ASCOLTA RLB LIVE
Search

Il gesto nobile del sindaco di Lago: “con la mia indennità acquisto un defibrillatore” (AUDIO)

Il valore di un piccolo gesto per lanciare anche un messaggio significativo alla politica che non sempre si occupa prioritariamente dei cittadini. Il sindaco di Lago ha dimostrato grande attenzione verso la sua comunità

 

LAGO (CS) – E’ stato molto apprezzato il gesto del sindaco di Lago, Enzo Scanga, piccolo centro della provincia cosentina situato tra mare e montagna, che ha pubblicato sul suo profilo Facebook un post nel quale ha annunciato la sua rinuncia all’indennità di 1.500 euro da sindaco, per donare alla comunità di Lago, un Kit salvavita e un defibrillatore di ultima generazione (DAE per esterno). Non si aspettava di ricevere tanta attenzione, anche da parte della stampa, e il suo intento era semplicemente quello di dare un contributo importante al suo comune e ai suoi concittadini.

“Anteporre la salute di noi tutti a qualsiasi altra priorità è alla base di ogni condivisibile strategia politica. Perché, La Vita è Bella!”; si conclude così il suo post che ha fatto il giro della rete. Ed Enzo Scanga, eletto nel 2016, che già lo scorso anno insieme ad alcuni componenti della sua giunta aveva destinato parte dell’indennità al suo comune, ha ricevuto i complimenti dai suoi cittadini e dalle comunità limitrofe.

Già lo scorso anno, il sindaco Scanga, il vicesindaco Ilaria De Pascale e l’assessore Antonella Mazzotta avevano donato la somma delle indennità delle rispettive cariche amministrative, per il recupero di monumenti storici, per il decoro urbano, la viabilità comunale.

“La mia intenzione non era certamente quella di pubblicizzare il mio gesto – racconta il sindaco ai microfoni di RLB – ma di offrire un servizio alla mia comunità”

ASCOLTA 

“E’ da un pò di tempo che ho deciso di rinunciare ad una parte della mia indennità per acquistare un kit di defibrillazione utile come strumento salvavita in casi di difficile o tardivo intervento di primo soccorso. La mia rinuncia all’indennità – spiega il primo cittadino – che ha suscitato meraviglia, in realtà vuole essere un episodio sintomatico di quella che dovrebbe essere la naturale vocazione della politica ossia di un servizio, non a sé stessi o ai propri sostenitori ma alla Comunità. Questo affinché i cittadini possano vedere la politica non come uno strumento di esercizio del potere ma un veicolo umano, di valori e di condivisione”. “Ho compiuto questo semplice gesto nella speranza che possa rappresentare un piccolo esempio di rinuncia solidale affinché altri possano fare altrettanto se non di più”.

L’installazione e il montaggio del dispositivo è previsto per lunedì o martedì della prossima settimana, spiega Enzo Scanga ai microfoni di RLB, e sarà organizzato un incontro in piazza con medici e personale competente per fare dimostrazioni pratiche e successivi corsi di B-LSD alla base per utilizzare questi strumenti. Sarà posizionato nella piazza centrale vicino alla Guardia Medica dove ci sono anche la Caserma e il Comune e di conseguenza sarà anche controllato.