ASCOLTA RLB LIVE
Search

Centro medico legale Inps a Cosenza, Corigliano Rossano pronta a “moti popolari”

Una delegazione di ex consiglieri comunali e attivisti politici di Corigliano Rossano, nei giorni scorsi ha incontrato il direttore dell’Inps di Corigliano Rossano in merito al trasferimento del centro medico legale a Cosenza

 

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – L’incontro con il massimo rappresentante della sede locale dell’Inps è stato utile ad evidenziare l’importanza e l’efficienza della sede Inps, che opera in un bacino d’utenza di 220 mila abitanti. La delegazione ha poi bollato la determina del presidente nazionale Inps, Tito Boeri del 30 novembre scorso che sancisce il trasferimento del centro medico legale a Cosenza, come «atto irriguardoso e arrogante».

 

«L’atteggiamento – hanno ribadito – è ormai chiaro: esaurire la Piana di Sibari riducendo tutti i servizi al cittadino. È estenuante e umiliante che si debba lottare tutti i santi giorni col coltello fra i denti per ottenere semplicemente ciò che spetta. Siamo costretti a dover fronteggiare anche gli effetti di una malapolitica miope, ma anche a dover constatare una non presa di coscienza da parte del commissario prefettizio di Corigliano Rossano, il quale, ancora oggi, probabilmente non ha chiari quello che sono il suo ruolo e le sue responsabilità. Questa relativa al centro medico legale dell’Inps è solo l’ultima di una serie di vertenze territoriali quali sanità, giustizia, trasporti e malagestione della cosa pubblica».

 

«Inoltre – hanno aggiunto – non giunge alcuna presa di posizione da parte dei rappresentanti locali eletti in Parlamento: tre deputati e un senatore che fino ad oggi non sono stati assolutamente in grado di tutelare casa loro, prestando il fianco a logiche e dinamiche estraterritoriali. Nei prossimi giorni concorderemo una data per manifestare civilmente, ma a muso duro, tentando di far sentire la voce di un popolo che esiste ed esige rispetto. Saranno chiamati a partecipare cittadini, forze politiche comunali, provinciali, regionali, associazioni di categorie e sindacati».

Adele Olivo, ex consigliere comunale
Maria Granieri, ex consigliere comunale
Gino Promenzio, presidente Fiori d’Arancio
Luigi Salimbeni, presidente Idea Futuro
Raffaele Vulcano, ex consigliere comunale
Marinella Grillo, ex consigliere comunale
Paolo Lamenza, coordinatore Lega Rossano
Patrizia Curia, ex consigliere comunale
Flavio Stasi, ex consigliere comunale
Rodolfo Alfieri, coordinatore MNS
Titty Scorza, ex consigliere comunale

 

LA RISPOSTA DELL’INPS IN MERITO ALLA CHIUSURA DEL CENTRO MEDICO LEGALE

 

 

“La Direzione regionale Inps Calabria, in merito agli articoli pubblicati sui quotidiani locali e regionali ed al fine di esercitare il diritto di rettifica, – scrive in una nota il direttore regionale Inps Calabria Diego De Felice – ritiene opportuno chiarire quanto viene definito dalla Determinazione presidenziale n. 150 del 30/11/2018, in riferimento al nuovo assetto organizzativo dell’Area medico legale dell’Istituto e nello specifico in Calabria. In attesa di una circolare interna che disciplini con più trasparenza e chiarezza quanto stabilito con la suddetta determinazione, la scrivente Direzione assicura che nulla è cambiato e nulla cambierà nel servizio sanitario fornito all’utenza presso le agenzie complesse Inps calabresi di Corigliano-Rossano e di Lamezia Terme.

 

 

Precisa inoltre che l’Istituto ha premura che nessun disagio venga arrecato ai fruitori dei servizi e soprattutto a coloro che rientrano nelle fasce sociali più fragili. Il nuovo assetto organizzativo dell’Area Medico Legale Inps, che stabilisce le attività territoriali e quelle funzionali, mantiene lo svolgimento dell’attività sanitaria presso le due agenzie complesse, pur in presenza di una carenza di risorse (in particolare del personale medico) ben specificata nella determinazione n. 150 del 30 novembre 2018. La Direzione sottolinea ancora una volta che le due agenzie complesse della Calabria di Corigliano-Rossano e di Lamezia Terme non subiranno chiusure nell’attività medico legale. In virtù del principio di trasparenza e correttezza, la Direzione regionale Inps Calabria, rimane, come sempre, a disposizione per qualsiasi chiarimento”.