ASCOLTA RLB LIVE
Search

Franco Muto ai domiciliari per l’età avanzata: «è previsto dalla legge»

Il “re del pesce” considerato capo dell’omonimo clan della ‘ndrangheta di Cetraro è stato assegnato ai domiciliari non per le sue condizioni di salute ma per l’età avanzata e lo prevede la legge.

 

CETRARO (CS) – Uno dei legali di Franco Muto, l’avvocato Luigi Gullo, interpellato dopo le polemiche scaturite dalla concessione del beneficio degli arresti domiciliari spiega all’Agi che la misura gli è stata concessa “perché lo impone la legge per tutti i detenuti comuni ultrasettantenni e le sue condizioni di salute non c’entrano”. Muto è stato condannato a oltre 7 anni di carcere per intestazione fittizia di beni e contro la decisione di farlo tornare a casa erano intervenuti nelle ultime ore il presidente della commissione antimafia, Nicola Morra (M5S), il commissario del Pd calabrese Stefano Graziano, il deputato dello stesso partito Ernesto Magorno, le parlamentari Jole Santelli (FI) e Wanda Ferro (FdI).

Gullo si è espresso duramente contro il Partito Democratico: “Finché si registrano certe prese di posizione da parte di movimenti populisti che cavalcano questi argomenti o da chi milita in partiti che professano ordine e disciplina, la cosa non mi meraviglia. Mi meraviglia, invece, che nel Pd ci sia chi rimanda ai libri di Gratteri (procuratore di Catanzaro, ndr) invece che alla Costituzione o ai codici. Non si può essere garantisti solo quando arriva un avviso di garanzia al presidente della Regione, Mario Oliverio (del Pd, ndr)”.

“Caduta l’associazione mafiosa – afferma ancora Gullo – Franco Muto è un detenuto comune, sebbene con un nome pesante. Per questo, come prevede la legge per gli ultrasettantenni, le sue condizioni prevedono che sconti la pena ai domiciliari. E’ sbagliato sostenere che ciò dipenda dalle sue condizioni di salute. Franco Muto – prosegue l’avvocato – è stato sottoposto a perizia medica ed è stato stabilito che le sue condizioni fisiche erano compatibili con la detenzione, gli è stato invece riconosciuto il beneficio dovuto all’età avanzata. Il tribunale della Libertà ha solo preso atto della legge. Si tratta, peraltro, di una normativa votata proprio dal Pd nel 2014-2015”.

Franco Muto, quasi ottantenne, era ristretto in regime di 41 bis dopo la condanna per intestazione fittizia di beni inflittagli dai giudici del Tribunale di Paola. Era stato, invece, assolto dall’accusa di associazione mafiosa.