono allontanate dalle residenze dichiarate. Svariati i casi, persone trovate a raccogliere erbe spontanee, asparagi, a passeggio sulla spiaggia e in terreni agricoli. Anche la stazione di Corigliano è intervenuta nel Comune di Cassano Jonio per una serie di controlli in particolare nelle località di mare di Marina di Sibari e Bruscate dove i militari hanno sanzionato tre persone che erano in giro, uno di questi tranquillamente passeggiava lontano da casa con una bicicletta senza alcun giustificato motivo. Alte due sono state sanzionate a Villapiana controllate mentre erano in spiaggia.

Un uomo di 64 anni, invece, è stato denunciato dai militari di Rossano per falsità ideologica commessa in atto pubblico. L’uomo, fermato nel comune di Corigliano-Rossano area urbana di Rossano, durante un controllo, privo di autocerficazione, fornita dai militari, dichiarava di essere uscito per andare a fare la spesa. Tale atteggiamento non ha convinto i militari che controllando in seguito i suoi spostamenti hanno verificato come l’uomo si è recato a fare ben altro senza alcun giustificato motivo. Pertanto si è intervenuti nuovamente e proceduto alla denuncia dell’uomo.