ASCOLTA RLB LIVE
Search

Corigliano, rapinata banca: bottino da 20 mila euro, i carabinieri sulle tracce dei rapinatori

In quattro hanno “ammanettato” con fascette di plastica un dipendente per poi darsi alla fuga con il magro bottino. Dall’accento sembrerebbero originari della campania. I militari dell’Arma lavorano sulle impronte lasciate dalla banda

 

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Assaltata la Banca Sviluppo Credito Cooperativa a Corigliano Scalo in orario di chiusura intorno alle 15 del pomeriggio di ieri. All’interno ancora qualche cliente ed i dipendenti. La banda è entrata in azione con il volto travisato da calze. Uno dei quattro è rimasto fuori l’istituto di credito con funzioni di palo per allertare i compagni qualora qualcosa si mettesse male. Gli altri tre complici sono entrati disarmati e, solo intimidendo i presenti sono riusciti a portare via i soldi che ancora non erano stati messi al sicuro nella cassaforte a tempo. Minacce verbali, di stare fermi, di non muoversi altrimenti sarebbero passati alle maniere forti. Questo è bastata perchè la banda potesse mettere in atto il crimine. Nessun ferito si è registrato, solo tanta paura e il “buon senso” di non muoversi fino a quando una volta in fuga non hanno dato l’allarme dalla banca.

Un dipendente è stato ammanettato con delle fascette di plastica, utilizzate in genere per lavori edili e termoelettrici, e indotto a consegnare il denaro. Sul posto sono intervenuti i militari dell’Arma della compagnia di Corigliano diretta dal capitano Cesare Calascibetta che hanno sentito i testimoni presenti all’azione criminale. I carabinieri hanno sequestrato i filmati della videosorveglianza e individuato e prelevato le impronte lasciate dai rapinatori. Le indagini sono a buon punto. Sembra che la banda sia di origini campane e soprattutto si tratterebbe di ragazzi giovani e, per le modalità con cui hanno eseguito la rapina e lasciato tracce di riconoscimento, molto inesperti