E’ del 25enne scomparso il DNA del cadavere ritrovato a Bisignano

Il corpo era in avanzato stato di decomposizione in una scarpata

 

BISIGNANO (CS) – Era nel centro commerciale Il Castello l’ultima volta che è stato visto. Di Luigi Fumarola, 25enne di Bisignano si erano perse le tracce i primi giorni di luglio. Abitava da solo in via Mastro D’Alfio a 500 metri di distranza da quel bar in cui si trovava prima di scomparire. Il suo corpo in avanzato stato di decomposizione è stato ritrovato in un precipizio alto circa sei metri, tra le campagne di Bisignano sulla strada che porta ad Acri il 15 agosto. Ad allertare le forze dell’ordine è stato un cercatore di fichi d’India che si era inoltrato nei boschi. Il cadavere è stato recuperato dai Vigili del Fuoco poco distante dalle vasche dell’acquedotto in una zona impervia nei pressi della località Serricella dove non c’è rete cellulare.

 

 

In oltre due mesi, sulla sparizione di Fumarola a Bisignano si è registrato un particolare clima di omertà. Le analisi del DNA nei giorni scorsi, consegnate insieme agli esami autoptici, hanno rivelato che si tratta di Luigi Fumarola e che si tratta di una morte violenta cui dinamica è ancora in corso di accertamento. Al momento non si esclude l’ipotesi dell’omicidio. I funerali si terranno mercoledì pomeriggio alle 15:30 nella cattedrale di Bisignano.

 

FOTO – Bisignano, giovane 25enne scomparso da giorni. L’ansia della famiglia

Cadavere in decomposizione tra le campagne della provincia cosentina