Carolei, lo sfogo del sindaco: “Come controllo il territorio e tutelo i cittadini senza mezzi né uomini?”

Nei giorni scorsi il primo cittadino di Carolei era sceso lui stesso in strada per controllare gli ingressi e uscite della sua città, avendo a disposizione un solo vigile. Da qui la richiesta di aiuto al Prefetto di Cosenza

 

CAROLEI (CS) – Il sindaco di Carolei Francesco Iannucci, si sfoga in un post sulla sua pagina Facebook, rimarcando la sua amarezza e soprattutto, il suo timore, nel “proteggere” la città in mancanza di mezzi e forze dell’ordine per farlo.

“Sono stanco. – si legge nel post – Stanco di essere lasciato solo dalle istituzioni. Stanco di dover stare in trincea senza mezzi né uomini. Come faccio a controllare il territorio e tutelare i cittadini senza mezzi né uomini? Prima bisognava organizzare e predisporre i presidi ed i controlli e poi emettere i decreti e le ordinanze. Se continuerò ad essere non ascoltato sarò costretto a blindare il paese e chiudere ogni strada di accesso nel nostro territorio con i new jersey in cemento.” Da qui la sua richiesta di aiuto al Prefetto di Cosenza, nel fornirgli un supporto di uomini.

 

Nei giorni scorsi il primo cittadino di Carolei era sceso lui stesso in strada per controllare gli ingressi e uscite della sua cittadina, avendo a disposizione un solo vigile.

 

MAGORNO (IV): “SOSTEGNO AL SINDACO DI CAROLEI, SINDACI CALABRESI OPERANO IN ESTREMA EMERGENZA”

“La carenza di agenti di Polizia Municipale è una drammatica condizione in cui operano i sindaci calabresi. Il documento del Sindaco di Carolei sintetizza perfettamente le difficoltà quotidiane dei primi cittadini. A lui va tutto il mio sostegno, i sindaci calabresi hanno bisogno di risposte immediate per tutelare il territorio e il corretto rispetto delle regole per vincere la battaglia contro il #Coronavirus”. Così il Senatore IV, Ernesto Magorno, in relazione alla lettera del sindaco di Carolei, Francesco Iannucci sui problemi relativi al controllo del territorio.