Medico del 118 accoltellato durante un intervento di soccorso

L’aggressione nei confronti di un medico del 118 che era intervenuto dopo una chiamata arrivata alla centrale operativa.

 

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Il fatto si è verificato domenica mattina nel centro storico dell’area urbana di Rossano di Corigliano Rossano. Arrivata una richiesta di soccorso la chiamata viene presa in carico all’ospedale di Rossano che manda subito un’ambulanza con a bordo un medico e un infermiere. Giunti sul posto accade l’inaspettato. Il personale del 118 si ritrova davanti un uomo armato di un coltello. Il medico in un primo momento tenta di parlare con lui e di calmarlo, ma questi senza motivo si scaglia contro i sanitari e ferisce il medico alla mano sinistra. L’uomo è stato bloccato grazie all’intervento dei familiari e secondo i primi riscontri è stato sottoposto a fermo.

Nel parapiglia generale intervengono anche i familiari dell’uomo che riescono così a bloccarlo. Nel frattempo erano stati allertati anche i carabinieri che giunti sul posto hanno sottoposto l’uomo a fermo e in serata dopo la formalizzazione della denuncia è stato sottoposto a fermo. Il medico ferito invece ha riportato una ferita lacero contusa alla mano e una forte contusione alla spalla. Ancora poco chiari i motivi che hanno portato l’uomo ad aggredire il medico.

Continua a leggere su QuiCoriglianoRossano.it

“Le aggressioni a danno di medici e di sanitari nell’esercizio delle loro funzioni – ha dichiarato Iembolo Sinibaldi, responsabile regionale 118 del Sindacato medici italiani della Calabria – sono un fenomeno generalizzato che si manifesta in tutto il Paese, dal Nord al Sud dell’Italia. Per queste ragioni la nostra parte sindacale fa appello al Parlamento affinché vari una legge che riconosca ai medici in servizio (convenzionati e dirigenti) lo status di pubblico ufficiale e che vari una Commissione Parlamentare che studi il fenomeno e proponga delle soluzioni”.

“In Calabria, così come in tutto il Paese ci battiamo affinché la questione ‘Sicurezza sui luoghi di lavoro in sanità’ diventi necessariamente uno dei parametri che concorre al raggiungimento degli obbiettivi delle Aziende sanitarie e degli ospedali. Tutelare professionisti medici e sanitari che garantiscono la salute dei cittadini – conclude Sinibaldi – è una questione di buon senso, oltre che di civiltà”.