ASCOLTA RLB LIVE
Search

Rievocata battaglia contro i Saraceni che invasero l’antico borgo del Cosentino (FOTO)

La testa del capo guarnigione decapitata divenne la testimonianza della vittoria ed è ancora oggi lo stemma del Comune di Morano

 

MORANO CALABRO (CS) – Rievocazione storica di un’epica battaglia sostenuta e vinta dai moranesi intorno IX – X secolo per affrancarsi dal giogo saraceno. Le fonti collocano la manifestazione nel mese di maggio, nei giorni dedicati a San Bernardino da Siena (patrono della cittĂ , prodigo di favori nei confronti di questa devota popolazione e del paese, avendolo, nel 1496, mediante una prodigiosa apparizione, salvato dal saccheggio da parte del condottiero spagnolo Consolavo de Cordova). Secondo la tradizione, nel combattimento (tramandato come battaglia di Petrafocu, dal nome della contrada prospiciente la cittadina, sito nel quale si sarebbe consumato il cruento scontro) il capo guarnigione sarebbe stato catturato e decapitato. La testa del moro ancora sanguinante portata per i vicoli dell’abitato sarebbe infine divenuta testimonianza perenne della vittoria sugli invasori.

 

L’immagine della “testa di moro” che si richiama, appunto, a questo episodio, divenne con il trascorrere degli anni un simbolo iconografico dalla chiara matrice popolare e culturale. Il reperto più antico, legato alla vicenda altomedioevale, ancora oggi visibile e ben conservato, si trova in una epigrafe lapidea che sormonta la fontana cittadina di Piazza San Nicola, risalente al 1561. Dopo alcune modifiche e contaminazioni araldiche, apportate soprattutto tra il Cinquecento e il Settecento, il blasone raffigurante la testa del saraceno è tuttora lo stemma di Morano. La testa mozza è sovrastata da tre colline, nelle quali gli studiosi individuano variamente i tre borghi del paese o, più fantasiosamente, le colline Petrafocu, Monzone e Sant’Angelo, un tempo urbanizzate.

 

Nello stemma sopravvive il motto latino: “Vivat sub umbra” (Viva nell’ombra il Moro), segno eloquente del legame nutrito dai moranesi verso il ricordo di una battaglia che, pur nell’incertezza della sua reale identificazione storiografica, si è impresso nella memoria ed è divenuto incancellabile fattore identitario. Appaiono poco fondate le tesi di quanti intravedono un’attinenza fra la battaglia di Petrafocu, la decapitazione del Moro e il toponimo “Morano”. E’ ormai opinione diffusa, infatti, che le origini del borgo risalgano all’epoca della Magna Grecia, e giĂ  esistente nel II secolo a.C., come risulta dall’incisione del nome Muranum (o Summuranum) in diversi reperti, quali: il “Lapis Pollae, II secolo a.C., l’Itinerario di Antonino Pio (II secolo), la Tabula Peutingeriana (III secolo), tutte testimonianze di etĂ  decisamente anteriore alle incursioni musulmane. I tre i rioni (San Pietro (oCastello); San Nicola (oGiudea); Maddalena (oOlmi)) che costituiscono l’intricata maglia urbana dell’abitato antico, insieme alle associazioni del territorio, sotto lo stimolo organizzativo e promotore del Comune, del sodalizio Cultour Morano e della Pro Loco, sono coinvolti attivamente nella realizzazione della Tre giorni della rievocazione.

 

Ed è proprio nelle fasi preparatorie e nei lunghi convegni propedeutici alla festa che si rinsaldano vincoli e prossimitĂ , si riscopre l’appartenenza alle proprie radici, si progettano percorsi di sviluppo, ci si stringe la mano e si riempie di contenuti e valori l’essere comunitĂ  viva e collaborante. Si può affermare senza tema di errore che nel periodo della festa si respira un’aria di fratellanza, che raramente si percepisce altrove. Il dedalo di viuzze colorate, le centinaia di bandiere che sventolano in ogni angolo, i balconi e le finestre agghindati con piante e fiori profumati, l’imponenza maestosa e suggestiva del Castello Normanno/Svevo dominante dall’alto il centro storico, il riecheggiare dei vecchi mestieri nelle botteghe artigianali allestite nei caratteristici fondaci, il via vai di visitatori che fruiscono del patrimonio architettonico di un borgo Bandiera arancione, fanno risaltare ancor piĂą e meglio la bellezza di Morano. La qual cosa contribuisce a rafforzare concretamente i nobili sentimenti e la nota capacitĂ  di accoglienza della comunitĂ , rendendola aperta, disponibile e accogliente.

 

FOTO DI MARCO BELMONTE




Impostazioni sulla privacy

Statistiche

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Necessario

Meteogiuliacci.it - I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito Web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

_cfduid

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti Web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

d, IDE, r/collect, test_cookie

Non classificati

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.

_app_sess, afsu, google_experiment_mod, google_pub_config